cs a Bmotion la generanzione Scenario e nuovi talenti del teatro

28/ago/2011 13.42.45 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
comunicato stampa con preghiera di pubblicazione
 

 

I PRIMI ARTISTI PROVENIENTI DALL'ULTIMA EDIZIONE DEL PREMIO SCENARIO E I NUOVI TALENTI DEL TERRITORIO

 

Martedì 30 agosto continuano gli appuntamenti di B.motion, il segmento di Operaestate Festival Veneto dedicato ai temi del contemporaneo. L’innovativo programma di teatro proposto dalla Città di Bassano del Grappa con la Regione del Veneto accoglie, per la sua seconda giornata, i progetti del Premio Scenario 2011, presente quest'anno con i vincitori (in programma domani), la menzione speciale (Inquanto Teatro h 21 Teatro Remondini) e i segnalati (Respirale Teatro h 21.45 CSC Garage Nardini). Completano il programma due originali talenti del territorio sostenuti dal festival: il duo Dolores/Graziosi (22.15 Chiesa San Bonaventura) e la compagnia Ailuros (22.45 CSC Garage Nardini).

 

Il Premio Scenario è uno dei più importanti riconoscimenti nel panorama della sperimentazione teatrale italiana, nato allo scopo di valorizzare nuove idee, progetti e visioni  di teatro. Nel corso degli anni ha lanciato artisti come Emma Dante, Babilonia Teatri, Pathosformel e tanti altri. Il festival ospita per la prima volta l’intera  “Generazione Scenario 2011” che comprende vincitori (Premio Scenario e Premio Ustica), segnalati e una menzione speciale.

 

Quest'ultima è stata assegnata alla Compagnia Inquanto Teatro per lo spettacolo “Nil admirari” con la seguente motivazione: “Per l’arguzia di un gioco scenico che coinvolge il pubblico con intelligenza e ironia e per la creazione di un linguaggio originale che inventa un mondo parallelo popolato di oggetti e governato dall’accumulo e dal non senso”. La locuzione latina Nihil admirari, tradotta letteralmente significa non stupirsi di niente. Miriadi di oggetti, di storie, di scorie e di strutture ci stanno davanti quotidianamente. Tutte avrebbero un valore, una dignità, un preciso significato, se fossero sole. Ma in mezzo a loro ci siamo noi esseri umani, così precari, provvisori, incapaci di sopravvivere anche solo ad uno degli oggetti che animano la nostra vita.

 

Altri contenuti quelli trattati dai Respirale Teatro in “L'Italia è il Paese che amo” segnalati per la loro capacità di costruire “una riflessione sulla contemporaneità che affronta con coraggio il passato recente attraverso un’originale e serrata sequenza di scene e quadri di vita dell’Italia anni Novanta. Un’indagine teatrale che rivela le radici prossime del nostro presente, dove l’illusione di un movimento vorticoso nasconde un sostanziale e asfittico immobilismo. La genuina capacità di prendere posizione e parola si realizza attraverso un linguaggio teatrale multiforme, che sovrappone e monta stili diversi, generi e ambienti abitati da tipi nazionali di immediata riconoscibilità. L’Italia è il Paese che amo segna il ritorno a un teatro politico, declinato al presente con audace e scanzonata freschezza”.

 

Dall'incontro tra l'attrice-regista Laura Graziosi e l'attore-autore di Thiene Davide Dolores prende forma un'originale esperienza artistica intitolata “Pas d'hospitalité”. Sulla scena una donna sola sciorina il ricco menu di una cena luculliana. Ha dedicato l’intero pomeriggio alla preparazione delle pietanze che metterà in tavola. Sono due anni che non riceve nessuno e chissà se almeno stavolta gli ospiti arriveranno davvero.... Una scena essenziale per un lavoro che, giocando la carta dell'ambiguità sul crinale tra verità e finzione, punta tutto sulla capacità evocativa di un’attrice intensa, che con dolente malinconia fornisce il ritratto impietoso di una donna di oggi.

 

Altri artisti del territorio gli Ailuros, compagnia nata intorno alla figura della regista di Castelfranco Veneto Barbara Riebolge e l'attore bassanese Andrea Tich, presentano in prima nazionale “Yogurt”. Lo spettacolo racconta la nostra ossessione nell'essere in forma per farci ammirare, per vivere a lungo. Lo yogurt assurge a simbolo di salute, bellezza, piacere, persino sensualità ed erotismo. Tutto  questo a declinare l’idea di immortalità, di eterna giovinezza.  Divinità contemporanee per corpi incontaminati da sbattere a tutti i costi in copertina. Uno specchio deformato di ciò che siamo diventati, che ci costringe a guardarci dentro.

 

Il programma di B.motion si completa con l’incontro coordinato dalla redazione de www.iltamburodikattrin.it  tra operatori pubblico e compagnie alle ore 16.00 a Palazzo Bonaguro.

Prevendita presso Biglietteria Operaestate in via Vendramini 35 a Bassano tel. 0424 524214 - 0424 217811. Info anche 0424 217819 e sul sito www.operaestate.it

 

 

Alessia Zanchetta
OperaEstate Festival Veneto
Comunicazione
tel. 0424 217804

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl