comunicato

Internazionale TEMA di Milano per la Musica Contemporanea e dell'Istituto G.

09/set/2004 16.01.27 accademia tema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TEMA Festival

Musica nel Novecento

RIMINI, 24 / 26 settembre 2004
AUDITORIUM DELL’ISTITUTO LETTIMI, via Asili Baldini n. 27

Promosso da
ACCADEMIA INTERNAZIONALE TEMA di MILANO

In collaborazione con
ISTITUTO MUSICALE PAREGGIATO “G. LETTIMI”
UNIVERSITA’ APERTA “GIULIETTA MASINI E FEDERICO FELLINI”

Con il sostegno di
FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI

Con il patrocinio di
COMUNE DI RIMINI
PROVINCIA DI RIMINI

TEMA FESTIVAL MUSICA NEL NOVECENTO nasce dalla volontà dell’Accademia
Internazionale TEMA di Milano per la Musica Contemporanea e dell’Istituto G.
Lettimi di Rimini di realizzare un punto d’incontro tra due diverse realtà
terrioriali, entrambe vive e curiose di novità, focalizzando l’attenzione
sulle basi dell’evoluzione musicale dei nostri tempi. Allora ci si domanda
cosa sia esattamente il TEMA Festival... forse, una serie di conferenze sulla
musica del novecento, oppure una serie di concerti, o ancora una serie di
assaggi esplicativi dei sistemi di scrittura di autori di molteplici
nazionalità a confronto tra loro, oppure un semplice punto di incontro tra
musicisti e gente comune volto ad assaporare e gustare la musica in tutta la
sua pluralità di forme? Ci auguriamo tutto questo insieme.
Il Festival si svolgerà a Rimini, presso l’Auditorium dell’Istituto Musicale
Pareggiato G. Lettimi, nei giorni dal 24 al 26 settembre p.v., con concerti
matinèe e serali. L’intera manifestazione, sotto il patrocinio del Comune di
Rimini e della Provincia di Rimini, sostenuta dalla Fondazione CARIM ed
inserita nei percorsi culturali dell’Università Aperta - Giulietta Masina e
Federico Fellini - vede la partecipazione di un Comitato d’Onore di prestigio:
Alberto Ravaioli (Sindaco di Rimini), Ferdinando Fabbri (Presidente della
Provincia di Rimini), Manlio Maggioli (Presidente della Camera di Commercio di
Rimini), Enzo Pruccoli (Presidente del Rotary Club Rimini), Marcella Bondoni
(Assessore alla Cultura per la Provincia di Rimini), Vittorio Boarini
(Direttore Fondazione Federico Fellini), Luciano Chicchi (Presidente
Fondazione CARIM), Giuseppe Lazzari (Presidente Ordine degli Ingegneri della
Provincia di Rimini), Bruno Piccioni (Presidente Ordine dei Dottori
Commercialisti di Rimini), Guido Zangheri (direttore Istituto G Lettimi).
La scelta dei concerti e dei repertori spazierà in ambiti di organico diversi,
partendo da una combinazione di musica e teatro insieme, raccordando insieme
nel primo appuntamento l’espressionismo tedesco di Hindemith e Brecht con
l’avanguardia francese di Poulenc, Honegger, Cocteau e Milhaud affidato ad un
trio d’eccezione con clarinetto - Giambattista Giocoli - , pianoforte -
Gaetano Caggiano - e voce recitante - Massimo Sceusa. Il secondo appuntamento
lascerà spazio, invece, ad una formazione da camera raffinata e ricercata come
quella del Duo Karma, duo di chitarre, vincitori della borsa di
studio “Migliori allievi A.A. 2003” dell’Accademia Internazionale TEMA di
Milano, che - attraverso Albeniz, Castelnuovo-Tedesco, Piazzolla, Ohana, Bons -
consentiranno al pubblico di seguire un percorso con i colori dell’intimo e
riservato sentire di Castelnuovo-Tedesco sino a raggiungere l’approccio
sensuale della musica argentina.
Il terzo appuntamento vedrà una formazione classica - ovvero violino, con
Tania camargo Guarnieri, pianoforte, con Rossella Spinosa - decisa
nell’affrontare un percorso dall’Europa all’America, in una sorta di andata e
ritorno: si partità, infatti dalla Sonata di Locatelli - Ysaye con tutto il
sapore dell’Italia di un tempo rivisto da un francese del ‘900 per transitare
sino alla musica brasiliana di Mozart Camargo Guarnieri (America del Sud), per
poi spostarsi nel Nord-America (questa volta Stati Uniti) con la musica di
Bloch, ritornando infine in Europa con una composizione del 1983 di Peter
Aderhold.
Si passerà, nel quarto appuntamento, all’approccio poliedrico di una serie di
compositori al pianoforte: qui interpreti Francesco Brioli ed Alessandro
Calcagnile ci consentiranno di insinuarci nei meandri del suono pianistico dal
primo novecento russo di Scriabin all’arte re-interpretativa-compositiva di
Horowitz, mediante le sue parafrasi di temi famosi della letteratura musicale,
raggiungendo Volodos che - nella medesima ottica della parafrasi - farà
assaporare Mozart in una diversa ottica. A questo mondo russo si affiancherà
quello dei compositori italiani del secondo novecento, in uno stile lontano da
quello russo e per questo interessante nell’affiancamento: Giacomo Manzoni,
Niccolò Castiglioni, Sylvano Bussotti, Franco Donatoni, Armando Gentilucci ed
infine Luciano Berio.
Si concluderà con un ultimo appuntamento affidato al pianoforte quattromani
con le pianiste Alessandra Tassinari e Ilaria Tramannoni, che ci condurranno
dalla Russia di Rachmaninov all’America di Barber, Gershwin e Berstein.
Un Festival denso, durante il quale gli interventi esplicativi del Maestro
Guido Zangheri, direttore dell’Istituto G. Lettimi, insieme a quello degli
stessi interpreti, congiuntamente alla internazioanlità del repertorio
prescelto consentirà al pubblico di fare il giro del mondo di quegli anni,
lasciandosi portare per mano dalla Musica.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl