L'omaggio di Anna Maria Castelli a Léo Ferré

22/apr/2014 13.22.45 Maremosso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ANNA MARIA CASTELLI CANTA LÉO FERRÉ

Fiori d’amore e d’anarchia

 

L’incontro folgorante e inevitabile tra un’interprete di straordinaria intensità e raffinatezza e la struggente poesia del maestro Léo Ferré

 

dal 1 maggio 2014 su tutte le piattaforme digitali

 


Fiori d’amore e d’anarchia, riproposto con un audio restaurato a dieci anni dalla sua registrazione presso il Teatro dei Varii di Colle Val D’Elsa, testimonia la toccante rilettura di alcune perle dal repertorio di Ferré in francese e in italiano ad opera della “cantattrice” Anna Maria Castelli, che si conferma interprete poliedrica, di rara finezza e di ormai consolidata statura internazionale.

La dimensione live esalta l’impatto emotivo dei brani, che il pianoforte del Maestro Aliano Frediani riveste con misurata grazia lasciando il giusto spazio alla carica espressiva della voce.

A proposito della relazione tra la Castelli e Ferré, vale la pena ricordare che l’interprete è stata la prima ed unica al mondo a portare in scena, nella forma voluta dall’autore (e cioè con l’interpretazione dei 13 personaggi da parte di un’unica voce cantante e recitante), l’inedita Opera du Pauvre. Il testamento spirituale, poetico e filosofico redatto in 40 anni di vita da Léo Ferré è stato portato in scena con la Lithuanian State Symphony Orchestra a Vilnius e Kaunas nell’Ottobre 2002 dopo un lungo e meticoloso lavoro di ricomposizione dei manoscritti originali.

 

 

Anna Maria Castelli

Nata a Milano, di origini napoletane e vissuta per molto tempo in Svizzera, inizia a cantare giovanissima. La sua intensa attività artistica, arricchitasi nel corso degli anni di collaborazioni importanti come quelle con Giorgio Gaslini, Gianni Coscia, Renato Sellani, Giorgio Albertazzi, Omero Antonutti, Luis Bacalov, si svolge soprattutto all’estero, con spettacoli che hanno toccato i teatri di oltre 40 paesi e con la partecipazione a prestigiosi festival internazionali. Ha ricevuto molti importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Musica Europa (al fianco di H. U. Passarella), il Premio Antigone, il Premio Portovenere Donna 2007 e il Premio Ignacio Corsini (con Luis Bacalov), ed è stata insignita dal Presidente Giorgio Napolitano della preziosa onorificenza di Cavaliere dell'“Ordine al Merito della Repubblica Italiana” per meriti artistici. Ha al suo attivo numerose produzioni discografiche, tra cui spicca il disco Something to remember, recentemente ristampato sia in vinile che in versione 24KGold a cura dell'etichetta Fonè di Giulio Cesare Ricci, specializzata in superaudio. Il recente disco di inediti Se io ho perso... chi ha vinto?, pubblicato da Maremosso, è stato accolto calorosamente dalla critica, che vi ha ravvisato una coraggiosa e toccante attualizzazione delle istanze e delle forme del teatro canzone di Gaber e Luporini, declinate al femminile.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl