Il Maestro Renato Palumbo dirige L'Orchestra del Teatro Regio, al pianoforte Andrea Lucchesini

10/dic/2003 15.34.15 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 

All’Auditorium Paganini

il Maestro Renato Palumbo dirige L'Orchestra del Teatro Regio,

al pianoforte Andrea Lucchesini

Domenica 14 dicembre 2003, ore 20.30

 

       

        L’Orchestra del Teatro Regio di Parma diretta dal Maestro Renato Palumbo e al pianoforte Andrea Lucchesini. Ecco i protagonisti del concerto che domenica 14 dicembre, alle ore 20.30, all’Auditorium Paganini eseguiranno Egmont. Ouvertoure op. 84 ed il Concerto n. 4 in sol maggiore op. 58 per pianoforte e orchestra di Ludwig van Beethoven e la Sinfonia n. 3 in la min-magg. op. 56 Scottish di Felix Mendelssohn-Bartholdy. Il Concerto n. 4 di Beethoven verrà eseguito al pianoforte da Andrea Lucchesini, che si è imposto all’attenzione internazionale nel 1983 con la vittoria al Concorso “Dino Ciani”, presso il Teatro alla Scala di Milano. Da allora Lucchesini ha suonato con le più prestigiose orchestre, collaborando con direttori quali Claudio Abbado, Roberto Abbado, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding, e Giuseppe Sinopoli. Nel 1994 una giuria internazionale di musicologi, valutando gli esiti di una così ampia attività concertistica, gli ha conferito il prestigioso Premio “Accademia Chigiana”, cui si è aggiunto, nel 1995, il Premio della Critica “F. Abbiati”.

        Renato Palumbo, che il pubblico di Parma ha recentemente applaudito alla direzione dei Lombardi nella scorsa edizione del Festival Verdi, vanta oltre ad una notevole esperienza come direttore operistico un vastissimo repertorio concertistico che spazia da Mozart a Haydn, Berlioz, Brahms, Orff e Wagner, eseguito soprattutto a Johannesburg, Capetown, Tokyo e Nizza. Per la sua attività artistica è stato insignito Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

        L’Orchestra del Teatro Regio aprirà la serata con l’Egmont. Ouvertoure op. 84, una composizione che celebra la grandezza e la nobiltà dell’uomo, la forza del suo animo e la lotta incessante contro la sorte avversa; il male delle sconfitte terrene contro il bene, la luminosa vittoria finale dello Spirito. Egmont è un uomo del cinquecento, il cui valore supremo è la libertà, per la quale si lotta, e tutto ciò emerge dalla potente suggestione della musica.

        Il Concerto n. 4 in sol maggiore op. 58 per pianoforte e orchestra è considerato dalla critica più autorevole come un capolavoro assoluto. Abbandonando il modello mozartiano, Beethoven si avvicina a Chopin e diventa il trait d’union fra Classicismo e Romanticismo musicale. Il pianoforte, strumento solista, è il dominatore assoluto, in acceso dialogo con l’orchestra, rendendo la composizione un esempio di efficacia e di equilibrio.

        La Sinfonia n. 3 in la min-magg. op. 56 Scottish nacque in seguito alle impressioni riportate da Mendelssohn nel suo viaggio in Scozia del 1829: i paesaggi di quella terra affascinarono non poco il compositore e la loro serena bellezza si riflette in questa Sinfonia che è indubbiamente tra le più pittoresche di Mendelssohn, al punto di essere normalmente considerata come la più alta espressione della sua produzione musicale. La pervade uno spirito elegiaco molto gioioso, dove la musica rispecchia le tradizioni popolari, in special modo nel finale che sfocia in un tema di sapore, appunto, “scozzese”.

  

_________________________________

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

domenica 14 dicembre 2003, ore 20.30

 

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

 

Ludwig van Beethoven

Egmont. Ouverture op. 84

 

Ludwig van Beethoven

Concerto n. 4 in sol maggiore op. 58 per pianoforte e orchestra

 

Pianoforte ANDREA LUCCHESINI

 

Felix Mendelssohn-Bartholdy
Sinfonia n. 3 in la min-magg. op. 56 Scottish

 

 

Direttore RENATO PALUMBO

 

_________________________________

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl