CESARE LANZA: "SANREMO: NON SONO UN PICCONATORE OCCULTO E INSISTO. VORREI CELENTANO, ARBORE, FIORELLO..."

Perciò desidero dire che di ciò che pensano "occultamente" Mazzi e Presta non mi interessa nulla: l'insinuazione mi sembra offensiva per il Secolo XIX, gran bel giornale, e per l'ottimo inviato Paolo Crecchi.

16/feb/2011 12.32.33 STUDIO 254 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

SANREMO: NON SONO UN PICCONATORE OCCULTO E INSISTO. VORREI CELENTANO, ARBORE, FIORELLO...
... e trasparenza assoluta sulla regolarità della gara e dei voti



di Cesare Lanza

Ieri il Corriere della Sera, in un articolo firmato da Renato Franco, riferiva la convinzione di Mazzi & Presta (Mazzi è il direttore artistico musicale, Presta un potente agente suo amico) che io fossi "un picconatore occulto" del Festival di Sanremo: in relazione soprattutto, ma non solo, ad alcune cronache apparse sul Secolo XIX, illustre testata di Genova. E oggi il Corriere, a pagina 43, nella rubrica "Interventi e repliche", pubblica una mia breve puntualizzazione.


Ecco, qui di seguito, quanto ho scritto e penso, con altre considerazioni rispetto alla mia replica sul Corriere.


Conosco e apprezzo la professionalità di Renato Franco. Se ha scritto che "per Mazzi e Presta sarei un picconatore occulto" del Festival di Sanremo, sono certo che la citazione corrisponde al vero. Perciò desidero dire che di ciò che pensano "occultamente" Mazzi e Presta non mi interessa nulla: l'insinuazione mi sembra offensiva per il Secolo XIX, gran bel giornale, e per l'ottimo inviato Paolo Crecchi. A me interessa che i lettori del Corriere sappiano che sarò forse un picconatore, e me ne vanto, ma non certamente occulto. Sono - ahimè? - abituato a pensare ciò che dico e a dire e scrivere ciò che penso. Anche sul Festival. Fui intervistato anche dal Corriere sull'argomento, ne ho scritto di recente su Panorama, continuerò a scriverne fino a domenica sul mio sito www.lamescolanza.com E ho messo in discussione il ruolo atipico dei due organizzatori, definiti, (non da me) il Gatto e la Volpe.


Mi piacerebbe un confronto aperto, non su insulti e insinuazioni, ma su ciò che sostengo, a sostegno dei diritti dei milioni di telespettatori che si appassionano al Festival, dei giovani cantanti esclusi senza decenti motivazioni, dei cultori della musica italiana che vorrebbero sul palco i veri big della canzone - sempre assenti. Ecco, in breve, due osservazioni, con la speranza che siano un contributo positivo per il futuro: 


1. Non si capisce perchè la direzione artistica debba essere affidata a un personaggio esterno di scarsa fama e discutibile competenza. Per motivi politici? Perbacco, anche sulle canzonette? Vero che si tratta di un grande business, però... All'interno della Rai ci sono fior di dirigenti competenti, che conoscono bene il Festival e la musica, e sanno come organizzare un evento. E se si deve puntare all'esterno, ci sono fior di personaggi che potrebbero progettare e realizzare un grande spettacolo: Adriano Celentano, Renzo Arbore, Fiorello in primis, l'irraggiungibile Mina, il ritorno di Fazio e Bonolis, ma anche mi piacerebbe al timone un Michele Guardì che ha scritto la storia della televisione popolare italiana, o di un Alfredo Cerruti, super competente di musica (gli mando i miei auguri e un abbraccio fraterno, ha affrontato un delicato momento di salute), ...ma l'elenco sarebbe lungo, con cento nomi - almeno - a cui chiunque attribuirebbe, senza discutere, competenza, fama e popolarità. 


2. E' dovere della Rai e degli organizzatori (a cui tutto è stato incredibilmente delegato, quest'anno!) proporre un regolamento ineccepibile, trasparente, che dia garanzie sia a chi voglia partecipare sia ai telespettatori. Su quest'argomento sono intervenuti vari giornalisti , il primo Paolo Festuccia su La Stampa: tutti "occultamente" imbeccati da me? Siamo seri... A Sanremo, e non solo, c'è un solo straordinario personaggio "occulto", senza ruolo, senza incarico ufficiale, ma padrone assoluto dell'organizzazione: l'abilissimo manager Lucio Presta, il mio ex sodale, come lo ha definito Renato Franco. Non ho niente contro di lui: anche se mi sono allontanato per divergenze fondamentali sui suoi criteri di organizzazione e, in seguito, ha fatto il possibile - è molto, giustamente, temuto - per farmi il vuoto intorno. Ho molto sofferto per la rottura di un'amicizia che consideravo sacra, ho metabolizzato, non credo che Lucio Presta abbia veri amici...e vorrei non parlarne più. Ma mi tirano per i (pochi) capelli! Mi impegno però: salvo casi eccezionali, non voglio curarmi più di lui. Che faccia la sua strada secondo il suo carattere, e ne farà tanta perchè, nel suo lavoro, è un leader. (Privo purtroppo di umorismo: a Natale mi ha restituito un regalino sdrammatizzante: un libro sulle radici - Osso, Mastrosso, Carcagnosso... - sulla 'ndrangheta. E ha obbligato o indotto - almeno spero sia così - i suoi soci e impiegati a restituirmi i tradizionali biscotti valdostani che mandavo tradizionalmente a Natale. Lo giustifico in parte! Anch'io sono molto permaloso. Ma i regali, di scarso valore, non si restituiscono mai...). 

Mi piacerebbe semplicemente che una manifestazione come quella sanremese fosse organizzata in maniera diversa, innanzitutto con rispetto verso chi in questa settimana si sintonizza su Raiuno. E ieri, anche nella nota sul Corriere, al Festival - che mi è caro, ho partecipato a tre edizioni - auguravo, quindi e comunque, un bel successo, in particolare ai miei colleghi autori, bravissimi: Federico Moccia, Simona Ercolani, Francesco Valitutti, Ivano Balduini.

Questa mattina ho appreso che il successo, nella prima serata, è stato forte, nitido: oltre un punto in più rispetto all'edizione del 2010 (Antonella Clerici). Un successo inaspettato in questa misura. Ne sono felice. E gli auguri che ho espresso ieri diventano complimenti: non solo agli autori, ma in particolare a Luca e Paolo, che si sono imposti con autentica personalità non solo in quella gag (la canzone parodiata su Berlusconi e Fini) che resterà storica, ma anche nella inusuale demolizione satirica dei compagni di viaggio, Morandi e le bellissime Belèn ed Elisabetta.

Non mi è piaciuta la mielosa introduzione affidata ad Antonella Clerici, con la sua bellissima figlioletta (due anni!) Maelle. Stimo Antonella e so quanto sia ingenua e impulsiva: ha sbagliato a farsi convincere e strumentalizzare. Ma la sua popolarità resterà intatta. Bellissima la scenografia del geniale Castelli (che ha riproposto la "scala", un mio vecchio pallino...), avvincenti le coreografie di Miseria ed Ezralov.

Dopodiché, testardo sono e testardo rimango: auspico un Festival firmato, ripeto, da un Celentano o da un Arbore. O da Fiorello. Con la loro presenza, accetterebbero di partecipare i veri big della canzone italiana: Ligabue, Ramazzotti, Vasco Rossi, Laura Pausini, Paolo Conte, Claudio Baglioni, gli eccellenti che snobbano - a ragione - la manifestazione sanremese. Forse anche per quei due miei chiodi fissi: l'assenza, tra gli organizzatori, di personaggi di prestigio assoluto; e le garanzie di assoluta trasparenza per quanto riguarda i voti e la gara.

cesare@lamescolanza.com 

16-02-11

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl