Con il ricordo di Giovan Pietro Grimaldi si è chiusa la Stagione 2008

02/dic/2008 12.23.39 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Con il ricordo di Giovan Pietro Grimaldi si è chiusa la Stagione 2008

 

È stato un ritratto davvero insolito quello che l’Associazione The Entertainer ha dedicato a Giovan Pietro Grimaldi attraverso il reading Giovan Pietro Grimaldi - Ritratto inedito che ha chiuso la Stagione concertista 2008 domenica 30 novembre.

Uno spettacolo ideato da The Entertainer in occasione dei novanta anni dalla morte dello scienziato e benefattore medicano, organizzato in collaborazione con la Fondazione, istituita dallo stesso Grimaldi, che da quattro anni sostiene l’attività dell’Associazione.

Con una lavagna sullo sfondo a ricordarne l’attività accademica – Grimaldi fu professore presso le Università di diverse città italiane, Preside della Facoltà di Scienze di Catania e Rettore dell’Università di Catania – Simonetta Cartia e Alessandro Romano, con tono ora serio, ora ironico,  hanno tratteggiato la vita dello scienziato alternando notizie biografiche ad incursioni nel mondo e del linguaggio dei fisici passando per alcuni scritti privati in cui Grimaldi, in un divertimento letterario, narra le vicende del Commendatore Pulicione.

Una vita segnata dal dolore per la scomparsa della moglie dopo appena un anno di matrimonio, morta dando alla luce un bimbo che visse solo poche ore. Una vita dedicata allo studio, alla scienza e alla città di Modica.

Protagonista del momento musicale della serata è stato il duo chitarristico formato da Nello Alessi e Simone Alessi che ha proposto temi da Cavalleria rusticana e La Traviata. E ancora, Preludio e Corrente op.1 di Antonio Vivaldi, Sonatina Canonica di Mario Castelnuovo Tedesco «un brano che è l’emblema della composizione per duo chitarristico – spiega Nello Alessi presentandolo – perché le due chitarre si sfiorano, si rincorrono, si allontanano e si riprendono» e, in chiusura, l’omaggio alla tradizione siciliana con E vui durmiti ancora.

Non solo parole e musica per ricordare Giovan Pietro Grimaldi, ma anche una mostra che sarà visitabile nelle sale di Palazzo Grimaldi fino al 31 dicembre.

Partendo dall’albero genealogico e da alcune foto di famiglia, il percorso della memoria si snoda attraverso diverse sezioni: la musica di casa Grimaldi, le letture di casa Grimaldi, Grimaldi e i motori, le lettere ai familiari, Grimaldi e Modica, Grimaldi fisico - gli scritti scientifici, gli studi sulle meridiane.

Salutando e ringraziando il pubblico intervenuto e l’Associazione The Entertainer per aver realizzato questo spettacolo, il professore Orazio Sortino, Presidente della Fondazione, ha lanciato un appello: «mi auguro che questa serata sia un punto di partenza per il recupero della memoria di un uomo che ha dato tanto al mondo accademico e culturale di Modica, ma non solo. Invito chiunque sia a conoscenza di fatti riguardanti la vita di Grimaldi o della moglie, chiunque abbia oggetti appartenuti alla famiglia, foto o altro, di mettersi in contatto con noi perché abbiamo bisogno di colmare alcuni vuoti».

A fine concerto il pubblico è stato inviato a raggiungere i locali del Caffè Hemingway per gustare un drink dai sapori, ovviamente, modicani.

 

Modica 1 dicembre 2008

 

Ufficio Stampa

Stefania Pilato 338 2343355

stefaniapilato@gmail.com

Francesco Micalizzi 339 2878013

fmicalizzi@hotmail.com



Personalizzali con Messenger! Stanco dei soliti auguri?
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl