Speciale "Gianfranco Funari" Mondadori Multicenter

Da Rai2 a Italia1, poi un "autoesilio" su vari tv locali, Funari negli anni ha alzato il tiro, concentrando sempre di più l'attenzione dai temi politici e sociali a quelli più prettamente politici e ciò lo portò ad entrare in collisione con i potenti dell'etere e dei palazzi, diventò il battitore libero dell'etere, sempre dalla parte del pubblico, della "gggente".

Allegati

06/mar/2009 10.42.48 Ufficio Eventi Mondadori Retail Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Comunicati Negozi Mondadori.

Con preghiera di pubblicazione.  

 

 

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ 

Mondadori Multicenter

Via Marghera, 28 - Milano

Info 02 48047401 – Ingresso libero 

www.negozimondadori.it 

 

 

LUNEDI’ 16 MARZO ORE 18.30

SPAZIO EVENTI – 2° PIANO

LIBRI

 

Massimo Emanuelli presenta “Gianfranco Funari il giornalaio piu’ famoso d’Italia” Greco & Greco editori

 

Figlio di un tipografo trasteverino, nato a Roma il 21 marzo 1932, dopo avere fatto il rappresentante, il croupier e il cabarettista al Derby Club di Milano, Funari nel 1980 approda a TeleMontecarlo con TORTI IN FACCIA, il primo talk-show della televisione italiana con il pubblico protagonista. Nel 1981 è la volta di ABOCCAPERTA, sempre su TeleMontecarlo, programma che dal 1984 andrà in onda sulla seconda rete della Rai.  All’età di 52, dopo avere fatto mille mestieri, Funari diventa un personaggio nazionale.  ABOCCAPERTA, MONTEROSA 84, JOLLY GOAL, MEZZOGIORNO E’… sono alcune delle sue trasmissioni.

Da Rai2 a Italia1, poi un “autoesilio” su vari tv locali, Funari negli anni ha alzato il tiro, concentrando sempre di più l’attenzione dai temi politici e sociali a quelli più prettamente politici e ciò lo portò ad entrare in collisione con i potenti dell’etere e dei palazzi, diventò il battitore libero dell’etere, sempre dalla parte del pubblico, della “gggente”. Sono un pentito del centro-destra e un deluso del centro sinistra” come ha fatto scrivere sul suo sito internet e come ha dichiarato più volte.

Negli ultimi anni con la barba del saggio, del contestatore, Funari lavorò su emittenti “minori”,  acclamato guru della comunicazione tv comparve in programmi nazionali che grazie alla sua presenza aumentavano l’audience.

Battute, parolacce, una personalissima visione della vita, della politica e, soprattutto, della televisione. Questo il Funari-pensiero che esprimeva con aforismi, frasi lapidarie e battute che verranno ricordate anche attraverso immagini di repertorio.

L’autore che ha conosciuto Funari nel 1977 ripercorre le tappe della carriera del “giornalaio più famoso d’Italia”, attraverso i ricordi e testimonianze di Franco Califano, Tony Santagata, Boris Makaresku, Giancarlo Guardabassi, Luigi Bacialli, Piero Chiambretti, Enzo De Mitri, Carlo Freccero, Anna Falchi, Enzo DeMitri, Vittorio Giovannelli, Roberto Marelli, Paolo Pillitteri, Roberto Poletti, Alberto Tagliati, Gianluca Versace, Gigi Vesigna, e di tutti coloro che hanno conosciuto e frequentato Funari. La vita di Gianfranco Funari dagli esordi in cabaret fino ad arrivare ad APOCALYS SHOW e VIETATO FUNARI (aprile 2007) il suo testamento morale.

Gianfranco Funari è morto a Milano il 12 luglio 2008, a dargli l’ultimo saluto oltre alla moglie Morena, ai famigliari e agli amici, il suo pubblico, la sua “gggente”.  Controcorrente fino all’ultimo, Gianfranco Funari ha chiesto di mettere nella bara delle fiches (in ricordo della sua prima professione e del suo gusto per l’azzardo), un telecomando (simbolo di libertà davanti alla tv) e un pacchetto di sigarette (il suo vizio irrisolto).  Sulla lapide, sempre per sua volontà, è stata posta la sua ultima battuta: Ho smesso di fumare.

 

Intervengono Gigi Vesigna, Giornalista Famiglia Cristiana, direttore storico Tv Sorrisi e Canzoni, Presidente Gran Premio Rai, autore della prefazione; Enzo De Mitri, collaboratore storico di Funari, già critico televisivo de LA NOTTE e di TV SORRISI E CANZONI; Boris Makaresku , cabarettista Derby Club che esordì con Funari; Roberto Marelli, attore e Roberto Poletti, giornalista Antenna 3 Lombardia – Telelombardia

 

Saranno presenti anche altri collaboratori storici ed amici di Funari.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 Grazie e buon lavoro


Giada Marmugi
Ufficio Eventi
Mondadori Retail
Via Lampedusa, 13
20141 Milano 
Tel. +39 0284707753
giada.marmugi@mondadori.it
www.negozimondadori.it  


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl