LIVE REPORT BANDABARDò @ NEW AGE CLUB 03.11.2006

Si parla di concerti tenuti dalla data di fondazione della banda, 8 marzo 1993.

09/nov/2006 18.10.00 CoffeeShip.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La Bandabardò ha superato già quota 940. Si parla di concerti tenuti dalla data di fondazione della banda, 8 marzo 1993. Su e giù attraverso lo stivale, in termini di km, quanti giri della Terra saranno? Quanti altri artisti possono confrontarsi con la capillare attività live del gruppo fiorentino? Difficile rispondere, la cosa importante è che i 6 musicanti (e la loro fondamentale crew) siano ancora qui sul palco, su ogni palco a prescindere dalla stagione. Al newage v’erano già stati, molti anni fa, Erriquez lo ha ricordato a fine concerto: allora solo 20 persone, mentre venerdì 3 novembre eran dieci volte tanto. Se non di più.
Il freddo di inizio mese contrasta con il tepore che l’attesa e la fibrillazione danno al corpo dei presenti. La massa che lentamente s’accumula in sala è energia potenziale, pronta a scattare come un’unica molla impazzita scatenandosi nel pogo fin dal brano d’apertura, Pedro.
La Banda macina brani, il pubblico risponde alla perfezione. Il caldo si fa intenso, l’estate paziente è tornata, il sudore non risparmia nessuno, per via diretta o per contatto inevitabile: lo spazio fisico intorno ad ognuno si riduce per ampliarsi all’infinito, nell’ensemble di voci, mani, piedi, fianchi e spalle che accompagnano tutti i brani.

Costretti - per motivi legati alla programmazione interna del club - ad una performance temporalmente ridotta, 1ora e mezza rispetto agli standard abituali che superano le 2 ore,  la Bandabardò offre il meglio del proprio repertorio, proponendo anche riusciti restyling di pezzi dei primi album, già piacevolmente ascoltati in ‘Fuori orario’, doppio cd multiforme comprensivo di tre inediti.
Sull’inciso di ‘Tanta voglia di lei’ dei Pooh, Erriquez e soci si congedano tra strette di mani, sorrisi, baci. Ma è come sempre un arrivederci: il pubblico sa che potrà riavere girotondi e ritornelli al più presto, basta solamente mettersi a ruota del carrozzone di un circo che sa fornire divertimento spensierato, e con esso macinare chilometri.

di: slowriot4

-----------------------------------------------------
C'E' QUALCOSA CHE TI MUOVE... è MUSICA!
http://www.CoffeeShip.it
http://www.myspace.com/coffeeship

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl