Successo per la prima nazionale de I Sovversivi

22/set/2007 14.49.00 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Successo per la prima nazionale de I Sovversivi

 

Alberto Franceschini, Renato Curcio, Moana Pozzi, Francesca Miglietti, Stelarc, Franko B, Jannis Kounellis, Joseph Beuys i Mutoidi, Marcello Levi, Peppe Morra, Keith Haring.

Dai fondatori delle BR a chi ha sdoganato il porno, dalla teorica delle mutazioni legate ai linguaggi visivi ai rappresentanti di spicco della prima e della seconda corrente di Body Art, dall’esponente di punta dell’Arte Povera al genio tedesco fino alla comunità cyberpunk che vive a Sant’Arcangelo di Romagna, passando per un collezionista ed un gallerista, per arrivare all’icona di tutti i graffitari del mondo.

Sono questi alcuni de I Sovversivi che Turi Rapisarda e Davide Bramante hanno fotografato e portato in prima nazionale giovedì 20 settembre alla galleria La Veronica di Modica.

Personaggi scomodi che spingono ad una riflessione sul loro ruolo e sul campo della loro azione, che hanno lasciato un’impronta «nel bene o nel male non importa - dice il direttore artistico della galleria Corrado Gugliotta - non cerchiamo e non diamo giudizi di merito, anche perchè, per alcuni di loro, non si può davvero dare un giudizio a senso unico. Alcuni sono personaggi inquietanti, altri...dei pionieri e quindi di rottura. Sono tutti poco rassicuranti»

Una mostra dunque, ma con un germe “sovversivo”: le foto infatti - stampe di 30x40 cm in bianco e nero ai sali d’argento tirate a mano su carta scaduta - sono state vendute al prezzo di un cd. «Vendere l’arte a prezzi politici è una continuazione dei sogni utopistici delle avanguardie storiche e di molti degli artisti che abbiamo ritratto - spiega Turi Rapisarda - artisti che cercavano, nei loro progetti di arte totale, di superare l’emarginazione dell’arte dai ruoli decisionali e la includevano nelle discipline economiche, sociali, politiche. Artisti che cercavano anche un superamento del mercato artistico d’elite proponendo, alla stessa comunità artistica, di prendersi in carico i disastri che la nostra società dei consumi produce tutto attorno a noi creando bisogni virtuali. Artisti che speravano di attivare attraverso il processo artistico una partecipazione più aperta e meno demiurgica alla creazione di nuovi simboli più compatibili e meno in attrito con l’intelligenza naturale e i bisogni indotti dell’intelligenza umana».

«Abbiamo usato prodotti fotosensibili scaduti - spiega ancora Rapisarda - perché questi sono attaccati da una debolezza immunitaria che li trasforma spontaneamente, appena dopo essere stati stabilizzati, creando divertenti effetti estetici. E la trasformazione spontanea crea delle differenze dando ad ogni singola fotografia la possibilità di essere uguale e diversa allo stesso tempo, di essere contemporaneamente una copia e un’opera unica»

Orgoglioso di aver tenuto a battesimo I Sovversivi e del successo della serata che ha registrato una forte partecipazione, conclude Gugliotta: «L’iniziativa è in linea con il lavoro della galleria che si pone come realtà alternativa al gusto corrente in provincia di Ragusa ed ha una dose di pionierismo e di azzardo. La Veronica invita infatti a rivedere, o a creare, l’approccio con l’arte contemporanea e le sue infinite proposte che, come i nostri personaggi, non sempre sono, e non è detto che debbano essere, rassicuranti. Può insomma essere considerata quasi sovversiva, ma con garbo, con…arte».

 

Modica 21 settembre 2007

 

 

Ufficio Stampa

Stefania Pilato

3347445786

stefaniapilato@gmail.com

 



2 GB di spazio, protezione da virus e spyware...GRATIS! Windows Live Hotmail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl