Il flauto magico: secondo appuntamento con Imparolopera

Allegati

28/feb/2004 20.06.43 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 
Il flauto magico

Oltre cinquemila bambini attesi al Teatro Regio

per il secondo appuntamento con Imparolopera

 venerdì 27, sabato 28 febbraio,

lunedì 1, giovedì 4, venerdì 5 marzo, alle ore 10.00

 

 

        Riuscirà Tamino a superare la prova del silenzio, del fuoco e dell'acqua per conquistare Pamina, figlia della Regina della notte? Grazie al flauto magico ricevuto in dono dalle tre dame e all'aiuto di Pappageno, tutto andrà a buon fine e nel tempio del Sole, il gran sacerdote Sarastro celebrerà con Tamino e Pamina la vittoria del Sole sulle tenebre.

        Oltre cinquemila bambini provenienti dalle province di Parma, Reggio Emilia, Cremona, Mantova sono attesi a Teatro Regio per il secondo appuntamento con Imparolopera, che venerdì 27 (con repliche sabato 28 febbraio, lunedì 1, giovedì 4, e venerdì 5 marzo, alle ore 10.00), presenta Il flauto magico. Una fiaba e molto di più quella che Wolfgang Amadeus Mozart mise in musica e che andò in scena per la prima volta il 30 settembre 1791 al Theater auf der Wienden solo poche settimane prima della sua morte. "Il flauto magico, come la storia di Orfeo ed Euridice, - scrive Stephen Medcalf - rappresenta un viaggio di andata e ritorno dagli inferi, un procedere dall'oscurità alla luce, dal caos all'armonia, in una continua celebrazione dell'amore (così come viene rappresentata dalla musica) che trasforma il mondo quotidiano in un paradiso terrestre".

        La Stagione d’Opera pensata e costruita su misura per gli allievi delle scuole elementari e medie inferiori, per svelare ai giovanissimi gli affascinanti segreti del melodramma e della musica, ideata e realizzata dalla Fondazione Teatro Regio di Parma in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma e l’Assessorato ai Servizi Educativi e Organizzazione Scolastica del Comune di Parma, anche per Il flauto magico può contare sull'intelligente e divertente capacità affabulatoria di Bruno Stori, attore, regista e autore dei testi, che, con il maestro Luca Sabatino al pianoforte, ripercorrerà le vicende di Tamino e Pamina e di tutti protagonisti, interpretati in scena dagli allievi di canto del Conservatorio "Arrigo Boito" di Parma (Jong-Kook Kim, Sarastro, Gran Sacerdote; Leonardo Cortellazzi, Paek Seung Hwa, Alessandro Ponti, Tamino; Azusa Kimaschi, Yumiko Tetsu, Regina della notte; Adele Arabia, Laura Di Fonzo, Azusa Kubo, Pamina; Federica Bersellini, Pappagena; Mitzketa Gezim, Pappageno) con il coordinamento musicale di Donatella Saccardi e quello didattico di Maria Vittoria Cilei. In scena anche Samantha Tambuzzo, Clelia Grignaffini, Arianna Cappellini, I tre fanciulli; il Piccolo Coro Ars Canto, diretto da Silvia Rossi, con bambini dai tre ai sei anni preparati da Monica Lodesani e gli allievi del Centro Internazionale Danza preparati da Lucia Giuffrida e Francesco Frola. L’istrionico talento di Bruno Stori percorrerà l'opera con divertenti improvvisazioni che nel racconto coinvolgeranno il giovane pubblico presente, lasciando ampio spazio all’interpretazione canora degli allievi del Conservatorio.

        Anche per questo appuntamento in cartellone gli insegnanti delle scuole elementari e medie inferiori hanno potuto partecipare lo scorso lunedì 16 febbraio a "i trucchi" del mestiere, il laboratorio condotto da Maria Vittoria Cilei docente della scuola di didattica della musica del Conservatorio "Arrigo Boito". Occasione importante per imparare a insegnare l'educazione alla musica e all'ascolto, stimolando e appassionando così i giovani scolari.

        Il Prossimo appuntamento con Imparolopera è all'Auditorium Paganini con Il Carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns eseguito dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma, in programma venerdì 26, martedì 30 e mercoledì 31 marzo, venerdì 2 aprile. Appuntamento ideato per spiegare e mostrare ai ragazzi i segreti dell’orchestra e degli strumenti musicali in un dialogo a tu per tu fra professori d’orchestra e giovanissimi spettatori. Un modo divertente di educare alla sensibilità musicale e di continuare la grande tradizione musicale della nostra città, patrimonio culturale del mondo.

 

 

 

 

 
 
 
Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl