CIRCUS JR REPLICA AL COMUNICATO STAMPA DI AO ENTERTAINMENT SRL

04/lug/2017 02:39:26 WBE NEWS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

[21:27, 3/7/2017] COMUNICATO STAMPA

 

Il Giornalista Sebastiano Sandro Ravagnani risponde al Gruppo AO Entertainment di Ambra Orfei sulla polemica di Circus Junior a difesa del format del programma e della sua messa in onda.
 
L'immagine può contenere: 1 persona

In merito al programma Circus Junior, presentato da Ambra Orfei, coprodotto dalle società A.O. Entertainment Srl, CM & PARTNERS FINANCIAL ADVISORS GMBH e La Lanco sas di Regazzi dott. Andrea, insieme alla WBE Television Group Srl della quale è socio Sandro Ravagnani, è doveroso rendere noto, per rispetto di tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di detto programma, le seguenti circostanze:

-le premesse economiche per la realizzazione del programma, garantite dalla WBE, si sono rivelate inesistenti sia per quanto riguarda la presenza di uno sponsor che per la già concordata vendita ai fini della messa in onda televisiva;

-pertanto le altre società hanno dovuto effettuare pagamenti di competenza della WBE e offrire risorse finanziarie necessarie a coprire le spese già affrontate dai partecipanti e a tutelare il lavoro e l’impegno delle scuole e di tutti i giovani artisti coinvolti, esponendosi fortemente;

-tutti i professionisti e i fornitori che avevano concordato dei corrispettivi con la WBE sono ancora in attese di riceverli;

-dopo due mesi dalla produzione e realizzazione del programma le trattative per la sua messa in onda sono bloccate, anche per l’inerzia della WBE che non ha consegnato alcune liberatorie richieste da alcune TV;

-conseguentemente si è verificata l’inevitabile rottura di ogni collaborazione professionale tra il sig. Sandro Ravagnani e la WBE da una parte e le società coproduttrice dall’altra, per cui ogni futura iniziativa che dovesse essere pubblicizzata dai primi, quali possibili ulteriori edizioni di un programma che ad oggi non ha ancora la sicurezza di essere mandato in onda, non vedrà la partecipazione né di Ambra Orfei né delle altre società che hanno partecipato alla produzione del programma.

Milano 1.7.2017.

 

A.O. Entertainment Srl,                        

 

REPLICA AL SEGUITO DEL COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO AO                                                       In merito al programma Circus Junior (Format e marchio registrato) di Sebastiano Sandro Ravagnani, coprodotto dalle societa'  WBE Television Group Srl, (In qualita' di Capo Progetto) la società A.O. Entertainment Srl, la CM & PARTNERS FINANCIAL ADVISORS GMBH e La Lanco sas di Regazzi dott. Andrea, è doveroso rendere noto, per rispetto di tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di detto programma, le seguenti circostanze:                                                                                                               1) In riferimento al capitolo “ premesse economiche….”

Trattasi di premesse quando le stesse circostanze inducono a pensare ad un determinato esito.

Confermare da parte delle altre società implicate che solamente di premesse si trattava equivale a convalidare che non vi era alcuna certezza.

Pertanto c’è stata libera scelta delle produzioni a proseguire nella realizzazione del programma.

Se ne deduce dunque che si voglia pretestuosamente mettere in cattiva luce la WBE Television Group.

Sorgono pertanto, solo da questo punto preso in esame, gli estremi per una querela risarcitoria legati alla diffamazione in atto.

Per  fare immediata chiarezza alle parti non coinvolte fino ad ora ( Famiglie dei concorrenti, giura, social, fans club di Circus Junior, siti internet, WhatsApp, Istagram, Facebook, ecc. ) comunichiamo che non c’è alcuna intenzione (per il momento) della WBE di procedere legalmente qualora ogni estemporanea esternazione rientrasse nei canoni della normalità delle parti.

Teniamo altresì a puntualizzare che in fase di trattativa tutto è perfettibile, pertanto sottolineamo la malafede del dare per scontata una vendita televisiva che era nella sua fase di protocollo e per la quale siamo impegnati.                                                        

2) “Pertanto tra le altre società…”

La WBE Television group di sua sponte sta iniziando i pagamenti dovuti pur non essendo interamente di sua pertinenza ad esempio è lieta di comunicare di aver saldato in toto le spettanze omnicomprensive di viaggi A/R dei giurati e ospiti (oltre al numero 2 abiti di alta moda che la signora Ambra Orfei ha trattenuto e che volevano essere il nostro umile omaggio ad una professionista ritenuta amica), questi atti proprio per ottenere le liberatorie necessarie alla messa in onda; liberatorie che ad oggi mancano di una sola persona: Ambra Orfei.

Difettando in questo la signora Ambra Orfei, conduttrice del programma, contribuisce al blocco del programma stesso che infatti è rimasto fermo” ai nastri di partenza” in sala montaggio dopo un orrido e inutile promo scritto, diretto e montato dalla signora stessa.

Gioco forza riconoscere a tutti i professionisti coinvolti le somme a loro destinate, non è dalla WBE Television Group mai stato messo in discussione ma la stessa WBE Television Group “come nell’ordine delle cose” per fare cassa deve vendere il programma e mancando la vendita è impossibilitata a fare cassa. Ci chiediamo di chi è dunque la “colpa”? 

3)“Tutti i professionisti fornitore…”

(Leggasi punto conclusioni punto2)

4) “Dopo due mesi dalla produzione…”

Invitiamo nell’immediato le società relatrici del comunicato a specificare con dati certi e nominali come ( emittenti, direttori di rete, delegati ecc.) le trattative messe in atto con a margine le somme raggiunte per la vendita di 8 puntate della durata di 120 minuti l’una, altrimenti diventa gioco molto semplice millantare.

5) “Conseguentemente…”

La rottura di cui si parla non è avvenuta per inadempienza professionale della WBE Television Group e ne del Titolare del Format, capo progetto e Capo Autori "Sebastiano Sandro Ravagnani"  che ancora oggi comunica la massima disponibilità a chiudere ogni sospeso finalizzato alla messa in onda di Circus Junior, specificando altresì di non aver mai chiesto ne alla signora Ambra Orfei, ne alle altre società, la continuazione di qualsivoglia  impegno professionale ritenendo dannosa ed inutile la confusione provocata di comunicazioni fuorvianti e disdicevoli che dovevano obbligatoriamente essere risolte tra le parti, e che danneggiano fortemente la WBE Television group nella estensione del progetto e nelle varie fasi produttive, quali la ultimazione e messa in onda della prima edizione e la preparazione della seconda edizione.

Questo dovevamo, senza diventare di pubblico dominio.

Distinti saluti

Pasquale Sorabella

Amministratore delegato di Wbe Televion Group S.r.l.                        

[02:21, 4/7/2017] Sottoscrivo il Comunicato Stampa della WBE Television Group Srl, in replica alla Societa' AO Entertainment Srl. Dando la massima diffusione allo stesso Comunicato stampa e alla Replica e riservandomi fin d'ora ogni azione legale nella cautela della mia professionalita' di giornalista e autore di programmi televisivi per ragazzi e famiglie, del format, del marchio Circus Junior, del lavoro svolto da anni al servizio di una idea altamente qualificata, utile alla vitalizzazione e alla sensibilizzazione  del rapporto tra i giovani, la musica e l'arte circense, promuovendo le scuole di canto, musica e di circo e coinvolgendo quanti con grande sacrificio insegnati ed allievi dedicano ogni giorno ore preziose in queste materie. Da oltre 40 anni svolgo questa attivita' di promozione con grandi sacrifici personali e familiari e mi battero fino in fondo, per difendere i piu' deboli e coloro che lavorano per questi ideali, lottero contro ogni speculazione, abuso di potere e interessi ingiusticati.    in fede  Sebastiano Sandro Ravagnani.  Milano 4 luglio 2017.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl