Mosaico musicale tra pezzi d’arte e testimonianze del passato

Mosaico musicale tra pezzi d'arte e testimonianze del passato Mosaico musicale tra pezzi d'arte e testimonianze del passato Tra le grandi teche che contengono gli oggetti della mostra Antiche mense a Siracusa, al Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi di Siracusa, nell'ambito dell'iniziativa Notti di Mezza Estate promossa dall'Assessorato dei Beni Culturali e Ambientali e della Pubblica Istruzione della Regione Siciliana che prevede una apertura serale straordinaria di musei e siti archeologici in tutta la Sicilia, l'Associazione The Entertainer ha organizzato il concerto dei Musaika (Sandro Maccarrone alla chitarra e Stefania Patanè alla voce e alle percussioni).

03/set/2007 15.00.00 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Mosaico musicale tra pezzi d’arte e testimonianze del passato

Tra le grandi teche che contengono gli oggetti della mostra Antiche mense a
Siracusa, al Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi di Siracusa,
nell’ambito dell’iniziativa Notti di Mezza Estate promossa dall’Assessorato
dei Beni Culturali e Ambientali e della Pubblica Istruzione della Regione
Siciliana che prevede una apertura serale straordinaria di musei e siti
archeologici in tutta la Sicilia, l’Associazione The Entertainer ha
organizzato il concerto dei Musaika (Sandro Maccarrone alla chitarra e
Stefania Patanè alla voce e alle percussioni).
In linea con la filosofia The Entertainer che porta la musica in luoghi
d’arte, l’iniziativa regionale ha visto l’adesione dell’Associazione sabato
1 settembre con uno spettacolo intitolato Musiche del Sud.
I Musaika hanno infatti tessuto insieme i fili di musiche provenienti dal
Sud del mondo alternando le sonorità delle diverse zone geografiche e dei
diversi generi musicali.
Il viaggio ha avuto inizio dalla Sicilia con Nicuzza ed ha poi toccato le
coste del
Brasile con Tango (versao em portugues) di Ryuichi Sakamoto e Paula
Morelenbaum, Pop wu wei di Gilberto Gil, Querelas do Brasil di Mauricío
Trapajós e Aldir Blanco, Quem te viu quem te ve di Chico Buarque.
Ha lambito Lisbona e il Portogallo grazie ad Oxala, fado moderno composto da
Jorge Fernando, e Barco negro, fado della tradizione composto da David
Mourão - Ferreira, Piratini e Caco Velho che apparteneva al repertorio di
Amalia Rodriguez. Ed ha sfiorato nuovamente l’America Latina con Maxixe del
paraguayano Augustin Barrios e La Tarde del cubano Sindo Garay.
L’approdo in Italia è stata la musica di un cantautore: Pezzi di vetro di
Francesco De Gregori.
E rotta ancora in direzione Sicilia.
La Sicilia della tradizione di Vitti na crozza proposta con un nuovo
arrangiamento; la Sicilia tra tradizione e originalità di Ciù di ciuri che
ha il testo di Ciuri ciuri, ma la musica composta da Maccarrone e dalla
Patanè; la Sicilia originale e nuova di Vocanzicula e Nannè, composte in
dialetto da Sandro Maccarrone.
Un viaggio dunque, o un mosaico, così come suggerito dal nome del duo, di
emozioni ed echi provenienti dal Sud, dai Sud, in cui amore, malinconia,
struggimento, drammaticità stemperata da un sorriso ed altre sfumature dal
sapore meridionale sono state magistralmente tradotte in voce e note.

Modica 2 settembre 2007

Ufficio Stampa
Stefania Pilato
3382343355
stefaniapilato@gmail.com
Francesco Micalizzi
3392878013
fmicalizzi@hotmail.com

_________________________________________________________________
Scarica GRATIS 30 emoticon per Windows Live Messenger 8.1
http://www.emoticons-livemessenger.com/pages/msnit/index.htm

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl