con decantAzioni il vino da spettacolo: identità e alterità in scena e a tavola

20/mag/2010 16.56.10 Gruppo Panta Rei Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } -->

<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } -->

prende il via il 3 giugno il festival più goloso dell'estate

tra locations d'eccezione, teatro interattivo e grandi cantautori

in cinque prestigiose cantine trevigiane trasformate in palcoscenico

 

Cantanti, artisti, chef, musicisti, enologi, fumettisti e attori riuniti per dar vita al fortunato connubio tra arte scenica e arte enogastronimica. Si alterneranno in alcuni luoghi simbolo della operosità trevigiana: aziende, ma soprattutto produttori di sapori e tradizioni che, partendo dalla storia vinicola locale, hanno saputo reinventare prodotti all'avanguardia famosi in tutto il mondo. Stiamo parlando della terza edizione di decantAzioni, baluardo creativo tra teatro, musica ed enogastronomia di qualità che proporrà cinque spettacoli in altrettante cantine della Marca.

Partendo dalla peculiarità dei nostri prodotti tipici e dal radicale cambiamento che in questi ultimi anni c'è stato in cucina e a tavola, il festival creerà un itinerario artistico attraverso i meravigliosi sapori della marca e le reinvenzioni degli enologi e degli chef coinvolti, che si sposeranno con le rappresentazioni teatrali e musicali in programma.

Si parte giovedì 3 giugno alle 21.30, quando le Cantine Bortolomiol, nel suggestivo scenario del Parco della Filandetta a Valdobbiadene, ospiteranno “La cattiva strada”, un omaggio al grande Fabrizio De Andrè in forma di parole musica e fumetti nato dalla collaborazione fra tre giovani realtà artistiche padovane: l’apprezzatissima Piccola Bottega Baltazar, la casa editrice Becco Giallo e l'attore Filippo Tognazzo.

Sempre a Valdobbiadene il secondo appuntamento, venerdì 11 giugno alle ore 21.30 presso le Cantine Umberto Bortolotti, e con un altro omaggio ad un grande del panorama musicale e teatrale italiano: Giorgio Gaber; ripercorrerà alcune tappe della sua fortunata carriera l'attore e autore trevigiano Fabrizio Paladin, vincitore del Premio Omaggio a Giorgio Gaber 2004, con il suo “Niente di privato”.

Cantina dal design moderno ed accattivante, la 47 Anno Domini sarà scenario ideale per le invenzioni del Gruppo Panta Rei venerdì 18 giugno alle ore 21.30 con “In vino veritas”, spettacolo che gioca con l'esperienza sensoriale e corporea del pubblico per indagare l'importanza del vino nella letteratura internazionale.

Tappa successiva venerdì 25 giugno alle storiche Cantine Collalto che, nate nel 1904 per volere del Conte Ottaviano Antonio Collalto, saranno il contesto ideale per la storia di Tobia e della scoperta, attraverso il vino, dell'identità unica e peculiare che ogni territorio esprime. In scena il teatro-canzone di Giovanni Giusto, affermato artista veneziano che con il suo “In vino recistas” ha già girato mezza Italia.

A chiudere il festival una serata speciale curata dal Teatro del Forme di Torino che proporrà il 2 luglio una particolare “Veglia d'amore e di vino” alle Cantine Carpenè Malvolti di Conegliano. Una serata in cui il pubblico sarà chiamato a partecipare attivamente e prendere parte allo spettacolo.

Alla fine di ogni serata il pubblico potrà degustare i vini delle rinomate cantine e un buffet di gastronomia biologica curata da Vera Terra, il tutto compreso nei 10 euro, costo del biglietto.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl