Stef Burns "World, Universe, Infinity", album e tour 2008

Stef Burns "World, Universe, Infinity", album e tour 2008 "World, Universe,Infinity": da San Francisco arriva Stef Burns in versione inedita StefBurns, chitarrista da anni al fianco di Huey Lewis e Vasco Rossi, torna inItalia da metà Febbraio 2008 con un tour elettrico ed un nuovo album tutto daraccontare: "World, Universe, Infinity" Stef Burnstorna in Italia da metà Febbraio 2008 conun nuovo album: "World, Universe,Infinity" (Ultratempo).

07/gen/2008 14.20.00 ultra Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 "World, Universe,Infinity”: da San Francisco arriva Stef Burns in versione inedita                            

StefBurns, chitarrista da anni al fianco di Huey Lewis e Vasco Rossi,  torna inItalia da metà Febbraio 2008 con un tour elettrico ed un nuovo album tutto daraccontare: “World, Universe, Infinity”  

Stef Burnstorna in Italia da metà Febbraio 2008 conun nuovo album: “World, Universe,Infinity” (Ultratempo). L’album sarà seguito da un tour (in due tranche: a febbraio e marzo) elettrico nei migliori live club, che si preannuncia tuttoesaurito al pari del precedente “Bayshore Road 2006”,  e toccherà le principali città italiane, tra cui Bologna, Firenze,Treviso, Roma, Milano (per informazioni Ultra).

 

L’opera, concepita durante i lunghi tour al fianco di Vasco Rossi e Huey Lewis and theNews, segna una decisa sterzata verso ambientazioni più rock, dove laformula canzone la fa da padrone sebbene non manchino le consueteimprovvisazioni strumentali che hanno reso celebre Stef per la sua capacità diaprire il cuore alla musica e lasciarsi andare.  

 

“World, Universe,Infinity” presenterà Stefanche nell’insolita veste di cantante, un ruolo che ricoprecon uno stile personale e che riserverà piacevoli sorprese ai fan di lunga datadel chitarrista californiano.

 

  NOTE BIOGRAFICHE

 

Stef Burns, uno dei piùapprezzati chitarristi in Italia e nel mondo, ha sempre ricoperto uno dei ruolifondamentali nella storia del rock, ovvero la “spalla” musicale diuna rock star, grazie alla sua capacità di affrontare sia sessioni in studiosia tour mondiali modificando il proprio stile in base alla personalità dellastar che gli sta a fianco.

 

Nato ad Oakland, California, e cresciuto aWalnutCreek, CA, Stef comincia a suonare la chitarra all'età di 6 anniaccompagnando il padre, e forma la sua prima band all'età di 9.

Durante il periodo delliceo suona in differenti gruppi, cimentandosi in svariati generi musicali: dalfunk al rock, dal jazz alla fusion mostrando una straordinaria sensibilitàtecnica nonostante la giovane età.

La prima vera band cheporta il chitarrista californiano alla ribalta sono gli "Omega", grande funk bandalla Tower of Power, nella quale figuravano anche Bill e Reni Slais (poi membridella Elvin Bishop band) e Mickey Thomas (poi negli Starship). Era il 1979 e laband pubblicò un album ("Out of our hands") e andò in tour negliStati Uniti.

 

StefBurns si presentaperò sulla ribalta mondiale  in occasione del suo lavoro con Sheila E., tra il 1983 e il 1984. In quei due anniStef ebbe l'occasione di suonare il funk prodotto da Prince in America, Giappone edEuropa, e di registrare due album di Sheila E. ("Romance 1600" e"Sheila E.") e due B-sides ("Too sexy", co-scritta dallostesso Stef, e "Save the People").

Ricordando quel periodo Stefafferma: "E' stato un grande periodo(...) ho imparato moltosulla chitarra funk da Prince". La Sheila E.band, opening act per il "Purple Rain tour" di Prince, era compostatra gli altri da Benny Reitveld (Miles Davis/Santana) al basso, il qualeparteciperà anche alle sessioni in studio del primo album di Stef "Swamptea" del 1998.

 

Tra il 1986 e il 1987Stef suona e va in tour con i Berlin,mentre nel 1988 segue in tour mondiale il cantante Michael Bolton. Questa band eracomposta tra gli altri da Jonathon Cain alle tastiere e da RossValory al basso, in precedenza membri dei Journey.

Nel 1989 Stef comincia unlungo sodalizio con i Y&Tche lo porterà a registrare 4 album con questa band("Ten","Yesterday and Today Live","MusicallyIncorrect" e "Endangered Species"). A proposito di Stef Burns il leader dei Y&T, DavidMeniketti, ha dichiarato: "Stef èun vero musicista, è in grado di suonare ogni genere e farlo con semplicitàe stile. Con gli Y&T inseriva sempre quella cosa extra cheti faceva capire che stavi suonando con un chitarrista dilivello mondiale".

 

Nell'aprile 1990 Stef Burns segue in un breve tour americanoil sassofonista jazz Sadao Watanabein compagnia di Will Kennedy alla batteria (Yellowjackets) ed il bassista KeithJones.

Nel 1991,caldamenteraccomandato da Joe Satriani,  Stef comincia il suo ingaggio con Alice Cooper , che lo porterà aregistrare due album con la storica rockstar: "Hey Stoopid" e "The LastTemptation". 

Su "HeyStoopid" figurarono oltre a Stef: Mickey Curry alla batteria (BryanAdams), Hugh McDonald al basso (Bon Jovi) e come chitarristi ospiti: JoeSatriani, Steve Vai, Slash, Vinnie Moore, Mick Mars e Nikki Sixx deiMotley Crue.

Su "The LastTemptation" invece Stef suonò tutte le parti di chitarra.

 

Dal 1991 al 1995 segue insvariati tour sia mondiali sia americani Alice Cooper avendo l'occasionedi dividere il palco con band del calibro di: Judas Priest, Motorhead, OzzyOsbourne, Megadeath e Faith No More.

 

Dal 1996 Stef Burns entra a far parte dellaformazione base della band di VascoRossi dopo un primo approccio con il rocker italiano nel1993, anno nel quale aveva preso parte alla registrazione dell'album "Gli spari sopra". Da "Nessunpericolo per te" (1996) al più recente "Vasco: extended play"(2007) Stef Burns ha seguito VascoRossi negli album campioni di vendita e nei numerosi sold out negli stadidi tutta Italia, diventando una figura fondamentale per i fan di Vasco edentrando nei cuori di molti musicisti italiani.

 

Nel 2004, durante il"Buoni o Cattivi Tour" viene invitato a suonare al G3 con Joe Satriani e Steve Vai, ricevendodunque il definitivo riconoscimento di chitarrista di fama mondiale. Stefdescrive quella come una delle esperienze musicali più belle della suacarriera.

 

Il 2005 segna unulteriore passo avanti per lo sviluppo artistico del chitarrista californiano:dopo "Swamp tea" (1998), primoalbum solista di Stef, viene pubblicato "Bayshoreroad" (Favoured Nations), un lavoro che nasce dallacollaborazione tra Stef ed il chitarrista classico di fama mondiale PeppinoD'agostino.

Nell'album lo stileelettrico di Stef Burns e quello acustico di D'Agostino si mescolano allaperfezione creando brani a metà tra la fusion e la world music. L'albumviene seguito nel 2006 da un tour italiano registrandoil tutto esaurito nei principali club nazionali. Nello stesso anno Stef prendeparte alle registrazioni del progetto di MarioRiso "Rezophonic”.

 

Ora, dopo l'ennesimotour di Vasco Rossi e l’incessante tour americano con Huey Lewis and the News (dal 2000Stef sostituisce il dimissionario Chris Hayes), Stef Burns è in procinto di uscire con il suo nuovoalbum "World, Universe, Infinity" (Ultratempo)(2008), unlavoro che preannuncia l'inizio di un nuovo corso nellaformidabile carriera del chitarrista americano.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl