I Radiodervish al Teatro Italia di Scicli con “Beyond the Sea”

26/gen/2010 18.32.06 S Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tornano in provincia di Ragusa con un nuovo e affascinante album, dedicato al mare, e lo presentano sabato 30 gennaio a Scicli, al Teatro Italia, alle 20,30.

I Radiodervish inaugurano Note di Notte Winter 2010 con “Beyond the Sea”, settimo lavoro discografico che segna il ritorno, dopo la parentesi pop di “L’immagine di te”, prodotto da Franco Battiato, ad un concept album intriso di poesia e di atmosfere rarefatte e sensuali.

Pensato e scritto tra la Puglia e Gerusalemme, “Beyond the Sea” è il racconto di un viaggio per mare, declinato lungo rotte ora reali, ora possibili, ora immaginarie, che diventa paradigma della riscoperta di valori individuali quanto universali.

Popolato da numerosi personaggi, il mare è scrigno di memoria, di conflitti, di dialoghi, di amori, di nostalgie, di metamorfosi. Ed è specchio della cifra distintiva del gruppo che da sempre, mescolando sapientemente lingue e culture diverse, celebra il valore dell’incontro.

Da dodici anni protagonisti del panorama world, i Radiodervish hanno avviato importanti collaborazioni con Noa, Franco Battiato, l’Orchestra Araba di Nazareth, Jovanotti, Stewart Copeland, Caparezza, CSI, Nicola Piovani ed hanno spesso intrecciato la musica con linguaggi espressivi diversi, dando vita a progetti speciali cui hanno preso parte, tra gli altri, Giuseppe Battiston, Carlo Lucarelli, Valter Malosti e Teresa Ludovico.

Dal 2008 il gruppo si dedica con successo a “Le Porte dell’Occidente”, progetto di residenza teatrale che ha coinvolto numerosi ospiti nazionali e internazionali ed ha trasformato il Castello Normanno-Svevo di Sannicandro di Bari in un contenitore culturale, in un luogo privilegiato di incontro e dialogo.

Grazie al costante impegno sociale tradotto in musica, sempre con grande eleganza, i Radiodervish hanno ricevuto lo scorso novembre il Premio (alla carriera) Suoni di Confine, promosso dalla Sezione Italiana di Amnesty International all’interno del progetto MEI - Terra di Musiche 2009.

Nabil Salameh (voce), Michele Lobaccaro (basso, contrabbasso e chitarre) e Alessandro Pipino (tastiere, fisarmonica e clavietta), nucleo storico della formazione, saranno accompagnati sul palco del Teatro Italia da Riccardo Laganà (tamburi a cornice, darbouka, cajon, djembé e zarb) e Davide Viterbo (violoncello).

 

 

Modica 26 gennaio 2010

 

Ufficio Stampa

Stefania Pilato 3382343355

stefaniapilato@gmail.com

Francesco Micalizzi 3392878013

fmicalizzi@hotmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl