STANNO PER SCADERE LE ISCRIZIONI DI ALCUNI DEI CONCORSI DEL CIRCUITO GRANDI FESTIVALS ITALIANI www.grandifestivalsitaliani.it

Allegati

29/apr/2009 13.34.12 Guido Robustelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

STANNO PER SCADERE LE ISCRIZIONI DI ALCUNI DEI CONCORSI DEL CIRCUITO

GRANDI FESTIVALS ITALIANI

 

Dal sito  www.grandifestivalsitaliani.it  

 

Le modalità di iscrizione per i partecipanti

 

 

 4 APRILE

 

CANTAZZURRO FESTIVAL VENETO

 

FESTIVAL DEL GARDA             LOMBARDIA / TRENTINO / VENETO

 

 

15 MAGGIO

 

NOTA D'ORO                       PUGLIA

 

LIVE SONG FESTIVAL        EMILIA ROMAGNA

 

 

16 MAGGIO

 

FESTIVAL SARDEGNA               SARDEGNA

 

 

30 MAGGIO

 

UNA VOCE PER LO IONIO  CALABRIA

 

 

30 GIUGNO

 

SARETE FAMOSI                MARCHE

 

IL PROGETTO

 

Il progetto Grandi Festivals Italiani parte dalla consapevolezza che l'unione fa la forza e vuole coinvolgere più realtà distribuite su tutto il territorio nazionale che abbiano un consolidato radicamento.

 

Un sodalizio che punta a diventare una vetrina nazionale ed internazionale per tutti quei giovani che cercano di far conoscere le proprie qualità e le proprie attitudini oltre i confini locali, e non solo nel campo della musica.

 

Anche se sicuramente - almeno per il momento - i concorsi musicali di questi festivals sono il settore trainante di questa unione. Ogni singola organizzazione riceve ed ascolta moltissime canzoni, seleziona le migliori, e poi le promuove al meglio durante le proprie serate, nei teatri, nelle piazze, nel CD musicale del proprio evento, e soprattutto cercando di divulgarle al grande pubblico tramite le radio e le televisioni, che siano esse locali, regionali, interregionali o nazionali.

 

La speranza di tutti è che poi, fra i tanti artisti, si riesca a scovare i nuovi Vasco Rossi, Eros Ramazzotti, Laura Pausini, con quel pizzico di presunzione di concorrere a far uscire il settore da questo momento sicuramente difficile, convinti che l'unica strada percorribile sia elevare la qualità del prodotto dando visibilità a coloro che maggiormente meritano.

 

 

 

 

 

www.grandifestivalsitaliani.it

 

 

 

REQUISITI e ADESIONE

 

 

Requisiti richiesti per entrare a far parte del circuito

 

1.    avere già realizzato almeno due edizioni del proprio festival;

 

2.    accettazione del “regolamento unico” dei GFI, pur mantenendo ognuno le proprie esigenze logistiche e temporali, e soprattutto la propria identità territoriale;

 

3.    avere il patrocinio degli Enti Istituzionali locali del territorio direttamente coinvolto;

 

4.    adeguamento del ‘format’, o tipologia di spettacolo.

 

 

 

Procedure per aderire al circuito

 

5.    la richiesta potrà essere fatta con semplice invio di email a questo indirizzo mail@grandifestivalsitaliani.it o telefonando al 335.6778448;

 

6.    la domanda sarà esaminata nel corso della riunione tra gli aderenti al circuito dei GFI nell’anno in corso, che si terrà tra novembre e dicembre 2009;

 

7.    l’adesione gratuita.

 

www.grandifestivalsitaliani.it

 

GLI ADERENTI 2009

 

 

Puglia
NOTA D'ORO
XXI edizione
resp. Aldo Scaringella
per contatti:
info@notadoro.it o 338.6616195

Lombardia - Trentino - Veneto
IL FESTIVAL DEL GARDA
XIV edizione
resp. Enrico Bianchini
per contatti:
info@ilfestivaldelgarda.it o 335.6778448

Marche
SARETE FAMOSI
XI edizione
resp. Augusto Santarelli 
per contatti:
proloco@camerino.sinp.net
o 0737.632534

Sardegna
IL FESTIVAL della SARDEGNA
IX edizione
resp. Salvatore Azzena
per contatti:
info@ilfestivaldellasardegna.it o 334.8118624

Veneto
CANTAZZURRO FESTIVAL
VII edizione
resp. Enrico Napione
per contatti:
info@cantazzurro.it o 334.3874426

Emilia Romagna
LIVE SONG FESTIVAL
VI edizione
resp. Claudio Bolondi
per contatti:
info@livesongfestival.it o 320.9627430

Calabria
UNA VOCE PER LO JONIO
III^ edizione
resp. Christian Cosentino
per contatti:
cosentinochristian@libero.it o 380.3250993

Lazio
FESTIVAL del LAGO di BOLSENA
II^ edizione
resp. Enrico Bianchini
per contatti:
mail@grandifestivalsitaliani.it o 335.6778448

Sicilia   CANTADORIA TOUR
I^ edizione
resp. Alessandro Faja
per contatti:

alexcostia@libero.it o 338.6201500

 

Intervista a
VINCE TEMPERA
Direttore Musicale

 

Ha diretto l’orchestra del Festival di Sanremo per quarant’anni, ha scritto pezzi di grande successo, ha curato programmi televisivi dagli ascolti record (“Raccontami” su Rai Due), ma mai, prima d’ora, la popolarità di Vince Tempera aveva raggiunto l’apice di questi giorni. Tutto merito della Corrida, il programma televisivo in onda su Canale 5, condotto dall’impareggiabile Gerry Scotti, che ha come spalla musicale lo stesso maestro milanese da quattro anni direttore musicale anche del Festival del Garda.

“La trasmissione va benissimo. E’ divertentissima ed ha il pregio di essere uno spettacolo che costa molto meno, ma molto meno, di “Ballando con le stelle” spettacolo che è stato, per molte settimane, il nostro diretto concorrente del sabato. In quel periodo abbiamo registrato indici d’ascolto di poco inferiori, attorno alle 600 mila unità, rispetto alla corazzata messa in campo da Rai Uno. Stiamo parlando di numeri, per entrambe le trasmissioni, superiori ai 5 milioni di spettatori”.

Che effetto le fa essere fermato per strada dalla gente?

Davvero strano e non nascondo che a volte tutto mi sembra così buffo. Ho alle spalle una lunga carriera, dei lavori importanti, ma mai avevo ricevuto tanta attenzione. La televisione fa davvero miracoli. Prendiamo il mercato discografico, che purtroppo è sempre più in crisi. Ha capito che per lanciare i giovani occorre appoggiarsi a trasmissioni televisive come X- Factor o Amici. Se poi andiamo a vedere chi ha vinto l’ultimo Sanremo (Paolo Carta vincitore di Amici ndr) l’equazione torna facilmente.

Nostalgia della kermesse della città dei Fiori?

Assolutamente no. Dopo decenni non ho partecipato, ma se devo essere sincero, non ne ho sentito la mancanza.

Da tre anni è alla direzione musicale dei Grandi Festivals Italiani.

Una sfida che ho accettato, in quanto si offre concretamente una possibilità ai tanti giovani alla ricerca della ribalta nel campo della musica.

Non c’è il rischio di creare inutili illusioni?

Perché mai. Innanzitutto esibirsi dal vivo davanti a centinaia di persone rimane una esperienza esaltante ed una palestra irrinunciabile per chi vuole abbracciare la professione. Come direttore musicale ho partecipato ormai a decine di serate dei festivals del circuito. Vi assicuro che il successo è garantito: per i cantanti ma anche per il pubblico. Certo i giovani che passano dal Festival, hanno poi bisogno dell’aiuto della Tv e dei produttori per raggiungere una popolarità nazionale.

Per questo è nata l’idea del circuito?

Esatto. Pensiamo sia la strada giusta per uscire da confini regionali ed offrire nuove opportunità a chi ama questo mondo: difficile, ma ricco di vitalità.

 

Si ringrazia per la collaborazione
Stefano Joppi

 

 

 

 

 

 

 

Intervista a
ENZO MICELI
A & R (ricerca nuovi talenti)

 

Il produttore discografico, un lavoro svolto “dietro le quinte”: puoi descriverlo? 

Una domanda molto generica e vasta a cui non si può dare una singola e secca risposta. Il produttore discografico, come anche negli altri settori artistici quali il teatro, la danza, è il punto di partenza dell’artista. Rappresenta un appoggio notevole, e offre all’artista lo sprint iniziale, nonché “l’ideazione” della futura carriera artistica.

È un compito arduo soprattutto per l’investimento artistico che si cerca di fare nonostante le mille perplessità e incertezze del settore.

Oggigiorno è difficile fare investimenti a lungo termine, purtroppo la realtà artistica odierna non permette, come in passato, di andare oltre un certo periodo temporale, soprattutto per i continui mutamenti di stile, sociali, ecc.

 

Infatti cosa ne pensa della situazione “artistica” attuale?

Lo scenario è vasto e variegato, non è possibile definire lo status moderno, proprio perché abbiamo artisti che hanno sempre più un proprio stile che li contraddistingue; inoltre anche i diversi generi musicali aumentano e cambiano continuamente. D’altronde vi sono anche artisti che inscenano cover magari rivisitate e personalizzate, ed è un altro modo di far spettacolo, come succede oramai nei programmi TV, dove nuove proposte si formano e calcano inizialmente la scena con “pezzi artistici” passati.

 

I Grandi Festivals Italiani è un circuito che rivolge la sua attenzione agli artisti emergenti. Puoi dare un consiglio iniziale a questi giovani?

Innanzitutto devono sempre essere originali, creare un proprio stile, personalizzare la propria arte. La società artistica moderna si è omologata alla società lavorativa in senso lato: oltre al saper cantare, o suonare, o recitare, è necessario possedere il cosiddetto valore aggiunto, come può esser nel caso di un laureato che in più ha frequentato un master, così un cantante che sa anche suonare uno o più strumenti o possiede “immagine scenica”.

 

Tu parteciperai alla selezione di cantanti e musicisti emergenti dei concorsi musicali dei festivals del circuito: quali caratteristiche devono avere per passare la tua selezione?

Come ho già specificato in precedenza un’artista dovrebbe avere delle peculiarità e non perdere o mancare mai di originalità anche se “ripete” successi passati.

Spero solo che un giorno si possa tornare ad avere cantanti, cantautori, musicisti, che riescano a fare progetti a lungo termine, permettendo “studi e commissioni” fatti su misura per loro.

 

Si ringrazia per la collaborazione
Alessandra Ronza

 

 

 

In collaborazione con M.E.I.   

 

MEI -  MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI  -  27, 28, 29 novembre 2009

 

Prima Fiera della nuova musica in Italia, Fra i marchi più importanti della musica in Italia

I dati 2008:

Più di 30.000 presenze - 15000 metri quadri espositivi - 400 esibizioni live - 300 espositori

250 video in concorso - 150 media - 100 tra convegni e incontri - 50 operatori stranieri

 

BREVE EXCURSUS STORICO:

Il MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti si rivolge al settore musicale indipendente nazionale e internazionale, con una convention di due giorni presso il Centro Fieristico di Faenza, dove gli operatori del settore, quali discografici, agenti e artisti nonché responsabili di associazioni di categoria, hanno la possibilità di incontrarsi in un’area espositiva composta dai  padiglioni del centro fieristico, alla quale si aggiungono diverse aree live dove è possibile per questi e per il pubblico intervenuto, ascoltare dal vivo i numerosi artisti proposti per la nuova scena musicale indie.

Il MEI, organizzato da Materiali Musicali di Faenza,  con la direzione artistica di Giordano Sangiorgi, giungerà nel 2009 alla sua tredicesima  edizione; la formula che ne ha garantito il successo negli anni è senza dubbio la peculiarità di offrire sia agli operatori del settore che intervengono sia al pubblico, la possibilità di assistere a concerti di qualità con artisti emergenti provenienti dalla scena indie italiana ed estera, e di fruire di uno spazio adibito ad incontri, convegni e meeting su argomenti legati al mondo musicale, coordinati da esperti del settore. Nell’ottica di  incentivare incontri costruttivi per gli operatori presenti in fiera, e di aggiornarsi continuamente sui nuovi linguaggi musicali internazionali, il Meeting in questi anni si sta muovendo verso l’Europa, garantendo la sua presenza ad esempio presso le principali manifestazioni musicali europee, quali il Midem di Cannes, il Popkomm di Berlino e il Womex, e il MusicWorks; questo per attivare proficue sinergie con operatori musicali europei, che hanno consentito ad esempio la organizzazione insieme a questi di interessanti  forum di lavoro e di confronto presso il Meeting ai quali sono intervenuti anche gli artisti e gli operatori presenti in fiera.  

Il Meeting si configura come una manifestazione culturale a tutto tondo, partendo dalla musica come linguaggio denominatore infatti, spazia verso tutte le altre arti: la letteratura, con l’organizzazione di diverse presentazioni letterarie su libri dedicati al mondo musicale e al nuovo concorso Quaderni Rock, le arti figurative, attraverso l’installazione di diverse mostre artistiche: fotografiche, serigrafiche e infine di quadri, la poesia, attraverso la collaborazione con il Festival della Poesia di Genova da cui è nato il concorso Suona la poesia, e inoltre al linguaggio artistico attraverso  video, con l’organizzazione di concorsi legati ai videoclip musicali, tradizione ormai consolidata della programmazione al Meeting, con ospiti di rilievo che negli anni si sono avvicendati come Gianna Nannini, Loredana Bertè, Gianni Morandi , Carmen Consoli, Frankie H Nrg ,Tricarico,  Daniele Silvestri, Nicola Piovani, eccetera.   

 

 

 

 

Azioni prioritarie:

- organizzazione e produzione di spettacoli dal vivo con particolare interesse verso gli artisti emergenti, nonchè band giovanili, con l’attenzione rivolta  verso nuovi progetti creativi e nuovi autori: il Meeting, con l’allestimento in fiera di tre punti live attivi ininterrottamente dalle 11 del mattino fino alle 24, conferma la sua intenzione principale di dare ampio spazio alle esibizioni live di gruppi emergenti, appartenenti al mondo indie ed in particolare ai generi rock, folk,  punk e a tutte le loro derivazioni. Continuando a celebrare il patrimonio storico musicale italiano attraverso l’intervento talvolta di artisti famosi facenti parte di questa  tradizione, il Meeting tende a far esibire giovani artisti e nuove formazioni per consentire una sorta di  “cambio generazionale artistico” dato contemporaneamente dall’età giovanile degli artisti, e dai vari generi musicali che ne derivano, tenendo ben presente l’importanza  della musica, quale mezzo di comunicazione.

- organizzazione di iniziative a favore della promozione della musica tramite il coordinamento anche con enti pubblici e privati:  il Meeting delle Etichette Indipendenti ha creato negli anni positive sinergie con alcune tra le più importanti istituzioni italiane per discutere insieme alcuni temi a favore della promozione del settore musicali.

- iniziative di formazione e comunicazione attraverso l’organizzazione di convegni e assemblee di coordinamento tra i principali soggetti del settore musicale: con un successo consolidato da diversi anni, si ripetono in programma i convegni organizzati durante le due giornate di apertura del Meeting presso la sala convegni e la sala stampa del Centro Fieristico di Faenza. In particolare, si tratta di convegni organizzati con i massimi esperti del settore musicale e che molto spesso vedono come  relatori autorità, rappresentanti di istituzioni pubbliche e private e di major, con temi legati al settore musicale.

- circuitazione e promozione dei festival: legata all’attività del Meeting delle Etichette Indipendenti è nata nel 2003 l’associazione Mei Fest di coordinamento e promozione dei principali

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl