Kurt Masur sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini

07/apr/2006 12.28.11 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?

Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

Kurt Masur sul podio

della Filarmonica Arturo Toscanini

per l’ultimo appuntamento

della Stagione Concertistica 2005-2006

Il celebre maestro con la giovanissima violinista

Sarah Nemtanu sarà impegnato in un programma

interamente dedicato a musiche di Felix Mendelssohn- Bartholdy

Parma, Auditorium Niccolò  Paganini

giovedì 13 aprile 2006, ore 20.30

 

Sarà Kurt Masur a dirigere la Filarmonica Arturo Toscanini giovedì 13 aprile all’Auditorium Paganini, per l’ultimo appuntamento della Stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma, violino solista la giovanissima Sarah Nemtanu. Il programma sarà interamente dedicato alla musica del compositore tedesco con l’ouverture Ruy Blas op. 95, il Concerto in mi minore per violino e orchestra op. 64 e la Sinfonia n.3 in la minore op 56 “Scozzese”.

Dopo Ruy Blas, ouverture ispirata al celebre drama di Victor Hugo, Kurt Masur, per la prima volta sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini dirigerà la ventiquattrenne Sarah Nemtanu, nel Concerto in mi minore per violino e orchestra. La pagina nacque dall’amicizia e ammirazione del compositore tedesco per il violinista Ferdinand David, precoce talento musicale che Mendelssohn incontrò quando lui stesso era ancora un enfant prodige. Mendelssohn chiamerà David a collaborare con lui quando gli sarà affidata la guida del Gewandhaus di Lipsia e dopo breve tempo gli annuncerà l’intenzione di dedicargli un concerto. Passeranno anni, però, prima che il progetto prenda forma e possa aver luogo la prima e fortunatissima esecuzione, il 13 marzo 1845. Chiude la serata la Sinfonia “Scozzese” completata nel 1842: un flusso ininterrotto di musica con i quattro movimenti eseguiti senza soluzione di continuità, come una ballata piena di contrasti e di effetti.

Dal 1970 per oltre venticinque anni, Masur è stato direttore musicale della Gewandhausorchester di Lipsia, posto occupato in passato da personalità prestigiose come lo stesso Mendelssohn e successivamente nel XX secolo da Wilhelm Furtwängler e Bruno Walter. Nel 1974 Mausr ha debuttato negli Stati Uniti come direttore dell’Orchestra di Cleveland e nel 1981 ha debuttato nella Filarmonica di New York e dal 1991 al 2002 ha ricoperto il ruolo di direttore musicale della prestigiosa orchestra americana. Dal 1991 Masur presiede la Internationale Mendelssohn-Stiftung allo scopo di salvaguardare e ricostruire la casa in cui abitò e morì Mendelssohn. Vastissima la discografia del direttore tedesco che sale per la prima volta sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini nel concerto che conclude la stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma.

La Stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS e con la collaborazione di Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma e della Fondazione Filarmonica Arturo Toscanini, partner ufficiale della Stagione Concertistica del Teatro Regio Cariparma e Piacenza. Per il concerto della Filarmonica Arturo Toscanini la Fondazione Filarmonica Arturo Toscanini ringrazia del sostegno la Regione Emilia Romagna.

Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

KURT MASUR

È nato a Brieg, in Silesia, nel 1927. Ha studiato pianoforte, composizione e direzione d’orchestra al College di musica di Lipsia. Nel 1955 ha diretto la Filarmonica di Dresda e dal 1960 al 1964 è stato direttore musicale della Komische Oper di Berlino. Dal 1970 al 1996 è stato direttore musicale della Gewandhausorchester di Lipsia, posto occupato in passato da personalità prestigiose come Felix Mendelssohn, Wilhelm Furtwängler e Bruno Walter. Quando ha lasciato la Fondazione gli è stato attribuito il titolo di direttore emerito. Nel 1974 ha debuttato negli Stati Uniti come direttore dell’Orchestra di Cleveland e nello stesso anno ha guidato la Gewandhausorchester nella sua prima tournée americana. Nel 1981 ha debuttato nella Filarmonica di New York. Nel 1989 partecipa da protagonista alle manifestazioni pacifiste che hanno condotto alla riunificazione della Germania, attirando su di sé l’attenzione del mondo intero. Nel 1991, sotto la sua presidenza, viene fondata la “Internationale Mendelssohn- Stiftung eV”, allo scopo di salvaguardare e ricostruire la casa in cui abitò e morì Mendelssohn (nel 2003 nascerà anche la Fondazione Felix Mendelssohn- Bartholdy). Nel 1992 è stato nominato direttore ospite onorario della Filarmonica d’Israele. Dal 1991 al 2002 ha ricoperto il ruolo di direttore musicale della New York Philharmonic, e alla fine del suo mandato è stato il primo direttore nella storia della prestigiosa orchestra a diventarne direttore musicale emerito. Dopo aver diretto le formazioni sinfoniche più prestigiose d’America e d’Europa, nel settembre 2002 è diventato il direttore principale della London Philharmonic Orchestra e direttore dell’Orchestre National de France a Parigi. Nel settembre 2005 ha compiuto un tour in ben dieci città europee, mentre in novembre ha diretto a Parigi un ciclo di concerti dedicati a C?ajkovskij. Nel 2006 è tornato nella capitale francese per dirigere la Missa Solemnis insieme all’Orchestre National de France, in occasione della Fête de la Musique, all’interno di uno scenario davvero d’eccezione: la piramide del Louvre. Sempre nel 2006, è impegnato con master classes alla Manhattan School di New York (in gennaio), a Dresda (in aprile) e in Polonia (in giugno). In Italia, ha diretto l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia nel Concerto di Capodanno del 2006, trasmesso in diretta da RAI uno, e in aprile, per la prima volta, ha assunto la direzione della Filarmonica Arturo Toscanini in un tour italiano. Fra i molti riconoscimenti ricevuti figurano la Legion d’Onore francese, il titolo di Ambasciatore della Cultura della città di New York, la Croce Stellata dell’Ordine di Merito della Repubblica Federale Tedesca. Ha realizzato più di cento registrazioni con numerose orchestre. Nel 1998 ha celebrato i suoi cinquant’anni di carriera come direttore d’orchestra.

 

SARAH NEMTANU

Nata nel 1981, ha cominciato a studiare violino con il padre Vladimir, anch’egli violinista, solista dell’Orchestre National Bordeaux-Aquitaine, di recente nominato professore al Conservatorio Superiore di Musica di Lione. Ha proseguito gli studi al CNR di Bordeaux, dove ha vinto la medaglia d’oro per violino e musica da camera all’unanimità. Nell’estate del 1993 ha incontrato Gérard Poulet e nel 1997 è stata ammessa nella sua classe al Conservatorio di Parigi, dove ha ottenuto un primo premio per violino e un primo premio per musica da camera (trio con pianoforte) all’unanimità, entrambi con ottima nota di merito, nella classe di Pierre-Laurent Aimard. Dopo il suo arrivo a Parigi, ha eseguito regolarmente concerti e partecipato a diversi concorsi, vincendo il primo premio del Concorso Maurice Ravel a Saint-Jean-de-Luz, nel 1998, e il terzo premio (seconda classificata) del Concorso Internazionale Antonio Stradivarius, nel 2001. Ha debuttato alla Cité de la Musique nel dicembre del 2000, al fianco di Gautier Capuçon, nel Doppio Concerto di Brahms diretto da Emmanuel Krivine. Suona regolarmente all’estero, come solista e in formazioni di musica da camera, grazie al sostegno dell’Association Française d’Action Artistique, che le ha consentito di registrare un disco nella collezione Déclic e di scoprire Paesi come il Libano e la Repubblica dominicana, e tiene anche master classes. L’aspetto pedagogico nella musica è infatti fondamentale per lei. Nel maggio del 2002 è entrata a far parte dell’Orchestre National de France come solista, sotto la direzione di Kurt Masur. Ha collaborato inoltre con direttori come Bernard Haitink, Sir Colin Davis e Riccardo Muti, suonando nelle più prestigiose sale da concerto del mondo, fra cui il Century Hall di Tokyo e il Carnegie Hall di New York. Nelle formazioni di musica da camera è stata al fianco di strumentisti quali Gérard Caussé, Fazil Say, Augustin Dumay e François-René Duchable. Ha in progetto la registrazione di un disco di duetti per violino con la sorella Déborah, che ha ottenuto di recente il posto di violino solista nell’Orchestre National de France, sotto la direzione di John Nelson.

 

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

La Filarmonica Arturo Toscanini, complesso sinfonico di livello internazionale dell’omonima Fondazione musicale, ha sede a Parma ed è intitolata al grande direttore d’orchestra che nella città emiliana ebbe i suoi natali nel 1867 e che è universalmente riconosciuto come uno dei simboli mondiali della musica. La dimensione internazionale della Filarmonica e il suo valore artistico, sin dal debutto nel giugno 2002 al Festival de Musique di Strasburgo, si sono subito imposti all’attenzione del pubblico e della critica. Unanime il plauso dei media e l’interesse dei maggiori operatori musicali italiani e stranieri, che hanno immediatamente rilevato il vibrante entusiasmo dei suoi oltre cento componenti, ponendola sul piano delle migliori orchestre internazionali. Sotto la guida del Maestro Lorin Maazel, che dal maggio 2004 ne ha assunto la direzione musicale, l’orchestra si dedica con crescente e riconosciuto successo al grande repertorio sinfonico, avvalendosi anche della collaborazione di direttori e solisti di fama internazionale, quali Zubin Mehta, Mstislav Rostropovic?, Georges Prêtre, Yuri Temirkanov, Kurt Masur, Charles Dutoit, Eliahu Inbal, Rafael Frühbeck de Burgos, Jeffrey Tate, Gianluigi Gelmetti, Gary Bertini, Dmitrij Kitajenko, Michel Plasson, Heinrich Schiff, Salvatore Accardo, Uto Ughi, Sergej Krylov, Stanislav Bunin, Maxim Vengerov. La Filarmonica Arturo Toscanini tiene concerti in tutto il mondo: tra le tournée realizzate e in programma spiccano quelle in Spagna, Francia, Germania, Svizzera, Ungheria, Grecia, Russia, Turchia, Stati Uniti, Cina, Israele e Giappone. Intensa anche l’attività in Italia, dove l’orchestra tiene regolarmente i propri concerti a Parma, presso l’Auditorium Niccolò Paganini, e a Roma, presso l’Auditorium Conciliazione, oltre a essere invitata a esibirsi nelle più importanti manifestazioni musicali, tra cui Settembre Musica di Torino, il Festival pianistico internazionale Arturo Benedetti Michelangeli di Brescia e Bergamo, il Bologna Festival, la Sagra Malatestiana di Rimini. Molte le iniziative culturali e di sostegno sociale che hanno visto protagonista la Filarmonica. Sotto la direzione di Lorin Maazel ha eseguito la Nona Sinfonia di Beethoven nella Basilica della Natività di Betlemme e nella Henry Crown Symphony Hall di Gerusalemme in occasione del “Concerto per la Vita e per la Pace 2004”, trasmesso in mondovisione dalla RAI il 25 dicembre 2004. Con Zubin Mehta, il 30 gennaio 2005, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, ha tenuto un concerto a sostegno delle popolazioni del Sud-Est asiatico colpite dal maremoto, eseguendo la Messa da Requiem di Verdi. Con Georges Prêtre ha realizzato, sempre nel 2005, il progetto “Verdi e la Francia”, che, oltre ai concerti al Teatro Verdi di Busseto (a sostegno della Casa di Riposo per Musicisti di Milano) e al Palais Garnier di Parigi, comprende la produzione di un Dvd con musiche di Verdi e Berlioz e suggestive immagini dei luoghi verdiani. Il 25 ottobre 2005 si è conclusa a Tokyo la prima lunga tournée in Giappone, il cui enorme successo ha portato subito a un nuovo accordo con la Japan Arts per il ritorno della Filarmonica nel Paese asiatico nel 2007. Nel corso della stessa tournée la Filarmonica e il Maestro Maazel sono stati protagonisti della prima edizione del Festival internazionale Arturo Toscanini, progetto pluriennale che legherà l’orchestra alle più grandi capitali culturali del mondo. Tra i programmi futuri della Filarmonica spicca, in occasione del cinquantenario della morte di Arturo Toscanini, il tour che nel gennaio 2007 l’orchestra realizzerà negli Stati Uniti, ripercorrendo le tappe delle due storiche tournée che il grande Maestro compì nel 1920, con l’Orchestra Arturo Toscanini, e nel 1950, con la NBC Orchestra. Nell’agosto 2007, la Filarmonica si recherà in tournée in Sud America, dove, in ricordo del debutto di Toscanini quale direttore d’orchestra il 30 giugno 1886 a Rio de Janeiro, verrà eseguita, nella stessa città, l’ Aida di Giuseppe Verdi, opera che lo stesso Toscanini diresse salendo per la prima volta sul podio.  

 

 

 

 

STAGIONE CONCERTISTICA

2005 - 2006

Auditorium Paganini - Teatro Regio

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 27 ottobre 2005, ore 20.30 Turno A

BALTIMORE SYMPHONY ORCHESTRA

Direttore YURI TEMIRKANOV

George Gershwin

Rhapsody in blue (Rapsodia in blu)

An American in Paris (Un americano a Parigi)

Antonín Dvorák

Sinfonia n.9 in mi minore “Dal nuovo mondo”

 

 

 

Auditorium Paganini

domenica 30 ottobre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA

Direttore JEFFREY TATE

Benjamin Britten

Sinfonia da Requiem op. 20

Ernest Chausson

Soir de fête op. 32

Johannes Brahms

Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98

 

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 10 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

Pianoforte RADU LUPU

Robert Schumann

Waldszenen op. 82

Humoreske in si bemolle maggiore op. 20

Sonata n. 1 in fa diesis minore op. 11

 

 

 

Auditorium Paganini

martedì 15 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

ORCHESTRA DA CAMERA DI MANTOVA

Direttore UMBERTO BENEDETTI MICHELANGELI

Pianoforte PAOLO BORDONI

Maurice Ravel

Le tombeau de Couperin

Concerto in sol per pianoforte e orchestra

Franz Schubert

Sinfonia n. 4 in do minore D. 417 “Tragica”

 

 

 

Teatro Regio

giovedì 17 novembre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE “LUIGI CHERUBINI”

Direttore RICCARDO MUTI

Violino FRANCESCO MANARA

Viola SIMONIDE BRACONI

Wolfgang Amadeus Mozart

Sinfonia concertante in mi bemolle maggiore per violino, viola e orchestra K. 364

Dmitrij Šostakovic

Sinfonia n. 5 in re minore op. 47


 

Auditorium Paganini

domenica 20 novembre 2005, ore 20.30 Turno B

BAYERISCHES STAATSORCHESTER

Direttore ZUBIN MEHTA

Mezzosoprano MARIANA LIPOVSEK

Tenore ROBERT DEAN SMITH

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 Incompiuta

Gustav Mahler

Das Lied von der Erde (Il Canto della Terra)

 

 

 

Teatro Regio

mercoledì 30 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore LORIN MAAZEL

Ludwig Van Beethoven

Fidelio. Ouverture

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 “Incompiuta”

Ludwig Van Beethoven

Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica”

 

 

 

Auditorium Paganini

mercoledì 11 gennaio 2006, ore 20.30 Turno A

giovedì 12 gennaio 2006, ore 20.30 Turno B

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Direttore JONATHAN WEBB

Violino MICHELANGELO MAZZA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl