DIBATTITO PEDOFILIA ALCALI-INTERPORTO PRATO - Ns. intervento

22/ago/2007 14.10.00 La Banda Gastrica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LA BANDA GASTRICA

C/O R.I.
VIA BISENZIO 335 - 59024 MERCATALE DI VERNIO (PO)
Tel 338 34 96 034


Intervento:

DIBATTITO PEDOFILIA ALCALI-INTERPORTOPRATO

(con preghiera dipubblicazione)
 
Leggiamo con stupore sulla stampa locale la fortepresa di posizione del presidente dell'interporto. Eravamo a conoscenzada tempo dell'utilizzo dell'area dell'interporto come luogo di incontripromiscui da parte di persone che frequentano la zona del lago degliAlcali,di natura etero ed omosessuale, ma mai ci saremmo aspettati dileggere di incontri pedofili.
E' la cosa più deprecabile che avremmo pensato potesse accadere, la piùignobile, il frutto più vile e de-genere dell'umanità.
Una cosa ci ha lasciati di stucco. Il fenomeno degli incontri promiscuiall'interporto non è nuovo, ed il tam tam su numerosi siti webspecializzati non è certo una notizia dell'ultim'ora. Però, ciò che ci hacolpiti è il fatto che la gravità del fenomeno è stata affrontatasolamente nel momento in cui è diventata un disturbo per l'immagine della"vetrina" Interporto.
E l'unica soluzione prospettata è quella di spostare il problema, perritrovarci a leggere fra qualche mese di un presidente del Macrolotto 3indignato per "tali usi" nella propria aria dipertinenza,  che danneggiano l'immagine di una zona di pregiopromossa in tutto il mondo, su quintali di carta patinata! Il problemanon va spostato, deragliato geograficamente, arginato e baipassato, maaffrontato in modo serio e concreto.
Crediamo che sia il momento per lanciare una grande assemblea pubblica,che coinvolga gli amministratori locali, le forze dell'ordine,l'associazionismo e la popolazione generale rappresentata da tutti coloroche sono interessati al problema, affinchè si possa giungere finalmentealla creazione di un'area per "l'amore", dove venga banditaqualsiasi tipo di pratica a danno di persone più deboli e sfruttabili,un'area sorvegliata e vigilata, dove non avvengano più aggressioni efrequentazioni illecite, dove le coppie possano appartarsi intranquillità. Non si tratta di creare luoghi di promiscuità sardanapalicabensì momenti dove si possa trovare un armonica soddisfazione diquell’emozione universale che da sempre fa ruotare il mondo con le suealterne fortune.
Invitiamo tutti coloro che sentono forte la gravità della problematica eche vogliono impegnarsi per risolverla, ad intervenire sulla stampa o acontattarci al nostro indirizzo e-maildiccelo@labandagastrica.it
perchè "Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona" Art. 3 della Carta dei Diritti Umani.

La Banda Gastrica
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl