Il Maestro Bartoletti celebra Goffredo Petrassi

Il Maestro Bartoletti celebra Goffredo Petrassi

Allegati

02/apr/2004 17.04.51 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

Il Maestro Bartoletti celebra Goffredo Petrassi

L'appuntamento concertistico all’Auditorium Paganini

con l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma

sarà ripreso dalle telecamere di Raitre.

Martedì 6 l'invito all'ascolto del concerto alla Casa della Musica

con Mario Bortolotto, nell'ultimo appuntamento di Prima le parole...

Mercoledì 7 aprile, ore 20.30

 

 

Dopo l’apprezzata parentesi cameristica ecco ritornare all’Auditorium Paganini, per il cartellone della seguitissima stagione concertistica, la compagine orchestrale e il coro del Teatro Regio diretti dal Maestro Bruno Bartoletti, in una serata che si apre, con l'esecuzione del Coro di morti,al ricordo di Goffredo Petrassi , nella celebrazione di un duplice anniversario dedicato al grande compositore italiano, a un anno dalla sua scomparsa (Petrassi ci lasciava infatti nel marzo dell’anno scorso) e nella ricorrenza del centenario della nascita.

Partitura petrassiana, quella in programma, che segna peraltro un importante crocevia nell’estetica del compositore romano: dopo il cosiddetto periodo neoclassico (dedicato allo studio della musica del XVI e XVII sec. “filtrata” dalla vicinanza ad autori come Stravinskij, Malipiero e Casella) il nuovo corso di Goffredo Petrassi vede proprio nel celebre Coro di morti (scritto su un testo leopardiano, il Dialogo di Federico Ruysch) l’occasione di graduale allontanamento dalle precedenti dimensioni compositive per divenire sempre più libero e autonomo nei materiali e nel linguaggio, ora più vicino ai codici espressionistici e atonali.

 

La serata concertistica  - che sarà interamente ripresa dalle telecamere della Rai e successivamente programmata nell'ambito de La musica di Raitre, che propone un cartellone di prestigiosi concerti di musica classica e operistica - offre poi più di uno spunto di interesse, proseguendo l’itinerario novecentesco attraverso una rara pagina di Benjamin Britten, la Serenata per tenore, corno e archi. Considerata opera “minore”, questa pagina - frutto del più autentico Britten - si evidenzia per lo straordinario tessuto connettivo che lega l’orchestra e le due parti melodiche del canto e del corno: un contesto narrativo carico di tensione entro cui accade il dialogo possibile tra melodia e testo poetico. Solista d’eccezione Radovan Vlatkovic, tra i più apprezzati cornisti del momento e musicista dal denso curriculum artistico: Vlatkovic ha infatti collaborato con i teatri e le più importanti istituzioni mondiali e giustamente famose sono le sue incisioni dei concerti mozartiani.

Interprete della Serenata sarà inoltre il tenore Mark Milhofer, voce “britteniana” per eccellenza nel novero di sue applaudite prove quali il Curlew River, The Turn of the screw a Malta e il War Requiem  con il Christ Church Cathedral Choir di Oxford.

 

Il secondo tempo del concerto prevede l’esecuzione della schubertiana Ottava, penultima delle sinfonie del compositore viennese e partitura tra le più amate e conosciute dal pubblico di ogni teatro del mondo: una “Incompiuta” attesa soprattutto per la lettura che il M° Bartoletti assieme all’Orchestra del Teatro Regio darà di questo capolavoro schubertiano.

 

Il concerto sarà come di consueto preceduto da un'interessante presentazione martedì 6 aprile alle ore 18.00 presso l’Auditorium della Casa della Musica, nell’ambito degli incontri di Prima le parole... invito all’ascolto dei concerti della Fondazione Teatro Regio di Parma, rassegna curata da Jacopo Pellegrini e ideata dal Maestro Bruno Bartoletti, che in quest’occasione rivestirà anche il ruolo di relatore. Presenza di rilievo sarà quella di Mario Bortolotto, critico musicale e musicologo tra i più noti del panorama italiano: profondo conoscitore della cultura musicale tedesca dell’Ottocento, nonché della musica contemporanea degli anni ‘50 e ‘60 del Novecento, e acuto osservatore dei rapporti fra musica e cultura, Bortolotto ha dedicato a questi argomenti vari studi, fra cui Introduzione al Lied Romantico (1962), Fase seconda. Studi sulla nuova musica (1968), Consacrazione della casa (saggi sparsi sulla musica tra Otto e Novecento), Dopo la battaglia (1992, sulla musica francese dopo il 1870). Come ha scritto Quirino Principe «Mario Bortolotto è una figura a sé nella cultura italiana, anzi, nella cultura europea e occidentale, poiché l’originalità e l’unicità dei suoi talenti personali e della sua manière de bien penser danno alla sua figura e ai suoi scritti una forza che s’impone con la massima autorità, come accade a rarissimi scrittori [...]».

Nel corso dell'incontro sarà proiettato un prezioso documento video, prodotto da Rai International e diretto da Francesco Bortolini, relativo all'ultima intervista televisiva a Petrassi, realizzata nel 1999 nella sua casa di Roma, in cui il compositore racconta la sua vita, la passione per l'arte, il senso della sua musica, svelando tutta la sua umanità.

 

 

_________________________________

 

 

Casa della Musica

martedì 6 aprile 2004, ore 18.00

 

Prima le parole…

invito all’ascolto dei concerti della Fondazione Teatro Regio di Parma

 

a cura di Jacopo Pellegrini

 

 

Mario Bortolotto, Bruno Bartoletti

 

 presentano il concerto in programma

 all'Auditorium Niccolò Paganini

mercoledì 3 marzo 2004, ore 20.30

 

Proiezione di Goffredo Petrassi. La musica come libertà

regia di Francesco Bortolini

produzione Rai International

 

_________________________________

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

mercoledì 7 aprile 2004, ore 20.30

 

 

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA

 

Goffredo Petrassi

Coro di morti

 

Benjiamin Britten

Serenata per tenore, corno e archi op. 31

 

Franz Schubert

Sinfonia n.8 in si minore Incompiuta

 

Corno

RADOVAN VLATKOVIC

 

Tenore

MARK MILHOFER

 

Maestro del coro

MARTINO FAGGIANI

 

Direttore

BRUNO BARTOLETTI 

 

 

_________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl