Opera dei Pupi e genio mozartiano

Opera dei Pupi e genio mozartianoOpera dei Pupi e genio mozartianoHa preso il via al Teatro Italia di Scicli la seconda parte della Stagione 2006 The Entertainer con Don Giovanni all'Opera dei Pupi dal libretto di Lorenzo Da Ponte, con ideazione scenica, cunto e regia di Mimmo Cuticchio, musiche del compositore di Salisburgo e realizzata dall'Associazione Figli d'Arte Cuticchio guidata dallo stesso Mimmo.

21/ott/2006 10.00.00 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Opera dei Pupi e genio mozartiano

Ha preso il via al Teatro Italia di Scicli la seconda parte della Stagione
2006 The Entertainer con Don Giovanni all’Opera dei Pupi dal libretto di
Lorenzo Da Ponte, con ideazione scenica, cunto e regia di Mimmo Cuticchio,
musiche del compositore di Salisburgo e realizzata dall’Associazione Figli
d’Arte Cuticchio guidata dallo stesso Mimmo.
Le avventure del nobile spagnolo sono state rappresentate tutte: l’omicidio
del Commendatore, le seduzioni, i travestimenti, le intemperanze, la cena e
infine la discesa all’inferno tra fiamme e diavoli. A raccontarle è
Leporello, giunto a Palermo insieme con Tistuzza (personaggio della farsa)
ed imbattutosi nel puparo e cuntista Mastru Ramunnu, interpretato sulla
scena da Mimmo Cuticchio, e nel suo pubblico formato dagli altri personaggi
della farsa: Virticchiu, Nofriu e Peppennino, pauroso, ingenuo ed
appassionato spettatore della più tradizionale opera dei pupi, quella che
narra le vicende dei Paladini di Francia, tanto da immaginare le imprese
degli eroi cavallereschi anche durante il racconto delle vicende di Don
Giovanni.
Non solo lirica e non solo opera dei pupi, Cuticchio ha creato uno
spettacolo teatrale complesso, ricco e divertente, sorretto da una
drammaturgia geniale e fantasiosa. Un caleidoscopio di colori, duelli,
danze, improvvisazioni, battute, dialetto palermitano e l’antica tecnica
narrativa del cuntu.
Emozionanti gli sguardi che Cuticchio rivolge ai diversi pupi sulla scena,
così ben caratterizzati oltre che dagli abiti e dall’aspetto - come vuole la
tradizione - dalle diverse voci e dalle personalità che regala loro.
Inclementi purtroppo le condizioni meteo - anche con il tetto del teatro -
che non hanno permesso il tutto esaurito. Occasione sprecata dal pubblico
ibleo che non ha tradizione di arte pupara ed aveva l’opportunità di
applaudire il massimo esponente di un genere teatrale riconosciuto
dall’Unesco “capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità” al
quale Mimmo Cuticchio ha portato nuova linfa grazie al costante al lavoro di
ricerca e di innovazione dei repertori e delle drammaturgie.
E la musica di Mozart è davvero immortale.

Modica 20 ottobre 2006

Ufficio Stampa
Stefania Pilato 338 2343355
stefaniapilato@gmail.com
Francesco Micalizzi 339 2878013
fmicalizzi@hotmail.com

ASSOCIAZIONE “THE ENTERTAINER”
Corso Umberto I 460 - Modica
Info: 320 1945850 - Fax: 17822763111
www.theentertainer.it - Email: info@notedinotte.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl