Musica che unisce e diverte per l’inaugurazione di Note di Notte

Non ha deluso le aspettative il concerto inaugurale del Festival Note di Notte venerdì 14 luglio a Villa Anna (Ispica) con la prima nazionale de Il terrone, l'ebreo e lo zingaro, progetto coraggioso e sfrontato nel nome e indiscutibilmente valido dal punto di vista musicale che in autunno avrà anche una realizzazione discografica.

17/lug/2006 22.09.00 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Musica che unisce e diverte per l’inaugurazione di Note di Notte

Ironia, ritmo, fantasia ed una tecnica esecutiva sorprendente per la
proposta di danze balcaniche, melodie klezmer e classici della tradizione
siciliana.
Non ha deluso le aspettative il concerto inaugurale del Festival Note di
Notte venerdì 14 luglio a Villa Anna (Ispica) con la prima nazionale de Il
terrone, l’ebreo e lo zingaro, progetto coraggioso e sfrontato nel nome e
indiscutibilmente valido dal punto di vista musicale che in autunno avrà
anche una realizzazione discografica.
Entra la Boban Markovic Orkestar e poi, uno alla volta, Marko Markovic,
Boban Markovic, Frank London e Roy “Paciovic” Paci. Una brass band che non
ha rivali e quattro solisti straordinari accompagnati dalla batteria di Jah
Sazzah degli Aretuska che hanno divertito e si sono divertiti.
Temperamenti e tecniche differenti legate insieme dal gusto di far musica,
di giocare con gli accordi, di rincorrere le note con una duttilità ed una
intesa da manuale ribadendo, a suon di ottoni, percussioni e sorrisi, che
dalle differenze culturali possono nascere interscambi pregevoli e momenti
di unione. Se Boban Markovic dirige la sua Orkestar con l’intensità dello
sguardo o un gesto appena accennato, Roy Paci è l’estro puro che va dalla
simulazione dello squillo del telefono alle citazioni cinematografiche -
temi de Il Padrino di Nino Rota e La Pantera rosa di Henry Mancini - e Frank
London ha un fraseggio lirico e spericolato insieme. Protagonista con loro
il giovanissimo figlio di Markovic, Marco, che ha sfoderato classe e talento
alla pari dei tre.
Inevitabile per molti lasciare la propria sedia ed avvicinarsi al palco per
ballare, soprattutto alle prime note di Viva la vida, brano di Paci tratto
da Parola d’onore ed entrato nelle case degli italiani come sigla del
programma tv Zelig Circus.
Applausi, bis ed una piccola folla in fila per avere un autografo e per
ringraziare gli artisti.
Questo in sintesi il primo appuntamento di Note di Notte che ha iniziato il
suo cammino con un breve intervento di saluto da parte del sindaco del
comune ospite Piero Rustico.
Il pubblico, che ha fatto registrare il tutto esaurito, è stato accolto
all’arrivo da un drink di benvenuto curato da Caffè Bistrò e realizzato
grazie ai prodotti della aziende Ragusa latte (www.ragusalatte.it), Natura
Iblea e Vini Marabino (www.naturaiblea.it). Prima dell’inizio del concerto,
gli intervenuti hanno potuto ammirare sul prato della villa gentilmente
messa a disposizione da Nino e Giovanna Caldarella la nuova Ford S- Max che
la Sergio Tumino srl (www.sergiotumino.it) ha portato a Note di Notte in
prima uscita ufficiale.
Contorno alla proposta musicale, le iniziative del Nonsolofestival: lungo i
viali del giardino lo Studio Nuova Figurazione ha allestito una mostra di
opere del pittore comisano Salvo Caruso e all’interno della villa,
attraverso una fuga di saloni, hanno trovato degna cornice i ricami
artigianali de La tela di Penelope e le creazioni esclusive di Ottavia
Failla (www.ottaviafailla.it) che ha avuto come testimonial il direttore
artistico di Note di Notte Mariolina Marino.

Modica 15 luglio 2006

Ufficio Stampa
Stefania Pilato 3382343355
stefaniapilato@gmail.com
Francesco Micalizzi 3392878013
fmicalizzi@hotmail.com

Organizzazione The Entertainer
www.notedinotte.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl