Ritorno di successo per gli Agricantus

Rosie Wiederkeher alza un calice, un sorso di Alastro ed è pronta a stregare con le doti straordinarie della sua vocalità il pubblico che da diverse parti della Sicilia ha raggiunto la prestigiosa cantina di Contrada Dorilli.

07/ago/2008 19.20.00 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

«Finalmente di nuovo in Sicilia. È un posto veramente meraviglioso questa Cantina Planeta, grazie. Io amo molto il vino. Salute! Agricantus!».

Rosie Wiederkeher alza un calice, un sorso di Alastro ed è pronta a stregare con le doti straordinarie della sua vocalità il pubblico che da diverse parti della Sicilia ha raggiunto la prestigiosa cantina di Contrada Dorilli.

Mancavano da un anno dall’isola e da oltre cinque dalla provincia di Ragusa, gli Agricantus. Sono tornati, ed è stato un successo. Perché la loro musica è viscerale, mediterranea, elettronica, antica e moderna. Perché la voce di Rosie è oltre ogni possibile descrizione, va ascoltata e amata. Non raccontata.

Perché Tonj Acquaviva, voce e percussioni, e Mario Crispi, fiati arcaici ed elettronici, sono musicisti eccellenti e insieme a Rosie da vent’anni sono l’anima di un gruppo che ha fatto la storia della world music europea.

Perché il cuore musicale degli Agricantus è stato ottimamente supportato da Paola Caridi alla batteria, Michele Frontino al basso e Massimo Garritano alle chitarre.

Dopo il ringraziamento da parte del direttore artistico Mariolina Marino al Comune di Vittoria, che ha collaborato alla realizzazione della serata, si comincia con la musica.

Tra successi vecchi e nuovi gli Agricantus conducono per mano nel loro viaggio tra le musiche del mondo. Si parte con Hala Hala, Gyantse, Talia.

Poi è la volta di Istanbul, Ciavula e Habibi.

«Ricordiamo più spesso della nostra madre terra» dice Rosie presentando Pachamama.

Ed è il momento della dolcezza con Carizzi e Nichi «dedicata ai nostri bambini, ai nostri piccoli»  dice ancora Rosie.

Il viaggio continua con Ljuljuten e Sarvasattva.

Frontwoman del gruppo, Rosie esorta il pubblico: «chi ha voglia di ballare non perda ancora tempo, il concerto sta quasi per finire». Scalza, ha dato l’esempio per tutto il concerto danzando e saltando sul palco, aggiungendo all’incanto della sua voce le movenze mediterranee del suo corpo. Comu ventu e Azalai sono gli ultimi brani in scaletta.

Applausi e ancora applausi richiamano il gruppo sul palco.

Gli Agricantus cantano Presence e Jusu e susu. Poi comincia la fila per gli autografi.

Si chiude dunque con successo il sesto capitolo di NOTE DI NOTTE 2008. Una serata che ha segnato l’inaugurazione come spazio per la musica di una cantina prestigiosa ed è stata accompagnata da diversi momenti d’arte, uno dei quali ha avuto come protagonista Luana Reale, artista calatina dal tocco sensuale che ha presentato le sue originalissime ceramiche e due tele ispirate al mondo della musica. Ancora arte con le opere degli artisti de la Veronica arte contemporanea di Corrado Gugliotta e con i lavori del laboratorio di ricami artigianali La tela di Penelope.

Conoscendo la sensibilità degli Agricantus, l’Associazione Terra e Popoli ha chiesto all’organizzazione la possibilità di allestire un corner per distribuire materiale informativo e promuovere iniziate di beneficenza in favore di paesi disagiati.

È stato ancora una volta Caffè Bistrò ad occuparsi del drink di benvenuto realizzato in collaborazione con Gratia, Piombo e Ragusa Latte.

A sottolineare ogni sapore, ormai noti in tutto il mondo, i vini Planeta.

 

Modica 7 agosto 2008

 

Ufficio Stampa

Stefania Pilato

3382343355

stefaniapilato@gmail.com

Francesco Micalizzi

3392878013

fmicalizzi@hotmail.com

 



È gratis! SkyDrive: 5GB di spazio on line per tutti i tuoi files!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl