Appuntamenti MESSAGGERIE MUSICALI DI MILANO - Martedì 23 maggio 2006 ore 18.00 e ore 21.00

Allegati

22/mag/2006 04.44.01 Loretta Albini Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

doppio appuntamento alle

 

MESSAGGERIE MUSICALI

 

MARTEDI’ 23 MAGGIO 2006

C.so Vittorio Emanuele - Milano

 

ALLE ORE 18.00

 

Showcase di SENIT, la cantante venticinquenne di origine eritrea scelta come testimonial delle figurine Panini,  che presenta al pubblico alcuni brani dell’omonimo album.

Il cd è stato anticipato dal singolo “La mia città è cambiata”, scritto e prodotto da Saverio Grandi e Gaetano Curreri degli Stadio.

Prima di approdare nel mondo della musica, Senit è stata protagonista di importanti progetti teatrali come: “Il Re Leone” prodotto dalla Walt Disney  in Germania, “Hair” e “Fame” rappresentati in Svizzera e “Il grande campione”, lo spettacolo tutto italiano di Massimo Ranieri.

 

 

ALLE ORE 21.00

 

Dibattito dal titolo

 

Tra SIDDHARTA e VASCO

Una possibile nuova mitografia giovanile

 

 

MAURIZIO STEFANO MANCUSO

 Risponderà alle domande del pubblico sui temi del suo libro

 

 “LE FRECCE DELL’EROE”

-Le figure mitiche della giovinezza da Dionisio alla pubblicità dei jeans -

 (Franco Angeli Editore)

 

Interverrà

Gustavo Pietropolli Charmet

Psichiatra e psicoterapeuta, già docente di Psicologia dinamica alla Facoltà di Psicologia dell’Università Bicocca di Milano, presidente dell’Istituto Minotauro, direttore scientifico dell’associazione “L’amico Charly”

 
Questo libro si propone come una forma di interrogazione utile per il dialogo di ogni soggetto istituzionale con i giovani: ai genitori, al mondo della scuola, allo scenario delle imprese, il “racconto della giovinezza” può offrire una maggiore consapevolezza delle potenzialità umane ed esistenziali proprio dei giovani reali. E forse anche agli esperti del disagio potrebbe dar modo di riconoscere nelle malattie talvolta drammatiche dello spirito giovanile, non semplicemente una devianza ma anche la frustrazione del mito. Come se il mito, che descrive una tensione esistenziale e ad un tempo si pone come risorsa per la sua realizzazione, si fosse per così dire fermato a metà, inebriando del suo desiderio senza fornire capacità di rielaborazione. La sfida metodologica del libro sta nell’ “imparare a vedere” un patrimonio di significati che, magari solo in piccola parte, ci riguarda tutti, nello scatenare quell’attitudine simbolica che è il motore della nostra storia culturale e al contempo è presente nel progetto immaginario di ciascuno, nell’illimitata rielaborazione mitica dell’esistenza: come frecce in mano ad un eroe sono i figli della giovinezza.
 
 

 

Ufficio stampa Messaggerie Musicali

 

GoodLAC

Loretta Albini Comunicazione

Tel/fax 02-5279941

Cell. 335-8331434

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl