All'auditorium Paganini Pietro De Maria, Andrea Dulbecco, Andrea Lucchesini, Maurizio Ben Omar

27/ott/2003 19.00.44 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 

La strana coppia: percussioni e pianoforti

All'auditorium Paganini

Pietro De Maria, Andrea Dulbecco,

Andrea Lucchesini, Maurizio Ben Omar

Martedì 28 ottobre 2003, ore 20.30

Il concerto sarà preceduto dall'incontro del ciclo

Prima le parole... alla Casa della Musica, ore 18.00

con Mario Messinis e la partecipazione dei musicisti

 

       

        Concerto di estremo interesse domani sera, alle ore 20.30 all’Auditorium Paganini per il secondo appuntamento della Stagione Concertistica 2003 2004 del Teatro Regio di Parma. Ospiti saranno infatti i pianisti Pietro De Maria e Andrea Lucchesini e i percussionisti Maurizio Ben Omar e Andrea Dulbecco.

Programma insolito, che suscita curiosità. Il pubblico potrà ascoltare infatti Linea per due pianoforti, una pagina di Berio del 1973; En blanc et noir per due pianoforti del 1915 di Debussy; La valse del 1919 nella trascrizione per due pianoforti dello stesso Ravel e la Sonata per due pianoforti e percussioni composta da Bartók nel 1937.

Un Berio, in Linea, quasi classicheggiante, a tratti con motivi di richiamo orientale. Un momento di riflessione nella costante ricerca del musicista imperiese. È propriamente un incontro di tastiere: a quelle classiche si associano marimba e vibrafono, che danno vita ad un pezzo ben calibrato e fantasioso.

        Quasi al termine della propria vita Debussy scrive un trittico per due pianoforti che chiama En blanc et noir, titolo evidentemente astratto ed allusivo al colore dei tasti. È un’opera di grande tensione, cupa, rispecchia infatti il periodo storico in cui fu scritta, la prima guerra mondiale, avvenimento che toccò profondamente il compositore francese. Fu tentato dapprima di non comporre più durante il conflitto, ma poi un desiderio di partecipare in qualche modo alla resistenza della Francia con brani d'intonazione patriottica, gli fa cambiare idea.

En bianc et noir è pure la trascrizione che Ravel, compiendo un percorso inverso a quello più usuale, ha realizzato di una delle suo opere più celebri La valse; scrittura pianistica sontuosamente efficace per una rievocazione della Vienna imperiale. Con ironia e malinconia, il pezzo sprigiona ritmi e suoni. Una partitura molto difficile sia dal punto di vista tecnico, sia espressivo.

        Come ha sottolineato recentemente Maurizio Ben Omar, la Sonata è «il primo lavoro di musica da camera in cui le percussioni ricoprono un ruolo pari a quello degli altri strumenti, come se tutti insieme formassero un quartetto d'archi». Un particolare ruolo viene, nel contesto percussivo, riservato al timpano, mentre il secondo movimento è invece caratterizzato dalle misteriose sonorità del piatto sospeso e dei tamburi; decisivo è anche lo xilofono. Si tratta di un ritmo di danza articolato su una scala presente nella musica romena, che si arricchisce via via di nuovi suoni senza perdere le proprie caratteristiche di base, ovvero l’atmosfera dalla musica creata dai contadini romeni.

        Il concerto sarà preceduto, alla Casa della Musica alle ore 18.00, dall'incontro del ciclo Prima le parole..., a cura di Jacopo Pellegrini, con Mario Messinis e con la partecipazione dei musicisti.

 

 

_________________________________

 

 

martedì 28 ottobre 2003

 

 

Casa della Musica, ore 18.00

Prima le parole...

a cura di Jacopo Pellegrini

incontro con Mario Messinis, Pietro De Maria, Andrea Dulbecco,

Andrea Lucchesini, Maurizio Ben Omar

 

 

 

Auditorium Niccolò Paganini, ore 20.30

Stagione concertistica 2003 2004 del Teatro Regio di Parma

 

Percussioni ANDREA DULBECCO, MAURIZIO BEN OMAR

Pianoforti PIETRO DE MARIA, ANDREA LUCCHESINI

 

Luciano Berio

Linea, per due pianoforti e percussioni

 

Claude Debussy

En blanc et noir, per due pianoforti

 

Maurice Ravel

La valse, per due pianoforti

 

Béla Bartók

Sonata per due pianoforti e percussioni

 

_________________________________

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl