L'estro di Fazil Say in un avvincente viaggio musicale da Bach a Prokof’ev

Allegati

15/gen/2007 18.49.00 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

 

L’estro di Fazil Say

Il pianista e compositore turco

in un avvincente viaggio musicale da Bach a Prokof’ev

Auditorium Niccolò Paganini

giovedì 18 gennaio 2007, ore 20.00

 

 

Per la Stagione Concertistica 2006-2007 del Teatro Regio di Parma, appuntamento giovedì 18 gennaio ore 20.00 all’Auditorium Paganini (abbonamento turno A) con Fazil Say, il pianista e compositore turco che si sta rivelando uno dei più sorprendenti e originali interpreti della tastiera.

 

Il programma riflette la personalità di Fazil Say, con la Suite francese n. 6 in mi maggiore BWV 817 di Johann Sebastian Bach, la  Fantasia in sol minore BWV 542 di Bach, nella trascrizione pianistica di Fazil Say, la sonata in do magg.Hob. XVI/35 di Franz Joseph Haydn, la Sonatine di Maurice Ravel, la Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83 di Sergej Prokof’ev

 

La carriera di interprete di Fazil Say, nato ad Ankara nel 1970, unisce le prove folgoranti al pianoforte in un repertorio che spazia da Bach ai grandi classici del XX secolo e al jazz, ad una intensa attività di compositore che lo ha visto impegnato nella realizzazione di partiture di vasto respiro sia nel campo sinfonico che vocale, oltre che per il suo strumento, a cui ha dedicato un funambolico e divertente adattamento della celebre Marcia Turca mozartiana. Fra le sue opere: Black Hymns, scritto all'età di 16 anni per il 750° anniversario della città di Berlino e un Concerto per pianoforte e violino commissionatogli dall'Orchestra Sinfonica di Berlino. Ha suonato in prima mondiale il suo secondo concerto per piano, Silk Road, incidendolo nello stesso anno e recente è la registrazione del suo oratorio Nazim per soli, coro e orchestra, basato sulle poesie del celebre poeta turco Nazim Hikmet.

 

La Stagione Concertistica 2006-2007 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie al contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS, in collaborazione con Fondazione ArturoToscanini, Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma e con il sostegno di Cariparma & Piacenza. Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 fax 0521 504224 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 fax 0521 504224 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

giovedì 18 gennaio 2007, ore 20.00 turno A

Pianoforte FAZIL SAY

 

JOHANN SEBASTIAN BACH (1685 – 1750)

Suite francese n. 6 in mi maggiore BWV 817

Allemande - Courante - Sarabande - Gavotte

Polonaise - Bourrée - Menuet - Gigue

 

JOHANN SEBASTIAN BACH/FAZIL SAY

Fantasia in sol minore BWV 542

 

FRANZ JOSEPH HAYDN (1732 – 1809)

Sonata n. 48 in do maggiore HOB XVI/35

Allegro - Adagio - Rondo

 

MAURICE RAVEL (1875-1937)

Sonatine

Moderé – Mouvement de menuet – Animé

 

SERGEJ PROKOF’EV (1891 – 1953)

Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83

Allegro inquieto - Andante caloroso - Precipitato

 

 

 

FAZIL SAY

«Non è soltanto un pianista geniale: sarà sicuramente uno dei grandi artisti del XXI secolo» ( Le Figaro, Parigi)

Nato ad Ankara nel 1970, Fazil Say ha iniziato a studiare pianoforte e composizione nel locale conservatorio. A 17 anni una borsa di studio gli ha permesso di perfezionarsi con David Levine all’Istituto Robert Schumann di Düsseldorf. Dal 1992 al 1995 ha proseguito gli studi al Conservatorio di Berlino, e nel 1994 ha vinto il “Premio Young Concert Artists International Auditions” di New York, che gli ha aperto immediatamente le porte della carriera internazionale. Suona regolarmente con la New York Philharmonic, Israel Philharmonic Orchestra, Baltimore Symphony, Concertgebouw Orchestra, le Filarmoniche di San Pietroburgo e della BBC, l’Orchestre National de France e molte altre importanti compagini orchestrali. È stato ospite dei Festival di Salisburgo, Lucerna, Verbier, Montpellier, del Klavierfestival Ruhr, Beethoven Festival Bonn, Roque d’Anthéron, Lincoln Center Festival New York. Ha dato récital in tutte le più importanti sale del mondo, fra cui il Concertgebouw di Amsterdam, Philharmonie di Berlino, Suntory Hall di Tokyo, Musikverein di Vienna, Carnegie Hall e Avery Fisher Hall di New York, Wigmore Hall di Londra, Théâtre des Champs Elysées di Parigi etc. Nel corso della stagione 2003/04 ha debuttato al Festival di Salisburgo, Lincoln Center Festival di New York, Harrod’s Piano Series di Londra e World Piano Series di Tokyo. Suona musica da camera con famosi musicisti, tra cui Yuri Bashmet e Shlomo Mintz, e con il violinista Maxim Vengerov ha intrapreso, sempre nel 2004, una lunga tournée in Europa e Stati Uniti, con tappe alla Carnegie Hall, Musikverein, Barbican, Concertgebouw e Festival di Salisburgo. Nel 2006 farà una tournée in Europa e Asia con la violinista Akiko Suwanai. La grande passione per il jazz e l’improvvisazione lo ha portato a fondare il Worldjazz Quartet insieme al virtuoso turco di ney, Kudsi Ergüner. Durante l’estate 2000 il quartetto si è esibito con grandissimo successo a Saint Denis, Paris, Montpellier, ai Festival Jazz di Montreux e Istanbul, e al Festival di St Juan les Pins. Nel 2005 è tornato a Montreux per un concerto e un workshop, suonando insieme a Bobby McFerrin e altri artisti. Accanto alla sua attività di pianista, Fazil Say affianca quella di compositore: ha scritto a 16 anni Black Hymns; nel 1991 ha eseguito per la prima volta il Concerto per pianoforte, violino e orchestra con i Berliner Symphoniker; nel 1996 ha suonato a Boston, in prima mondiale, il suo Concerto per pianoforte n. 2, Silk Road, che nel corso della stagione 2003/4 è stato programmato numerose volte con varie orchestre e Fazil Say come solista. Su commissione del Ministero della Cultura turco ha composto l'oratorio Nazim, su testi del celebre poeta turco Nazim Hikmet, eseguito per la prima volta nel 2001 ad Ankara alla presenza del Presidente della Turchia. Nel gennaio 2002 ha eseguito a Parigi con l’Orchestre National de France la prima mondiale del Concerto per pianoforte n. 3, commissionatogli da Radio France e Kurt Masur, accolto da un consenso strepitoso. Nel 2003 è stato eseguito al Festival di Istanbul l’oratorio Requiem per Metin Altiok, davanti ad un pubblico di più di 5000 persone, poi registrato in CD come anche l’oratorio Nazim. Nel maggio 2005 ha eseguito per la prima volta a Lucerna il Concerto per pianoforte n. 4, commissionatogli dalla ETH Zürich. Fazil Say ha anche composto divertenti adattamenti jazz per piano e orchestra di opere di Mozart ( Rondò alla turca) e di Paganini ( Paganini Jazz). La città di Vienna gli ha commissionato un balletto per celebrare l’anniversario di Mozart, eseguito per la prima volta a febbraio 2006. Sta scrivendo un nuovo pezzo solistico per il Festival di Salisburgo del 2006 e sta progettando un’opera per orchestra. È stato artista residente di Radio France nel 2003 e del Festival di Brema nel 2005. La prima registrazione di Fazil Say, dedicata a Mozart, è stata pubblicata nel febbraio 1998, con commenti lusinghieri da parte della critica. La sua discografia comprende un CD tutto dedicato alla Rhapsody in Blue e a I Got Rhythm Variations di Gershwin con la New York Philharmonic diretta da Kurt Masur; un disco con un recital bachiano e Le Sacre du Printemps di Stravinsky (in una riduzione del compositore per pianoforte a quattro mani), in cui Fazil Say suona ambedue le parti. Le Sacre fa parte dei grandi successi di Fazil Say, che l’ha eseguito nelle sale da concerto più importanti del mondo. Questa incisione ha vinto numerosi premi, tra cui il prestigioso “Echo-Preis Klassik 2001” e il tedesco “Jahrespreis der Deutschen Schallplattenkritik 2001”. Recentemente è stata pubblicata la sua incisione del Concerto per pianoforte n. 1 di Cajkovskij con la Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov e della Sonata in si minore di Liszt. Dopo il nuovo contratto con la prestigiosa etichetta francese Naive, ha inciso un CD dedicato interamente alle sue composizioni. Nell’autunno 2004 è stato pubblicato un CD con i 3 Concerti per pianoforte K. 414, K. 467 e K. 488 di Mozart, con l’Orchestra da Camera di Zurigo diretta da Howard Griffith. Nell’autunno 2005 la EMI ha pubblicato un CD con le Sonate di Beethoven. Gli impegni della stagione 2005/06 comprendono la sua partecipazione ai Festival di Salisburgo, Verbier e Lucerna, ai Festival Mozart a Vienna, Zurigo e Varsavia, e tour negli Stati Uniti, Germania, Giappone, Israele, Cina, Italia (in collaborazione con la Baltimore Symphony Orchestra), Sud Africa e molti altri paesi. Nel maggio 2005 ha composto la sua prima colonna sonora per il film Ultima Thule del regista Hans-Ulrich Schlumpf (che aveva diretto Congress of Penguins). Nell’estate 2005 il canale televisivo franco-tedesco ARTE ha girato a Istanbul, Aspendos, Monaco e in altri posti un documentario dedicato a Fazil Say, trasmesso all’inizio del 2006. Sempre nel 2005 è stato girato ad Aspendos un DVD della sua opera Nazim per coro e orchestra.

 

 

 

 


STAGIONE CONCERTISTICA

2006 - 2007

DEDICATA AD ARTURO TOSCANINI

Auditorium  Paganini  -  Teatro  Regio

 

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

martedì 7 novembre 2006, ore 20.00 turno A

mercoledì 8 novembre 2006, ore 20.00 turno B

giovedì 9 novembre 2006, ore 20.00 turno C

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Direttore JESÚS LÓPEZ COBOS

Gioachino Rossini

Guillaume Tell. Ouverture

Benjamin Britten

Matinées musicales op. 24 (da Rossini)

Pëtr Il’ič Čajkovskij

Sinfonia n. 5 op. 64 in mi minore

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

domenica 26 novembre 2006, ore 15.30 turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore VLADIMIR JUROWSKI

Violino MARCO RIZZI

Basso MAXIM MIKHAILOV

Dmitrij Šostakovič

Dieci canti del Matto, dalle musiche di scena per King Lear, op. 58 a

Concerto per violino e orchestra n. 1 op. 77

Pëtr Il’ič Čajkovskij

Sinfonia n. 6 op. 74 in si minore “Patetica”

 

 

Teatro Regio di Parma

martedì 28 novembre 2006, ore 20.00 fuori abbonamento

P R O G E T T O   T O S C A N I N I

ORCHESTRA GIOVANILE “LUIGI CHERUBINI”

Direttore RICCARDO MUTI

Violoncello JOHANNES MOSER

Franz Schubert

Die Zauberharfe (Rosamunde). Ouverture D 644

Robert Schumann

Concerto in la minore per violoncello e orchestra op. 129

Ludwig Van Beethoven

Sinfonia n.7 in la maggiore op. 92

 
 

Auditorium Niccolò Paganini

sabato 9 dicembre 2006, ore 17.00 turno B

domenica 10 dicembre 2006, ore 15.30 turno C

ORCHESTRA FILARMONICA DI SAN PIETROBURGO

Direttore YURI TEMIRKANOV

Pianoforte ELISSO VIRSALADZE

Pëtr Il’ič Čajkovskij

Il lago dei cigni. Suite

Concerto n. 1 op. 23 in si bemolle minore per pianoforte e orchestra

Sinfonia n. 6 op. 74 in si minore “Patetica”

 

 

Teatro Regio di Parma

sabato 16 dicembre 2006, ore 20.00 turno A

PHILHARMONIA ORCHESTRA

Direttore ESA-PEKKA SALONEN

Pianoforte DENIS MATSUEV

Franz Joseph Haydn

Sinfonia n. 7 in do maggiore “Le Midi”

Arnold Schoenberg

Verklaerte Nacht

Modest Musorgskij

Quadri di una esposizione

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

mercoledì 3 gennaio 2007, ore 20.00 turno A

giovedì 4 gennaio 2007, ore 20.00 turno B

CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA

STRUMENTISTI DELL’ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Soprano DANIELA BRUERA

Controtenore MARCO LAZZARA

Basso CARMELO CORRADO CARUSO

Direttore BRUNO BARTOLETTI

Maestro del coro MARTINO FAGGIANI

Luigi Dallapiccola

Canti di prigionia

Carl Orff

Carmina Burana

cantiones profanae, versione per due pianoforti, due arpe e otto percussioni

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

lunedì 8 gennaio 2007, ore 20.00 turno A

martedì 9 gennaio 2007, ore 20.00 turno C

P R O G E T T O   T O S C A N I N I

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Direttore LÜ JIA

Richard Strauss

Don Juan, poema sinfonico

Claude Debussy

Iberia (da Images, per orchestra)

Johannes Brahms

Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 73

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

lunedì 15 gennaio 2007, ore 20.00 turno A

martedì 16 gennaio 2007, ore 20.00 turno B

P R O G E T T O   T O S C A N I N I

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore KAZUSHI ONO

Soprano ANJA KAMPE

Giuseppe Verdi

I Vespri Siciliani. Sinfonia

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl