Turandot torna al Teatro Regio di Parma. Protagonisti Andrea Gruber e Marco Berti al debutto in Calaf

Allegati

13/feb/2007 19.49.00 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

Turandot torna

al Teatro Regio di Parma

Protagonisti il soprano Andrea Gruber

e il tenore Marco Berti, al debutto nel ruolo di Calaf.

Dal Covent Garden di Londra l’allestimento carico di suggestioni orientali

di Andrei Serban. Dirige Donato Renzetti

Teatro Regio di Parma

giovedì 22, ore 20.00, domenica 25, ore 15.30,

martedì 27 febbraio, ore 20.00,

giovedì 1, ore 20.00, sabato 3 marzo 2007, ore 17.00

 

 

Turandot torna al Teatro Regio di Parma con il soprano Andrea Gruber nei panni della Principessa di gelo e il tenore Marco Berti al suo atteso debutto nel ruolo di Calaf. Il capolavoro lasciato incompiuto da Giacomo Puccini sarà in scena il 22 febbraio alle ore 20.00 (recite domenica 25, ore 15.30, martedì 27 febbraio, ore 20.00, giovedì 1, ore 20.00, sabato 3 marzo 2007, ore 17.00) nell’affascinante allestimento della Royal Opera House Covent Garden di Londra, per la regia di Andrei Serban, con le scene e i costumi carichi di suggestioni orientali firmati da Sally Jacobs. Sul podio la prestigiosa bacchetta di Donato Renzetti.

 

Turandot mi tormenta - scrisse Puccini a Giuseppe Adami, che assieme a Renato Simoni provvide a scrivere il libretto tratto dalla fiaba teatrale di Carlo Gozzi. - Ci penso sempre e penso che forse siamo su una falsa strada per il secondo atto. Penso che il grande nocciolo sia il duetto. E questo duetto così com’è non mi pare sia quello che ci vuole. Dunque vorrei proporre un provvedimento. Nel duetto penso che si può arrivare ad un pathos grande. E per giungere a questo io dico che Calaf deve baciare Turandot e mostrare il suo grande amore alla fredda donna. Dopo baciata con un bacio che dura qualche lungo secondo, “ora che mi importa” deve dire, muoio anche, e gli dice il suo nome sulla bocca.” Ma il duetto finale resterà irrisolto, perché Puccini morirà prima di averlo ultimato e sarà Franco Alfano, su incarico dell’editore Ricordi, a comporre il quadro conclusivo dell’opera, sulla base degli appunti lasciati dal compositore. Sono note le parole che avrebbe pronunciato Arturo Toscanini, alla Scala il 26 aprile 1926 la sera della prima esecuzione assoluta : «Qui finisce l’opera lasciata incompiuta da Puccini per la sua morte».

 

Sontuoso e profondamente orientale l’allestimento di Turandot immaginato da Andrei Serban per il Covent Garden di Londra ed ora riproposto al Teatro Regio di Parma da Jeremy Sutcliffe, dove gli altri interpreti dell’opera pucciniana sono Valentina Farcas (Liù), Fabio Maria Capitanucci (Ping), Gianluca Floris (Pang), Mauro Buffoli (Pong), Max René Cosotti (Altoum), Marco Spotti (Timur) e Armando Gabba (Un mandarino). Con le coreografie di Kate Flatt, riprese da Ann Whitley e interpretate dalla Compagnia Balletto di Roma, per il terzo titolo della Stagione Lirica 2006/2007 sono impegnati i complessi artistici del Teatro Regio di Parma, con il coro diretto da Martino Faggiani

 

L'opera sarà presentata al pubblico al Ridotto del Teatrto Regio nell'ambito di Prima che si alzi il sipario sabato 17 febbraio alle ore 17.30 dal musicologo e compositore Pietro Rigacci. Gli allievi di canto del Conservatorio "A. Boito" di Parma Paola Bortoluzzi e Kang Chang Ryun proporranno alcuni brani dell'opera accompagnati al pianoforte da Luca Saltini.

 

Con un adattamento di Turandot dedicato ai più piccoli, prosegue il nuovo entusiasmante corso di Imparolopera, la Stagione Lirica  per i giovanissimi, realizzata dal Teatro Regio di Parma con la collaborazione del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito" e del Provveditorato agli Studi di Parma e il sostegno di Guru Gang. Le stesse opere che compongono il cartellone della Stagione Lirica del Teatro Regio, ma ripensate, riviste, rimontate ed adattate per il pubblico di domani, per gli allievi delle scuole elementari e medie.

Lo spettacolo sarà in scena martedì 27, ore 10.00, mercoledì 28 febbraio, ore 10.00, giovedì 1 marzo, ore 9.30 e ore 11.00, venerdì 2 marzo 2007, ore 10.00, a pochi giorni di distanza dal debutto al Teatro Regio del capolavoro del musicista lucchese nell’allestimento della Royal Opera House Covent Garden di Londra, del quale la rivisitazione di Bruno Stori impegnerà i costumi e alcune soluzioni sceniche.

Allo spettacolo partecipano i migliori allievi delle classi di canto del Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma: Grazia Barile, Yang Ji Yeoun (Turandot), Kang Chang Ryun (Calaf), Paola Bortoluzzi, Myung Yeoun Zoo, Hwang Gie Hyun (Liù), Fumitoshi Miyamoto (Ping), Koo Eun Sung (Pang), Dario De Micheli (Pong), accompagnati al pianoforte dal Maestro Raffaele Cortesi. La regia ed i testi sono di Bruno Stori, attore-narratore in scena, il coordinamento musicale è di Donatella Saccardi.

 

La Stagione Lirica 2006/2007 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS, Reggio Parma Festival e con il sostegno di Banca Monte Parma, Barilla, Enìa, Consorzio del prosciutto di Parma, L’Albero d’Argento, Melegari Home, Terme di Tabiano, Ideal Standard.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Regio di Parma, via Garibaldi 16/a - 43100 Parma tel. 0521 039399, fax 0521 504424, biglietteria@teatroregioparma.org, www.teatroregioparma.org

 

 

_________________________________________________

 

 

Teatro Regio
giovedì 22 febbraio 2007, ore 20.00 turno A
domenica 25 febbraio 2007, ore 15.30 turno D
martedì 27 febbraio 2007, ore 20.00 turno B
giovedì 1 marzo 2007, ore 20.00 turno C
sabato 3 marzo 2007, ore 17.00 turno E


TURANDOT

Dramma lirico in tre atti e cinque quadri su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni
dalla fiaba teatrale omonima di Carlo Gozzi

 

Musica di GIACOMO PUCCINI
BMG Ricordi Music Publishing spa

 

Personaggi

Interpreti

Turandot

ANDREA GRUBER
IRENE CERBONCINI (3.03)

Altoum

MAX RENÉ COSOTTI

Timur

MARCO SPOTTI

Calaf

MARCO BERTI

Liù

VALENTINA FARCAS

Ping

FABIO MARIA CAPITANUCCI

Pang

GIANLUCA FLORIS

Pong

MAURO BUFFOLI

Un mandarino

ARMANDO GABBA

 

Guardie imperiali, servi del boia, ragazzi, sacerdoti, mandarini, dignitari,

gli otto sapienti, ancelle di Turandot, soldati, portabandiera, musici, ombre dei morti, folla

 

Maestro concertatore e direttore
DONATO RENZETTI

 

Regia
ANDREI SERBAN
ripresa da JEREMY SUTCLIFFE

 

Scene e costumi
SALLY JACOBS

 

Luci
JOHN CHARLTON

 

Coreografie
KATE FLATT
riprese da ANN WHITLEY

 

Maestro del coro
MARTINO FAGGIANI

 

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA

CORO DI VOCI BIANCHE DEL TEATRO REGIO DI PARMA
diretto da Sebastiano Rolli

 

COMPAGNIA BALLETTO DI ROMA

 

Allestimento della Royal Opera House Covent Garden di Londra

 

Spettacolo con sopratitoli

 

 

 

Prima che si alzi il sipario
Ridotto del Teatro Regio
sabato 17 febbraio 2007, ore 17.30

TURANDOT
Musica di
GIACOMO PUCCINI

 

A cura di Pietro Rigacci

soprano Paola Bortoluzzi

tenore Kang Chang Ryun

Pianoforte Luca Saltini

 

 

_________________________________________________

 

  

Stagione Lirica

2006/2007

 

 

Teatro Regio, 13, 15, 17, 19, 22 dicembre 2006

La pietra del paragone

Musica di GIOACHINO ROSSINI

 

 

Teatro Regio, 25, 27, 28, 30 gennaio, 1 febbraio 2007

la damnation de faust

(la dannazione di faust)

Musica di HECTOR BERLIOZ

 

 

Teatro Regio, 22, 25, 27 febbraio, 1, 3 marzo 2007

Turandot

Musica di GIACOMO PUCCINI

 

 

Teatro Regio, 1, 4, 7, 10, 15 aprile 2007

Otello

Musica di GIUSEPPE VERDI

 

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 039331
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org

 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs. 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs. 196/03. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl