EtnoCulturèE 2010 - A Sud del Mondo

EtnoCulturèE 2010 - A Sud del Mondo Parte ufficialmente lunedì 5 luglio alle ore 21.30, presso Jazzo Gattini, la II Edizione del Festival "EtnoCulturee" - Rassegna Interculturale di Musiche dal Mondo.

04/lug/2010 20.51.10 ASSOCIAZIONE CULTUREE Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Parte ufficialmente lunedì 5 luglio alle ore 21.30, presso Jazzo Gattini, la II Edizione del Festival “EtnoCulturee” – Rassegna Interculturale di Musiche dal Mondo.

 

Protagonista delle prima serata del Festival, il progetto “A Sud del Mondo”, un viaggio affascinante condontto dall’arpista di origini materane, Giuliana de Donno, il cantante e compositore, Raffaello Simeoni e il percussionista Massimo Carrano.

 

Un affascinante viaggio musicale che parte dal nord Europa attraversando quei paesi (Irlanda, Francia, Spagna) dove le leggendarie popolazioni dei Celti si insediarono. Con gioiose danze, canzoni d’armi e d’amore, proseguirà il fantastico viaggio alla riscoperta del prezioso patrimonio musicale del sud- ...Italia caratterizzato da tarantelle, tammorriate e ballate a cui si uniranno ed intrecceranno seducenti melodie di antico sapore mesopotamico.

 

 Un tuffo nell’Oceano ci condurrà laddove giunsero un tempo coraggiosi uomini che sfidarono l’ignoto per conoscere nuove terre e nuovi sud del mondo:

 al Sud- America sarà dedicata l’ultima parte dell’ itinerante concerto, un’ omaggio alla “terra” che ha saputo creare una sua straordinaria ed originale identità fondendo sapientemente la propria storia all’esuberante cultura degli uomini giunti dal lontano Mediterraneo.

 

Un viaggio di scoperta, dunque, intorno al mondo per ritrovare il sud del mondo, le nostre radici che grazie alla musica diventano segni riconoscibili della nostra cultura.

 

Un ritorno anche per l’Arpista Giuliana de Donno, di origini materne, che si esibirà il 5 luglio per la prima volta a Matera.

Giuliana De Donno, si è diplomata in arpa classica presso il Conservatorio S.Cecilia di Roma sotto la guida di J. Jugo de Grodnicka. Ha proseguito gli studi di perfezionamento di arpa classica con E. Zaniboni e C. Antonelli, di arpa paraguayana con A.R. Ortiz e L. Almada, di arpa celtica con D. Bouchaud e A. O’Farrell. Il suo repertorio abbraccia vari generi musicali, dal classico al popolare grazie alla versatilità offerta dallo studio e dalla ricerca su strumenti delle tradizioni popolari quali l'arpa celtica, l’arpa viggianese (Lucana) e l'arpa paraguayana (della quale è l'unica arpista italiana specializzata); è inoltre una delle poche arpiste al mondo a suonare e possedere un’arpa originale viggianese che ha fatto recentemente restaurare. La De Donno sarà accompagnata in questo viaggio da altri due straordinari musicisti:

 

RAFFAELLO SIMEONI


Cantante musicista, compositore, suona flauti moderni, antichi e tradizionali, cornamuse, organetto, ciaramelle, liuti arabi, ghironda.

E' il cantante dell'Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium di Roma diretta da Ambrogio Sparagna.

MASSIMO CARRANO

Tra i musicisti italiani più attivi ed eclettici, svolge un’ intensa attività concertistica, come solista e con prestigiosi organici italiani e non.
E’ collaboratore abituale di compositori come Luis Bacalov (Oscar per le musiche de ”Il Postino”), Germano Mazzocchetti, Nicola Piovani (Oscar per le musiche de ”la vita è bella”), Tony Carnevale, Ambrogio Sparagna, Alessio Vlad, Armando Trovajoli
 Dal ’93 è membro onorario della “Sociedad Percuba” associazione dei percussionisti Cubani nel Mondo.


 

 

Mettetevi comodi dunque, con occhi nuovi e il cuore aperto alle emozioni, lasciatevi trasportare dalle affascinati sonorità dell’arpa celtica; seguite il ritmo dei tamburelli e della tammorre; lasciatevi trasportare dall’incanto della voce che vi condurrà  in luoghi lontani.

 

 

 

L’inizio dello spettacolo è previsto per le 21.30

Il costo del biglietto è di €7,00

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl