Concerti di Primavera

14/mag/2004 21.59.12 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Sig Simonazzi
 
Fondazione Teatro Regio di Parma
 
Comune di Parma
Assessorato alle Attività Culturali e Teatrali
__________________________
 
 

Concerti di Primavera

Torna al Parco Ducale la grande musica

offerta alla città di Parma da SIG Simonazzi,

con la collaborazione della Fondazione Teatro Regio di Parma

e dell’Assessorato Attività Culturali e Teatrali del Comune.

Un’occasione di cultura, di intrattenimento e di convivialità

che un intero decennio ha fatto diventare tradizione

Parco Ducale, domenica 23 maggio,

domenica30 maggio, domenica 6 giugno, ore 11.00

  

 

        Anche se molte cose sono cambiate da allora, ci sono ancora in Simonazzi tante persone che ricordano perfettamente quella “prima volta” di dieci anni fa. I Concerti di Primavera nel 1994 erano nati sull’onda del generale entusiasmo, diffuso a tutti i livelli, di un’azienda che stava per fare il grande balzo nel neonato mercato globale. Allora la Simonazzi del Gruppo Sasib era una società arrivata da leader all’internazionalità, con stabilimenti e filiali in cinque continenti. Così la dirigenza di allora decise che era arrivato il momento di dire grazie alla città che aveva dato i natali a un esempio di imprenditoria italiana di successo e lo fece con la musica, il linguaggio più autentico di Parma, quella musica che per questa città è da sempre, come qualcuno a ben detto, “progetto e destino”. Nacquero così, fra le emozioni e i tremori che segnano ogni debutto, e lungo i sentieri verdeggianti di un Parco Ducale non ancora restaurato, quei Concerti di Primavera che due lustri hanno fatto diventare oggi una tradizione cara ad ogni parmigiano. 

        Da allora, cambiamenti epocali hanno segnato la vita del nostro paese e dell’inquieto “villaggio globale”, e anche SIG Simonazzi ha mutato pelle entrando a far parte di uno dei primi gruppi del confezionamento mondiale, la svizzera SIG di Neuhausen.

        Sempre più cittadina del mondo, ma da sempre orgogliosa della propria identità, SIG Simonazzi festeggia i suoi dieci anni di concerti con un programma musicale di ampio respiro, che accosta brani più celebri ad altri meno conosciuti, sia nella loro ispirazione originale, sia rivisitati nell’arte della trascrizione. Un repertorio molto particolare e anche ardito negli accostamenti, che non mancherà di deliziare il pubblico di intenditori al quale è dedicato.

 
_______________________________________________________________________
 
Concerti di Primavera 2004
A cura di Paolo Franceschi
        La rassegna di quest’anno si aprirà domenica 23 maggio con un programma interamente dedicato a brani originali, da musiche di intrattenimento e di festa, come il divertimento per archi Kv 136 di W. A. Mozart, a brani di ispirazione differente come le Antiche arie e danze di Respighi (da lui rielaborate per orchestra d’archi), per concludere con il Concerto per archi di N. Rota, ricordando il Mestro nel 25° anniversario della scomparsa. Il complesso chiamato a inaugurare con questo programma i Concerti di primavera l’Orchestra da Camera del Teatro Regio di Parma, formata da sei violini primi, cinque violini secondi, tre viole, due viloncelli  e un contrabbasso.

        Seguirà un concerto che prende spunto da una serie di brani per canto e pianoforte, accoppiamento grazie al quale possiamo godere sia del repertorio operistico (in forma di trascrizione, appunto) sia di tutte quelle composizioni scritte invece appositamente per un duo cameristico di questo genere; domenica 30 maggio Katarina Nikolich, accompagnata al pianoforte da Andrea Bambace, interpreta una selezione di brani di ambito latino-americano, dalle Canciones di Enrique Granados, alle pagine più famose della Carmen di G. Bizet, fino ad una composizione del brasiliano H. Villa Lobos, per concludere con le sette canzoni popolari spagnole di M. de Falla. “Echi di Spagna”, titolo con il quale si è voluto denominare un concerto interamente dedicato alla musica di compositori spagnoli vissuti tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo.

Se questo appuntamento della rassegna, come si è detto, contempla sia brani originali sia trascrizioni, il concerto successivo risulta invece interamente incentrato proprio su quest’ultimo tipo di tecnica musicale e compositiva, ossia la rielaborazione di brani che in origine erano stati pensati e scritti per strumenti ed organici musicali differenti; trascrizioni, parafrasi, pot-pourri, fantasie e rielaborazioni furono tutti espedienti grazie ai quali, già a partire dal diciannovesimo secolo, furono tramandati e resi celebri tanti brani di epoca precedente, che altrimenti non avrebbero conosciuto altrettanta  fortuna e celebrità. Il complesso che si esibirà domenica 6 giugno vede nientemeno che l’accostamento di un clarinetto, una chitarra, una fisarmonica e un contrabbasso, a formare un complesso musicale di ben difficile inquadramento, se non pensato proprio alla luce di quanto detto sopra rispetto alla tradizione della trascrizione; il programma proposto dal Corrado Giuffredi Quartet è composto da brani di carattere molto differente, che vanno dall’Ouverture della Gazza Ladra di G. Rossini, al celeberrimo Volo del calabrone  di N. Rimsky Korsakov, alle Danze rumene di Bartok, sino a brani del repertorio contemporaneo come Bye Bye Benny di B. Goodmann o il conosciutissimo Libertango di A. Piazzolla: un percorso musicale che prende spunto dal repertorio classico, quindi, ma che riconosce anche brani di ispirazione popolare e folclorica (come nel caso di Bartok, o nella Czardas di V. Monti), accostati a pezzi di carattere più alternativo (vedi la musica di B. Goodmann). Inutile dire che tutti questi brani realizzati con un organico così singolare come quello sopra citato subiscono una deformazione notevole (in particolare nel timbro e nella sonorità che ne scaturiscono), ma è proprio in questo che l’arte della trascizione ci insegna a capire come ogni pezzo possa essere pensato in tante maniere differenti, e come ognuna di queste possa risultare di notevole valore ed interesse.

 

_______________________________________________________________________

 

Parco Ducale di Parma

Concerti di Primavera 2004

 

 ingresso libero

 

 

Domenica 23 Maggio 2004, ore 11.00

Orchestra da Camera del Teatro Regio di Parma

Violino conduttore Michelangelo Mazza

 
programma
Wolfgang Amadeus Mozart

Divertimento in re maggiore per archi K 136

Ottorino Respighi

Antiche Arie e Danze

Suites per Orchestra d’Archi

Nino Rota

Concerto per Archi

 

 

Domenica  30 Maggio 2004, ore 11.00

“Cantares” - Echi di Spagna

Mezzosoprano Katarina Nikolic

Pianoforte Andrea Bambace

 
programma

Enrique Granados

La Maja de Goya

El Majo Discreto

El tra la la y el punteado

El Majo Timido

La Maja Dolorosa 1

La Maja Dolorosa 2

El Mirar de la Maja

Amor y Odio Calleyeo

Heitor Villa - Lobos

Cancão do marinheiro

Lundù da Marqueza de Santos

Fernando J. Obradors

El capello mas sottil

El Vito

Manuel De Falla

Danca rituel del fuego da «l’Amor brujo» (solo pianoforte)

George Bizet

Seguidile e Habanera, da Carmen

Manuel De Falla

Siete Canciones populares Espanolas

(El pano moruno, Seguidilla murciana, Asturiana,

Jota, Nana, Cancion, Polo)

 

 

Domenica 6 Giugno 2004, ore 11.00

Musiche celebri dal mondo, ovvero “Encore!!”

Corrado Giuffredi Quartet

Corrado Giuffredi, Giampaolo Bandini, Cesare Chiacchieretta, Enrico Fagone

 
programma

G. Rossini

Ouverture da La Gazza Ladra

La Danza

J. Strauss

Quadriglia da Il ballo in maschera

N. Rota

Danze da Il Gattopardo

J. Rodrigo

Adagio dal Concerto di Aranjuez

B. Bartok

Danze Rumene

N. Rimsky Korsakoff

Il Volo del Calabrone

Anonimo

Hora Baricanes

J. R. La calle

Amapola

D. Teodorakis

La Danza di Zorba

B. Goodmann

Bye Bye Benny

Z. Abreu

Tico Tico

V. Monti

Czarda

A. Piazzola

Oblivion

Libertango

 

 

 
Paolo Maier
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl