Esplorazioni del Novecento con Steven Isserlis e Olli Mustonen

06/feb/2009 20.20.36 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Esplorazioni del Novecento
con Steven Isserlis e Olli Mustonen

Il pianista inglese e il violoncellista finlandese

proporranno pagine di Britten, Stravinskij, Martinů, Sibelius

e una Sonata dello stesso Mustonen

Auditorium Niccolò Paganini

lunedì 9 febbraio 2009, ore 20.00

 

 

Due interpreti prestigiosi e acclamati, il violoncellista Steven Isserlis e il pianista Olli Mustonen, saranno i protagonisti del prossimo appuntamento della Stagione Concertistica del Teatro Regio di Parma, lunedì 9 febbraio 2009, alle ore 20.00 (abbonamento turno A) all’Auditorium Paganini.

 

Dall’archetto del solista britannico e dalla tastiera del virtuoso finlandese, ecco un’appassionante esplorazione delle opere e dei compositori del Novecento, con le pagine di Benjamin Britten, Igor Stravinskij, Bohuslav Martinů, Jean Sibelius e la Sonata per violoncello e pianoforte scritta dallo stesso Mustonen e con la quale il recital si spinge fino ai giorni nostri.

 

Aprirà il concerto la Sonata op. 65 di Benjamin Britten, composta nel 1961, con in mente il suono leggendario del grande violoncellista Mstislav RostropoviÄ. Verso la musica del presente ci accompagna la Sonata di Olli Mustonen, scritta nel 2006 e dedicata al grande violoncellista Heinrich Schiff. La seconda parte del concerto tocca Igor Stravinskij - con la Chanson Russe, riduzione di un’aria tratta dall’opera Mavra - Jean Sibelius - con la celeberrima Malinconia op. 20 - e Bohuslav Martinů, con la Sonata n. 1 H 277 scritta durante i tragici anni della guerra.

 

Alla ribalta delle più importanti istituzioni di tutto il mondo, Steven Isserlis arricchisce l’attività concertistica con l’approfondimento musicologico e con l’ideazione di originali progetti cameristici. Compositore e autore di testi di divulgazione, Isserlis è un aperto sostenitore di ogni nuovo orientamento nel mondo della musica. Nuovamente ospite delle stagioni del Teatro Regio dopo l’impresa che lo ha visto affrontare con enorme successo le Variazioni Goldberg di Bach, Olli Mustonen si presenta in duplice veste di pianista e compositore, a confermare un’attitudine da sempre perseguita. Il solista finlandese sostiene infatti che ogni esecuzione debba sempre destare l’interesse di una prima assoluta e si pone di fronte ad ogni autore trattandolo come un suo contemporaneo. Tra le ultime uscite discografiche, Mustonen ha inciso, da direttore e da solista, l’integrale dei Concerti per pianoforte di Ludwig van Beethoven.

 

La Stagione Concertistica 2008/2009 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti - Società dei Concerti.

Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 fax 0521 504224 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

lunedì 9 febbraio 2009, ore 20.00 turno A

 

VioloncelloSTEVEN ISSERLIS

PianoforteOLLI MUSTONEN

 

Benjamin Britten(1913-1976)

Sonata in do maggiore op. 65

Dialogo. Allegro

Scherzo. Pizzicato. Allegretto

Elegia. Lento

Marcia. Energico

Moto perpetuo. Presto

 

Olli Mustonen(1967)

Sonata per violoncello e pianoforte

Croma a circa 66

Andantino

Precipitato

Semiminima a circa 63

 

Igor Stravinskij(1882-1971)

Chanson Russe

 

Jean Sibelius(1865-1957)

Malinconia op. 20

 

Bohuslav Martinů(1890-1959)

Sonata n. 1 H. 277

Poco allegro

Lento

Finale. Allegro con brio

 

 

 

 

 

STEVEN ISSERLIS

Steven Isserlis è un violoncellista acclamato per la sua sensibilità musicale quanto per la sua tecnica. Isserlis è ugualmente a suo agio come solista delle maggiori orchestre del mondo così come ideatore di originali progetti di musica da camera. Tra gli impegni recenti più importanti figurano la Residenza alla Alte Oper di Francoforte, i concerti con l’Orchestre de Paris e Christoph Eschenbach, con la Philadelphia Orchestra e Charles Dutoit e tournée con la Philharmonia Orchestra e la City of Birmingham Symphony Orchestra. Gli impegni principali della stagione 2008/09 includono una tournée in Cina con la Royal Philharmonic Orchestra e Leonard Slatkin, recital in Europa con Tomas Adès e Olli Mustonen, concerti con Denes Varjon alla 92nd St.Y a New York per le celebrazioni di Mendelssohn, Chopin e Schumann, e due concerti dedicati al Concerto di Dvorˇák con i Berliner Philharmoniker diretti da Alan Gilbert. L’interesse dell’artista britannico per gli strumenti d’epoca lo ha portato a esibirsi insieme alle più importanti orchestre di strumenti originali. Nel dicembre 2004 ha eseguito l’integrale dell’opera di Beethoven con il fortepianista Robert Levin a Boston e alla Wigmore Hall di Londra e recentemente ha suonato il Concerto di Dvorák con l’Orchestra of The Age of Enlightenment diretta da Sir Simon Rattle. I concerti da camera ideati da Isserlis sono rinomati non solamente per la qualità delle esecuzioni, ma anche per la creatività e l’innovazione nella programmazione. Ha recentemente presentato una rassegna di autori russi a Wigmore Hall e una rassegna francese e russa durante la Residenza alla Frankfurt Alte Oper. Scrivere e suonare per i bambini è un’altra passione di Isserlis. Il suo primo libro sulla vita di sei grandi compositori Why Beethoven Threw the Stew è stato pubblicato da Faber & Faber nel 2001 e la continuazione Why Handel Waggled his Wig è uscita nel 2006: entrambi i testi hanno ottenuto un immenso successo e sono stai tradotti in molte lingue. La sua personalità aperta e comunicativa si è espressa anche nell’ideazione di una stagione concertistica dedicata ai bambini alla 92nd St.Y di New York. Isserlis persegue inoltre un costante lavoro editoriale comprendente edizioni e arrangiamenti principalmente per Faber Music. Isserlis è un fiero sostenitore della musica contemporanea. Ha eseguito la prima mondiale del Concerto per violoncello di Wolfgang Rihm al Festival di Salisburgo e nella prossima stagione presenterà in prima assoluta opere di Mikhail Pletnev e di Thomas Adès. Attraverso una discografia pluripremiata Isserlis rivela la vastità del suo repertorio. La sua pubblicazione più recente è l’integrale delle Suites per violoncello di Bach per la casa discografica Hyperion che ha vinto numerosi premi, tra cui l’Instrumental Disc of the Year and Critic’s Choice 2008 del Gramophone Magazine. Le sue ultime incisioni comprendono due dischi con Stephen Hough: le Sonate di Brahms che, unite a musiche di Dvorák e Sukper Hyperion Records, hanno ottenuto il premio degli ascoltatori della BBC Radio 3 come Disco dell’Anno; e un disco di grande successo con musica per violoncello dedicata ai bambini uscita per BIS Records. Insignito di un CBE nel 1998 in riconoscimento per il lavoro svolto al servizio della musica, Steven Isserlis ha ricevuto nel 2000 il Premio Schumann della Città di Zwickau - paese natale di Schumann - assegnato in precedenza a musicisti quali Gilels, Masur, Richter e Fischer. Steven Isserlis suona lo Stradivari “Feuermann†o “De Munck†del 1730, gentilmente messo a disposizione dalla Nippon Music Foundation in Giappone.

 

 

 

OLLI MUSTONEN

Olli Mustonen occupa un posto unico sulla scena musicale odierna. Come pianista, ha affascinato il pubblico per la tecnica strepitosa e per la genialità d’interprete. Come direttore, ha fondato la Helsinki Festival Orchestra ed è Direttore Associato della Tapiola Sinfonietta. In qualità di compositore è parte di una linea di musicisti la cui visione è espressa con la medesima vivacità tanto nell’arte dell’interpretazione che in quella della composizione ex novo. Nato a Helsinki, Mustonen ha intrapreso lo studio del pianoforte, del clavicembalo e della composizione all’età di cinque anni. Ha studiato con Ralf Gothoni e in seguito con Eero Heinonen il pianoforte ed Einojuhani Rautavaara per la composizione. Mustonen ha suonato in tutte le grandi capitali mondiali della musica, incluse Vienna, Berlino, Amsterdam, Londra, Parigi, Roma, New York e Tokyo. Si è esibito con le principali orchestre mondiali, tra cui Berliner Philharmoniker, Chicago Symphony, Cleveland Orchestra, DSO Berlin, London Philharmonic, Los Angeles Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Philharmonia Orchestra e Royal Concertgebouw Amsterdam. Ha collaborato con direttori quali Ashkenazy, Barenboim, Berglund, Boulez, Chung, Dutoit, Eschenbach, Harnoncourt, Masur, Nagano, Salonen e Saraste. Tra gli impegni della prossima stagione spiccano i concerti con la New York Philharmonic, Gewandhaus di Lipsia, Warsaw Philharmonic e l’Orchestra Sinfonica di Milano ‘Giuseppe Verdi’. Numerosi anche gli impegni come direttore che lo vedono impegnato in produzioni con la Helsinki Philharmonic Orchestra, con la NHK Symphony Orchestra e con la WDR Symphonie Orchester di Colonia. Quest’anno inoltre Mustonen farà una lunga tournée europea con Steven Isserlis e sarà ospite del Festival di Baden-Baden che gli ha dedicato la rassegna “Artist Portrait of the yearâ€. Alla base della sua attività di pianista e di direttore si trova la sua esperienza di compositore. Mustonen sostiene che ogni esecuzione debba sempre destare l’interesse di una prima assoluta e si pone di fronte all’autore trattandolo come un suo contemporaneo. Questa vocazione all’innovazione lo porta a esplorare molte aree del repertorio al di là dei canoni prestabiliti. La sua discografia si distingue per ampiezza ed eccezionale qualità. L’incisione per Decca dei Preludi di Sostakovic e di Alkan è stata premiata con l’â€Edison Award†e il “Gramophone Awardâ€. Dal 2002 Mustonen registra per Ondine Records con cui ha già pubblicato i Preludi e Fughe di Bach e Sostakovic, opere pianistiche di Sibelius, opere di Hindemith e Sibelius, dove appare sia come solista che come direttore della Helsinki Festival Orchestra e una selezione di opere pianistiche di Prokof’ev, la Sonata n. 1 di Rachmaninov e Le stagioni di Caikovskij. Sempre per Ondine sta realizzando l’integrale dei Concerti di Beethoven nel doppio ruolo di direttore e solista.

 

 

 

 

 

 

Stagione Concertistica 2008/2009

del Teatro Regio di Parma

 

 

Auditorium Niccolò Paganini

Teatro Regio di Parma

 

1 dicembre 2008

MAHLER CHAMBER ORCHESTRA

CLAUDIO ABBADO

ISABELLE FAUST

 

 

 

3 dicembre 2008

RADU LUPU

 

 

 

22 dicembre 2008

I SOLISTI DEL TEATRO REGIO DI PARMA

 

 

 

3 febbraio 2009

QUARTETTO HAGEN

 

 

 

9 febbraio 2009

STEVEN ISSERLIS

OLLI MUSTONEN

 

 

 

27, 28 febbraio 2009

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

YURI TEMIRKANOV

DENIS MATSUEV

 

 

 

17 marzo 2009

I SOLISTI DI MOSCA

YURI BASHMET

 

 

 

23 marzo 2009

DANIEL BINELLI

EDUARDO ISAAC

 

 

 

27 marzo 2009

MAHLER CHAMBER ORCHESTRA

DANIEL HARDING

HÉLÈNE GRIMAUD

 

 

 

31 marzo 2009

TREVOR PINNOCK

 

 

 

1 aprile 2009

ORCHESTRADEL TEATRO REGIO DI PARMA

PETER TIBORIS

 

 

 

5 maggio 2009

ORCHESTRA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

ZUBIN MEHTA

 

 

 

 

Prelazione abbonamenti dal 19 al 26 novembre 2008

Nuovi abbonamenti il 27 novembre 2008

Biglietti dal 28 novembre ottobre 2008

Biglietti on-line dal 29 novembre ottobre 2008

 

 

_________________________________________________

 

 

Biglietteria

del Teatro Regio di Parma

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl