BOLOGNA_dal 30 giugno al 2 luglio_Daniela Poggi per Case d'estate racconta la storia di una staffetta partigia na. Anche i luoghi per ricordare e per raccontare

07/gen/2011 12.19.05 Associazione culturale Mostacciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Comunicato stampa

 

Daniela Poggi per case d’estate racconta la storia di una staffetta partigiana.

Anche i luoghi per ricordare e per raccontare

Dal 30 giugno al 2 luglio, alle ore 21, presso le case del popolo Casetta Rossa (Via M. Bastia, 3/2), Corazza (Via Isabella Andreini, 6) e Nannetti (Via del Giglio, 5) va in scena “Eda, una donna del 900”, di Maurizio Garuti con Daniela Poggi per la regia di Silvio Peroni

 

Nelle case del popolo di Casetta Rossa, Corazza e Nannetti, dal 30 giugno al 2 luglio alle ore 21,00 andrà in scena “Eda, una donna del ’900” un monologo di Maurizio Garuti, interpretato da Daniela Poggi per la regia di Silvio Peroni. Sul palco anche Désirée Infascelli che con le note della sua fisarmonica accompagnerà l’attrice eseguendo dal vivo brani originali composti dalla stessa musicista.

Eda, una donna del ‘900: una storia vera, d’amore, di guerra, di ricordi. Ricordi che si intrecciano, che riaffiorano, raccontati oggi - con la guerra a un braccio di mare da casa nostra e più di trenta conflitti nel mondo - per non dimenticare. Per non dimenticare ci sono anche i luoghi che spesso “conservano” tantissime storie da riportare alle memoria. E i testi, frutto di ricerca e ascolto, capaci di raccontare anche di quei luoghi. Spesso, poi, c’è un narratore capace di trasmettere con più forza le emozioni del luogo e del testo. Quando il luogo è la casa del popolo e il testo è la storia di una staffetta partigiana e c’è un’attrice come Daniela Poggi a raccontarla, va da sé che ci sono tutti i tasselli per riportare alla memoria un importante pezzo del nostro passato.

Eda Bussolari, la staffetta partigiana del testo di Garuti è una donna spettatrice, vittima e protagonista della guerra che si è combattuta nei nostri confini, ma vicina per azioni e sentimenti alle donne libiche, indiane, somale, afghane: quelle per cui non è ancora arrivato il momento di raccontare. Daniela Poggi, racconta la storia di Eda e fa rivivere la storia di Antonio Marzocchi, comandante partigiano di San Giovanni in Persiceto, caduto nel 1944, del fratello gemello Armando, anch’egli partigiano, poi sindaco di Persiceto dopo la Liberazione e di Eda Bussolari, compagna di Armando e fonte di tutto il racconto. Una bambina di nome Eda e i due gemelli sono, infatti, i protagonisti della storia: un’esistenza intrecciata e condivisa fin quasi nei sogni e nel sentimento della gioia e del dolore. La guerra, la Resistenza, che trova i fratelli a capo di una formazione di “ribelli”, avendo scelto di battersi contro l’occupazione nazifascista con Eda accanto a loro. La storia di Antonio, vittima di una pattuglia tedesca, e il tormento di Armando per la perdita del fratello. La forza di Eda, testimone e custode della tragedia, poi compagna e sostegno del suo uomo per tutta la vita: Eda che cresce attraverso le dure prove impostale dai tempi, fino a farsi donna nuova negli anni roventi del dopoguerra e della ricostruzione. Eda ormai vecchia e sola, che prende la penna e un quaderno, e comincia a svolgere il gomitolo della sua storia: una storia vera, da raccontare.

 

Scheda spettacolo

Eda. Una donna del ’900

di Maurizio Garuti

con Daniela Poggi

e Désirée Infascelli (fisarmonica)

regia Silvio Peroni

produzione: Pierfrancesco Pisani e Fondazione Duemila

L’interprete

Daniela Poggi: poliedrica attrice savonese ha lavorato con i più importanti registi italiani del cinema, del teatro e della televisione.

La musicista

Désirée Infascelli: musicista e compositrice; attualmente suona fisarmonica e mandolino con Bandajorona, Ale Brider, Whiskey d'Alice. Collabora con Piccola Banda Ikona, Momo, Carducci.

L’autore

Maurizio Garuti: narratore e autore di teatro, scrive testi fra gli altri per Vito e Ivano Marescotti. Di recente pubblicazione il nuovo libro “Italiani! La Storia che ride”, Aliberti editore.

Il regista

Silvio Peroni: tra le sue ultime regie “Thom Pain” di Will Eno con Elio Germano,  “Se Garibaldi scende da cavallo” e “Toni Ligabue” con Vito, e “Io madre di mia madre” con Daniela Poggi.

Per informazioni la Stampa può rivolgersi a:

Grazia Iadarola, Responsabile Ufficio Stampa Compagnia: cell. 320.6004611, graziaiadarola@gmail.com

 




--
Grazia Iadarola
320/6004611
graziaiadarola@gmail.com



--
Grazia Iadarola
320/6004611
graziaiadarola@gmail.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl