Da Bach a Beethoven per il pianoforte di Sokolov

Da Bach a Beethoven per il pianoforte di Sokolov

05/gen/2004 19.10.52 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 
 

Da Bach a Beethoven per il pianoforte di Sokolov

Il celebre interprete russo all'Auditorium Paganini di Parma

venerdì 9 gennaio 2004, ore 20.30

 

 

 

A ideale sigillo delle pause festive, la Stagione Concertistica all'Auditorium Paganini ricomincia col pianoforte: il nono appuntamento del cartellone 2003/2004 prevede infatti venerdì prossimo 9 gennaio alle ore 20.30 il recital del pianista Grigory Sokolov, artista russo riconosciuto oggi tra le più alte vette del pianismo internazionale.

Vastità del repertorio, profondità e originalità dell'approccio musicale sono infatti le doti riconosciute di Grigory Sokolov, musicista che già all'età di 16 anni si assicurava il prestigioso concorso Ciajkovskij di Mosca: tappa fondamentale per il giovane artista che presto intraprende una straordinaria attività musicale nel segno di quella illimitata fantasia timbrica e bellezza di suono che la critica mondiale gli ha sempre attribuito.

Artista in continua evoluzione, instancabile nella ricerca e nello studio, Grigory Sokolov ha collaborato con più di duecento direttori d'orchestra (tra cui Neeme Järvi, Myung Whun Chung, Riccardo Chailly, Herbert Blomstedt, Valery Gergiev, Trevor Pinnock, collaborando con orchestre quali la Philharmonia di Londra, il Concertgebouw di Amsterdam, i Münchner Philharmoniker, la New York Philharmonic, la Montreal Symphony, l'Orchestra del Teatro alla Scala e le Filarmoniche di Mosca e San Pietroburgo) e la lista degli autori da lui interpretati, da Froberger a Prokof'ev, non è meno importante.

Tra gli innumerrevoli giudizi della critica in merito alla tecnica trascendentale e alla personalissima musicalità di Grigory Sokolov val la pena ricordare l'articolo dell'importante quotidiano americano "San Francisco Examiner" che lo ha definito "uno di quei pianisti, musicisti, artisti, che pensavamo fossero scomparsi per sempre".

A buon ragione erede della scuola pianistica dei Gilels e dei Richter, il musicista di Leningrado è conosciuto anche per prediligere il contatto col pubblico, con le sale da concerto, lasciando all'attività discografica una mirata e decantata testimonianza: un destino musicale, quello di Sokolov, che si manifesta già nei primissimi anni di vita, allorché passeggiando per le vie cittadine, il suono di un pianoforte che proveniva da una finestra immediatamente lo affascina. Da lì, il passo è breve, e a sette anni Sokolov ha un solo interesse, la musica.

Venerdì prossimo ascolteremo Grigory Sokolov in un programma di particolare richiamo, con Bach e Beethoven. Del primo due brani che informano la personalissima lettura del barocco di Sokolov, la Sesta Partita in mi minore BWV 830 e la Fantasia e fuga in la minore BWV 904, mentre del corposo monumento pianistico beethoveniano la seconda parte del concerto prevede la Sonata in si bemolle maggiore op. 22 e la celeberrima Sonata op. 111.

Un programma di innegabile complessità attraverso gli infiniti itinerari possibili dei due geni tedeschi, ma soprattutto un'offerta musicale che attende la lettura originalissima di un interprete tra i più significativi dell'ampio orizzonte pianistico internazionale.

 

 

_________________________________

 

 

Parma, Auditorium Niccolò Paganini

venerdì 9 gennaio 2004, ore 20.30

 

Pianoforte

GRIGORY SOKOLOV

 

Johann Sebastian Bach

Partita n. 6 in mi minore BWV 830

 

Johann Sebastian Bach

Fantasia e Fuga in la minore BWV 904

 

Ludwig van Beethoven

Sonata n. 11 op. 22 in si bem. maggiore

 

Ludwig van Beethoven

Sonata n. 32 op. 111 in do minore

 

_________________________________

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl