SI L'AMMORE NO- E.Frosini / D. Timpano [Teatro Spaziozeronove - 17 aprile 2010 - Cisterna di Latina (LT)]

10/apr/2010 15.54.49 Kataklisma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA


Cisterna di Latina (LT)
  17 aprile
2010 - ore 21


SI L'AMMORE NO

Teatro Spaziozeronove
Via delle Regioni 10
Cisterna di Latina (LT)

 info e prenotazioni

Tel tel. 334 5811438
spaziozeronove@libero.it



____________

amnesiA vivacE   -   Kataklisma

Consorzio Ubusettete

SI L'AMMORE NO



uno spettacolo di e con
Daniele Timpano  e  Elvira Frosini

spettacolo finalista al Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche "Dante Cappelletti" 2008

Le più belle storie d'amore sono quelle che finiscono quando uno dei due muore sul colpo.
Un uomo e una donna. S' incontrano. Si amano. Si mangiano.
L’amore nell’immaginario collettivo, tra cliché, misoginia, pornografia, femminismo, sdolcinatezze e melensaggini.
Daniele Timpano e Elvira Frosini attraversati e scossi dai più disparati materiali: da Faccetta nera a Little Tony, dalle canzoncine anni trenta a Frank Zappa e Celentano, da Goethe e Cavalcanti a Beautiful e Mahler, passando per gli Harmony e il Vangelo.
La mamma è sempre la mamma? La donna è una madonna? E l’uomo è cacciatore?

Noi facciamo l'amore così. In playback. Tutto il mondo lo fa.
[ EF + DT ]


drammaturgia e regia: Daniele Timpano e Elvira frosini
assistenza alla regia: Alessandra Di Lernia
disegno luci: Dario Aggioli
registrazione audio a cura di: Marco Fumarola, Dario Aggioli, Lorenzo Letizia
produzione: Kataklisma, amnesiA vivacE
in collaborazione con: Arti Vive Festival, Centro di Documentazione Teatro Civile,  Armunia,
Consorzio Ubusettete
foto: Ulisse & Cannone, Jacopo Quaranta
progetto grafico: Stefano Cenci

-------------------------------------


RASSEGNA STAMPA_abstract

“[...] La scena è vuota, vi è solo una bambola di gomma, una nuda femmina appesa a un gancio. Il senso dello spettacolo è tutto in essa implicito: “Dietro l'uomo romantico c'è l'uomo fascista”. Daniele Timpano e Elvira Frosini presentano “Sì l'ammore no”. Sono distesi a terra, proiettano le loro ombre sulla quinta di fondo, disegnano lo spazio con le dita. Poi si alzano, attacca una canzone, Daniele e Elvira vestiti di bianco e rosso si stuzzicano, punzecchiano il pubblico con piccoli aforismi o battute-battibecco, come tra due giovani sposi. Ci raccontano la storia del loro magico incontro. [...] I due scoprirono l'amore. Ma che cos'è l'amore, anzi l'ammore? [...] Elvira si protende verso il pubblico, lo interroga. Il pubblico risponde, risponde sempre. È lì per quello, per abbracciare e sostenere questi infantiloidi assi del palcoscenico e della confessione vera/finta. Il vero spettacolo è questo. Questo il suo succo.”
Franco Cordelli, Corriere della Sera

Un incontro tra il maschile e il femminile, partendo da cliché della cultura cattolica postmoderna e radiotelevisiva per riapprodare ad archetipi edipici, con qualcosa di imprecisato nel mezzo. Elvira Frosini e Daniele Timpano si muovono sulla scena buia come marionette, nascosti dietro occhiali colorati, o diventano improvvisamente reali, con enormi occhi puntati sul pubblico ad esprimere tutte le loro perplessità e impulsi. Un incontro, una possibilità, una minaccia, sia essa una rivale gonfiabile o un omicidio. La prima volta avviene in playback, secondo i luoghi comuni del caso, ognuno immerso nella sua solitudine. Da rivalse femministe, che risultano sfasate rispetto a un desiderio d’amore arcano, a rivalse maschiliste di sopraffazione o di fuga verso l’omosessualità, ugualmente inadeguate al primordiale istinto, l’affannarsi reciproco confluisce nel mezzo di un cappio rosso: dinosauro? simbolo fallico? animale domestico? surrogato di un figlio? o parto osceno di una società allo sfascio? I due ne bramano la preferenza come momentanea soluzione alle rispettive insoddisfazioni: “a chi vuoi più bene, alla mamma o al papà?” La piccola creatura illuminata di rosso canta, e qualche volta sogna di uccidere mamma e papà.
Un tentativo di dare voce al pubblico si tramuta nell’impossibilità di autonomia del sentire quando le risposte sono preregistrate, preconfezionate e inculcate, lo spirito nazifascista serpeggia inquietante sotto affermazioni di reciproco affetto e desiderio, sfociando nel cannibalismo. Finale in medias res. To be continued?
Claudia Donzelli, Mercuzionline

E’ la storia di uno stupro, questa. Si, di uno stupro perpetrato ai danni della nostra psiche e –perché no?- del nostro corpo. Di come il nostro candore sia divenuto ferocia, la nostra nobiltà d’animo prevaricazione, il nostro donarsi assuefazione. Di come l’amore sia divenuto no.
Il nostro, non il loro -di Daniele Timpano ed Elvira Frosini. Si l’ammore no è il grido disperato e sincero, sinceramente disperato, di questi ultimi due romantici della scena –e non. Ma nello spazio vuoto che è divenuta la nostra sfera perfetta emozionale nessuno può sentirti urlare. E così la delicata operazione spettacolare compiuta dai nostri –andati in scena al Teatro Colosseo di Roma dal 17 al 22 novembre- rischia di passare inosservata, anestetizzata, o peggio ancora –e questo pericolo dai denti sporchi e aguzzi è dietro l’angolo ad aspettarli per tutta la durata del lavoro- fraintesa, respinta a priori. Mostrano le cose come stanno, EF e DT –tags che suggellano la loro dichiarazione di intenti “Noi facciamo l'amore così. In playback. Tutto il mondo lo fa”, come i graffiti sovversivi e reietti che apparivano in uno dei capolavori (mancato… ma questa, in fin dei conti, non è la storia di quel decennio?) del cinema degli anni ’80, Essi vivono. Mostrano, imperterriti, insensibili, immagini di cui siamo schiavi e di cui vorremmo essere lo specchio, corpi che si sostituiscono alla consapevolezza dei nostri, rapporti umani ritagliati su misura e colori dalle vite di divi bidimensionali assaporati su carta o sullo schermo –che poi, infine, non sono la stessa cosa? La stessa superficie? Lo stesso altrove?
[...] Come scriveva Demetrio Stratos nell’ultimo album, citando Baudelaire, “in fondo all’ignoto per trovare qualcosa di nuovo”. E i nostri due ci sono andati, in fondo al noto. Sporcandosi e sporcando il loro lavoro di finto perbenismo, stupidità, arrendevolezza. Senza soluzione di continuità, come lo è il bombardamento “consapevole” a cui siamo sottoposti, si susseguono canzonette del ventennio e bambole gonfiabili, mitra e occhiali a forma di cuore, vestiti immacolati sporcati da cravatte e scarpette rosso sangue, dibattiti forzatamente divertenti ma in realtà muti.
Non c’è altro. Nessuna sovrastruttura spettacolare, testuale. In scena solo loro due, Daniele ed Elvira. Ad inseguirsi, insultarsi, cantarsi e ballarsi addosso. Facendosi del male ad ogni loro incontro, perché a questo siamo destinati: ad un lungo e futile gioco delle parti falso e perverso, stuprati da una Società delle Immagini e dei Canditi senza nessuna possibilità di far affiorare qualcosa che sia intimamente e provocatoriamente nostro. Ogni relazione sentimentale –e in questo caso, scenica, spettacolare- viene degradata ai bordi di un qualcosa che di volta in volta è Cuore di Rita Pavone o le pin-up di mitra vestite delizia anti-tensione/stress/crollo psicologico dell’esercito americano. E non è un caso che lo spettacolo non parli di un uomo o di una donna o di entrambi, ma di un uomo in rapporto ad una donna: la madre.
[...]  uno stridore indicibile ci permea e attanaglia per tutto lo spettacolo, consapevoli della sincerità e del candore di quei corpi, di quelle menti, abbruttiti da quel qualcosa di nuovo/noto di cui scriveva Baudelaire e cantava Stratos. Assediati da un notevole disegno luci –a firma Dario Aggioli-, i nostri, soltanto Daniele Timpano ed Elvira Frosini, si mettono a nudo simbolicamente ed emotivamente  [...]
Ma la sorpresa –oltre al pericolo sopra menzionato- è dietro l’angolo.
E’ il loro bambino, un piccolo dinosauro. Parto mostruoso che per forza di cose è diverso, barbaro, perturbante. Gioco di specchi prodotto dalle nostre menti assoggettate e fintamente sognanti, che respingono il prodotto della loro unione ad una dimensione bestiale e primitiva, non permettendoci di vederlo per quello che realmente è: il frutto splendente di un amore intimo e per questo vero degli ultimi due romantici della scena –e non.
Luigi Coluccio, Lettera22


[...]c’è una scena vuota che si riempie grazie alla presenza dei due attori vestiti di bianco con occhialoni di plastica, le luci dai forti contrasti di Dario Aggioli, una bambola gonfiabile che pende impiccata alla graticcia e un dinosauro giocattolo, fermo in mezzo al palco, un po’ animale domestico, un po’metafora multiforme dell’agognata maternità. E allora via si parte con uno spettacolo godibilissimo, ma che non risparmia nessuno: la donna con i suoi cliché da ventunesimo secolo che rifiuta tutto, dall’uomo padrone (come le ha insegnato la madre) al femminismo (sputando in faccia a Marx ed Engels), per poi ritirarsi in disparte perché ha le cose sue; i dogmi impartiti dall’attuale Papa sull’uso dei contraccettivi e poi l’uomo perennemente schiavo del suo maschilismo. In questo frammentato bazar di “occasioni teatrali” Elvira Frosini e Daniele Timpano reggono il ritmo, sfuggono alla comprensione immediata e banale restituendo, all’interno del cortocircuito realtà-finzione, momenti di vivace fantasia scenica.
D’altronde si dall’inizio si presentano al pubblico con i propri nomi, dichiarando : “Questo non è uno spettacolo romantico. Questo è uno spettacolo antiromantico. E’ uno spettacolo sul fascismo latente nell’immaginario romantico maschile”. Dialogano con gli spettatori, stabiliscono un contatto non solo emotivo, li mettono a disagio. Il loro è anche un teatro delle contraddizioni. Con un anti-stile eterogeneo e frastagliato ci svelano le ipocrisie del nostro tempo e lo fanno con il pugno sinistro alzato e un sottofondo musicale che va da “Faccetta nera” a “Questo piccolo grande amore”.
Andrea Pocosgnich, teatroecritica.net


Daniele Timpano e Elvira Frosini, insieme nella vita e sulla scena, confezionano uno spettacolo sulla coppia e sull’amore. Lo fanno prendendosi poco sul serio, con sarcasmo e intelligenza. “Sì l’ammore no” è il titolo che ben definisce questo stato. Quello a cui assistiamo in realtà è più simile ad un talk show surreale, ad un format televisivo intelligente (se ne esistono), dove il pubblico prende la parola e chiamato in causa risponde.
È teatro autobiografico? È un reality teatrale? Certo è che Daniele e Elvira sono sposati sia fuori che dentro il teatro, e questo mettere in scena la propria storia d’amore rappresenta il 'leitmotiv' della loro performance.[...]
Tra elementi esilaranti (la storia di come i due si sono conosciuti, la storia del cucciolo-dinosauro, la bambola gonfiabile) e spunti di riflessione (la condizione della donna nella società contemporanea, il machismo, gli anatemi del Papa contro il preservativo) la cosa più interessante ci sembra questo collegamento tra maschilismo e fascismo, entrambi vizi molto italiani. In una società come la nostra, dove il maschilismo è presente in gran parte dell’attività politica ed enfatizzato dai media, questa chiave di lettura sembra molto calzante.
Simone Pacini, klpteatro.it

Molto divertente e benfatto. E molto bravi Daniele Timpano e Elvira Frosini, autori e interpreti dello spettacolo Sì l'ammore no, visto al Nuovo Teatro Colosseo. L’oggetto è originale e imprevedibile. Le forme sono credibili e intrecciano opportunamente razionale e sensibile. I due protagonisti, nel pieno possesso dei mezzi artistici, si presentano come una coppia nella vita e nell’arte, agiscono saltando la mediazione del personaggio, utilizzano tutto quello che serve per comunicare. Daniele ed Elvira "s’incontrano, si amano, si mangiano". I riferimenti autobiografici ci sono, ma Daniele ed Elvira li nascondono, li rivelano e li tradiscono, giocando con il pubblico e producendo un movimento seducente che va dal particolare al generale. Si all’amore come utopia concreta, no all’amore fatto di "cliché, misoginia, pornografia, femminismo, sdolcinatezze e melensaggini". Temi all’ordine del giorno della vita quotidiana, trattati però con acidula ironia e leggerezza poetica. Generano un sorriso che non ci salva dalla vita e dalla delusione della fine dello spettacolo, perché vorremmo che durasse qualche altro minuto.
Alfio Petrini, amnesiavivace.it

"In due sulla scena si può? E intendo in due proprio due, non due come uno e mezzo o uno copia dell'altro, ma proprio due. Due. si può? Due autori, due attori, due scenografi, due registi. Tutto di due e due in tutto. E il due è il bilico, la bilancia, l'alternanza, la contraddizione, l'irrisolto. Frosini e Timpano dunque provano a fare due, a fare del due il possibile o l'impossibile punto di congiunzione dell'esperienza dell'estraneo. Perché l'altro è ontologicamente estraneo, alieno, diverso, oppure non è altro. Ma se è tale allora è anche ciò che più spaventa, ciò che mi insidia nella mia identità, nel mio essere-me-e-non-un-altro. Il due è il nome di tutto questo, perché se non c'è Uno allora c'è Due e solo se non c'è solo Uno può esserci l'Altro (gli altri, quelli vengono dopo, aperta la breccia nel monolite che dunque sono).
Ma il due non è una formula rassicurante. Il due è anche la coppia, la restaurazione dell'Uno, il ritorno di un'unità chiusa ed escludente in cui si sta "attaccati come le mignatte" (Gaber): la famiglia come cellula del nazionalismo. Si può fare che i due, la coppia, continuino ad essere un due: l'apertura, l'abisso, l'eterogeneità dell'altro? Anche questo due è implicato in "Sì l'ammore No", l'altro che una volta trovato viene fagocitato e metabolizzato e, dunque, perduto in partenza. Perché fare due, ma farlo davvero, significa provare l'impossibile equilibrio instabile di una convivenza del diverso. Frosini e Timpano giocano il gioco pericoloso di parlare del due, dunque di mettere in scena uno spettacolo umanamente impossibile, l'impossibile umano come spettacolo..."
Ma, quando io avrò durata l'eroica fatica di trascriver questa recensione filosofica da questo dilavato e graffiato autografo, e l'avrò data, come si suol dire, alla luce, si troverà poi chi duri la fatica di leggerla? Sto parlando dello spettacolo o sto solo speculando prendendo come spunto ciò che ho visto? Arduo dilemma che, guarda caso, è proprio il dilemma del due. Ricominciamo dal principio, dunque, cioè dall'Uno, invocando quella leggenda che narra come Dio abbia tentato 27 volte di creare il mondo prima che gli riuscisse di fare qualcosa di diverso da sé.
In principio, dunque. In principio era la meraviglia, che da Platone in poi è considerata lo stimolo aurorale del filosofare. Si inizia a riflettere perché qualcosa ci meraviglia, l'interesse nasce dallo stupore e l'interesse ad una recensione non fa eccezione. Ho visto "Sì l'ammore No" e sono rimasto affascinato dal gioco a incastri di gesti, smorfie, parole, suoni e colori, dalla costruzione di un'estetica grottesca del quotidiano e dal suo repentino squarciarsi in impromptus di quotidianità apparente: perché mi sembrava che tanto ci parlasse di noi la proiezione burlesca dell'esperienza collettiva dell'amore che si giocava sulla scena, quanto poco i momenti di dissolvimento della quarta parete facesse veramente entrare in scena il pubblico o la vita "reale". Abilissimo gioco di specchi in cui la salvezza dell'esperienza estetica si garantisce nutrendosi della finzione del reale (anche e soprattutto di ciò che, sempre sottoposto all'occhio di bue avanguardistico della scena "allargata", rimane caparbiamente fittizio). Ma tutto questo e l'altro ancora che dalla ricchissima tavolozza di colori si concretizzava per l'occhio e l'orecchio divertito e interdetto dello spettatore mi era sembrato fin da subito troppo per essere rinchiuso in una recensione.
Marco Maurizi, amnesiavivace.it

“Vediamo di fronte a noi due attori, due personaggi, un uomo e una donna, Daniele e Elvira, due mondi e due universi che non riescono a entrare in comunicazione se non superficialmente, se non mantenendo una distanza, fisica – nel senso che ognuno ha il suo rettangolo di luce - e vocale – fanno l’amore in playback. [...] Ed è proprio in questa distanza che si ritrova anche il senso della relazione con gli spettatori, che possono entrare in quell’universo-spettacolo, in quella sfera di vetro, solo accettando di rimanere separati dalla scena, o non accorgendosi di essere divenuti anch’essi stereotipo, stereotipo del pubblico posto dietro ad una quarta parete invisibile. Stiamo quindi a guardare attraverso questo vetro invisibile il luminoso mare verde dei colori dell’Italia, mentre il bianco Daniele se ne va, lasciando soli Elvira in un’isola di luce rossa e noi nel buio della sala.”
Sarah Paroletti,  Art'O


“[...] A fondamento dello spettacolo c’è la devianza cui siamo stati costretti, parlando d’amore, dalla cultura pop e dalla televisione, che li porta a giocare con la musica, tradire sentimenti con lo straniamento d’effetto, poter dire “noi facciamo l’amore così: in playback. Tutto il mondo lo fa”, e questo è vero accidenti, abbiamo imparato a canzonare noi stessi ripetendo frasi e gesti mutuati dalla tv, l’organo che ripetiamo e che ci ripete al punto da non capire più qual è l’origine delle cose o emozioni: il vero o il posticcio è la genesi? La confusione, frammentazione della verità ha portato fin qui, a non capire più se questi sentimenti ci appartengano veramente o siamo in una vorticosa balìa di oceano in cui la barca si muove ora verso il sì, ora verso il no, seguendo il dolce, ipnotico, sfuggente dondolare delle onde.”
Simone Nebbia, Teatro e Critica


“La immensa possibilità di riformulare i casi e le esperienze della vita scartando, ripulendoli del loro superficiale strato/stato di quotidianità. Quello che nella realtà corrente non è scremabile, sul palco lo è, ed è ordinaria stupefazione. [...] Surreale dissacratorio, diverte e provoca con un ottimo uso dei tempi, con pause cercate, ma estremamente naturali.”
Ofelia Sisca, Teatroteatro.it


 

17 APRILE ORE 21
SI L'AMMORE NO

Teatro Spaziozeronove

Via delle Regioni 10  - Cisterna di Latina (LT)

info e prenotazioni:

tel. 334 5811438
spaziozeronove@libero.it

amnesiA vivacE

tel.338 7674196
profondodispari@inwind.it
www.amnesiavivace.it
www.myspace.com/danieletimpano

KATAKLISMA

tel: 338 3476616
kataklisma@kataklisma.it
www.kataklisma.it

www.myspace.com/kataklismateatro



CONSORZIO UBUSETTETE


organizzazione
Chiara Fallavollita
tel. 349 2834261 - chiara.fallavollita@gmail.com


Daniele Timpano è autore-attore e regista di teatro. Come attore ha lavorato con Michelangelo Ricci (Finale di Partita, La Meglio Gioventù, Ubu Re), Carlo Emilio Lerici, Francesca Romana Coluzzi, Massimiliano Civica (Grand Guignol). Ha collaborato con diverse compagnie della scena indipendente romana, tra le quali OlivieriRavelli teatro (L'immaginario malato , Trilogia del consenso ) e LABit (Mani).
Fondatore del gruppo 'amnesiA vivacE', ha scritto e interpretato Storie di un Cirano di Pezza (1998); Ogni rivoluzione è (?) un lancio di dadi (1998, in collaborazione con Marco Maurizi); Teneramente Tattico (1999); Profondo Dispari (2000); Oreste da Euripide (2001); caccia 'L drago da J. R. R. Tolkien (2004), vincitore della terza edizione del premio Le voci dell'anima - incontri teatrali); Gli uccisori del chiaro di luna – cantata non intonata per F. T. Marinetti e V. Majakovskij (2005); dux in scatola. Autobiografia d’oltretomba di Mussolini Benito (2006), finalista al Premio Scenario 2005, pubblicato in volume da Coniglio Editore nel 2006 e sulla rivista di teatro Hystrio nel 2008; Ecce robot! Cronaca di un'invasione (2007), ispirato all'opera di Go Nagai (Jeeg Robot, Goldrake, Mazinga) e pubblicato in volume all'interno dell'antologia "Senza corpo - voci dalla nuova scena italiana" a cura di Debora Pietrobono [Minimum Fax, 2009]; Negative film #1: Teneramente Tattico (2009, in collaborazione con Lorenzo Letizia/Le Chant du Jour); Risorgimento pop - memorie e amnesie conferite ad una gamba (2009, in collaborazione con Marco Andreoli/Circo Bordeaux) e Sì l'ammore no (2009, in collaborazione con Elvira Frosini/Kataklisma), finalista al Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche "Dante Cappelletti" nel 2008.
Coordinatore dei laboratori teatrali, letterari e musicali Oreste ex Machina (2003), Gli uccisori del chiaro di luna (2004) e Fiabbe Itagliane (2005), tutti finanziati dall'Università degli studi di Roma "la Sapienza".
Un suo testo, Per amarti meglio!, è stato finalista nella rassegna "Napoli drammaturgia in festival 2001" e dramma del mese su Dramma.it. È redattore (e collaboratore) della rivista on line www.amnesiavivace.it e di Ubu Settete, periodico di critica e cultura teatrale. È tra gli ideatori e organizzatori della rassegna romana Ubu Settete – fiera di alterità teatrali

Elvira Frosini performer-autrice-regista,conduce una ricerca sui linguaggi scenici e sul corpo inteso come incrocio spazio-temporale di cultura, convenzioni, rapporti di potere, comunicazione, politica dunque. Il lavoro si immerge nella vita e nelle azioni dei corpi come soggetti-oggetti politici, partendo dal corpo e dalle dimensioni simboliche, comunicative, rituali e sociali, inoltrandosi nelle dimensioni del paradosso, del non ovvio, della necessità e della relazione stretta tra atto-corpo e la visione, e ponendo il problema della rappresentazione.
Il lavoro di Kataklisma
è ellittico, non convenzionale, politico, procede per visioni, scarti, accumulazioni, sospensioni, accostamenti ed associazioni. E' per assioma fuori centro, ironico, deformante.
Fondatrice di Kataklisma, ha realizzato: Innesto (2000), lavoro di danza ed interventi sonori elettroacustici dal vivo con il musicista Luca Venitucci; S-E - Studio per E (2001), III° International METU Contemporary Dance Festival, Ankara (Turchia),  Giovanna prenatal (2001), ENZIMI Teatro 2001; V - siamo in un deserto e volete lettere da noi? (2004) ; Runabout (2004);  Collapse (2006); WASTE (2006); Reperto#01 (2006), finalista della quarta edizione del premio Le voci dell'anima - incontri teatraliBuffet (2007): Blitz (2007); Istruzioni per la sopravvivenza (2007); Sì l'ammore no (2009, in collaborazione con Daniele Timpano/amnesiA vivacE), finalista al Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche "Dante Cappelletti" nel 2008;  Ciao Bella (2009-10). Ha realizzato numerose performance site-specific:  Duets in square - performance urbana (2006); Transito - performance urbana (2006); Disseminazione - peformance urbana (2006); Italiana (2006); X-performance (2007); Niente di grave (2007); Time (2008).
Ha ideato e realizzato nello spazio Kataklisma teatro di Roma la rassegna Generatore X (dal 2004), Uovo - spazio performance (dal 2004) e dal 2008 il progetto 'NOVO CRITICO - incontri tra critica e nuova scena contemporanea.  Dal 2007 organizza a Tivoli (Roma) la rassegna di teatro, danza e performance Assaggi-Generatore Nomade e collabora alla direzione artistica di
Ubu Settete – fiera di alterità teatrali.

--




elvira frosini

kataklisma

via g. de agostini 79 - roma -italy

tel +39 338 3476616

www.kataklisma.it

www.myspace.com/kataklismateatro

http://it.youtube.com/kataklismateatro


CONSORZIO UBUSETTETE

consorzio.ubusettete@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl