cs Giorgia Tirabassi a Bassano martedì 7 febbraio

06/feb/2012 11.28.03 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa e immagine con preghiera di pubblicazione

 

 

Martedì 7 febbraio ore 21.00 al Teatro Remondini di Bassano del Grappa
in Prima Regionale

 

Giorgio Tirabassi porta in scena Salvatore e Nicola di Ascanio Celestini

 

Salvatore e Nicola sono i due protagonisti di uno spettacolo che vede nuovamente collaborare assieme Ascanio Celestini e Giorgio Tirabassi, dopo il successo cinematografico dell’opera prima di Celestini La pecora nera. La serata è inserita nella Stagione Teatrale Città di Bassano promossa dall’Assessorato allo Spettacolo, in collaborazione con la Fondazione Atlantide e il sostegno della Regione del Veneto.

 

Liberamente ispirato al romanzo Lotta di classe di Ascanio Celestini (Einaudi, 2009) che ne ha curato anche la riduzione, lo spettacolo è diretto ed interpretato da Giorgio Tirabassi, attore noto al grande pubblico come protagonista di film e celebri fiction.  

 

È la storia di due fratelli e di un condominio di borgata, ma è anche la tragica storia del precariato di questi anni. Salvatore e Nicola vivono in un seminterrato assieme al vecchio zio che passa le giornate incollato sulla poltrona a guardare la televisione.

 

Il lavoro nei call center, gli amori più grandi della loro immaginazione, un’umanità che vive solo di stessa, che campa di momenti, azioni e sensazioni ogni giorno sempre più simili, sono al centro di una serie di monologhi surreali ma estremamente realistici. Nella loro vita che scorre velocissima, seppur lentissima, in un palazzo fuori dal Raccordo Anulare, il pubblico avrà modo di assaggiare una porzione di sogni, rabbia, passione, desiderio di rivalsa, emancipazione, cambiamento, crescita e scoperta, il cui sapore ben conoscono giovani e adulti di diverse generazioni. Salvatore e Nicola vivono lo stesso tempo, lo stesso luogo, le stesse persone, le stesse problematiche, eppure le loro vite appartengono a visioni differenti: quella del fratello piccolo e quella del fratello grande.

 

In linea con il linguaggio popolare dei suoi spettacoli e con il suo progetto di indagine della nuova lotta di classe nell’Italia di oggi,Ascanio Celestini parte da quegli ambienti e da quella poetica già affrontata nel romanzo (Lotta di classe) e nel documentario (Parole sante) per dargli un nuovo senso attraverso una commedia agrodolce in cui il teatro di denuncia, la satira, l’ironia e l’introspezione sposano le vere tragedie del nostro tempo.

 

I racconti si toccano e si intrecciano, si amalgamano e si separano, per riunirsi in una visione che li accomuna, quella della lotta di classe. Tra i piani del palazzo, immersi nella frenesia della Roma proletaria, nel fluire indistinto di persone e cose nel centro commerciale di Cinecittà, corrono Salvatore e Nicola, protagonisti del precariato. 10 lavori, 5 piani di scale, 40 centesimi da guadagnare per ciascuna telefonata, 1 vita vissuta correndo e rincorrendo, "pisciando in corsa come i ciclisti al giro d'Italia".

 

 

Prevendita presso l'Ufficio IAT di Bassano in Largo Corona d'Italia, tel. 0424/524351 e in vendita al Teatro Remondini la sera dello. Prossimo appuntamento mercoledì 22  febbraio con Mario Perrotta ne I Cavalieri tratto da Arisotofane.  Prevendite a partire da mercoledì 8 febbraio. Info anche 0424/519819 – 0424/519804.

 

 

--
Alessia Zanchetta Comunicazione OperaEstate Festival tel. 0424 519804
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl