cs 1 settimana di programmazine del cinefestival di oeraeestate a Bassano

29/giu/2012 18.54.57 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
con preghiera di diffusione
--
Inizia domenica 1 Luglio con Io sono Li il Cinefestival di Operaestate al Giardino Parolini di Bassano del Grappa


Sessantadue serate di film all’aperto, nella verde cornice del Giardino Parolini, con l’arena cittadina interamente dedicata alla programmazione cinematografica. Un viaggio attraverso le pi diverse poetiche della pellicola, che affianca i percorsi d'autore ai grandi successi della stagione.

Si inizia domenica 1 luglio con Io sono Li di Andrea Segre con Zhao Tao, Rade Sherbedgia, Marco Paolini, Roberto Citran e Giuseppe Battiston, film rivelazione all’ultima Mostra del Cinema di Venezia e vincitore di un Davod di Donatello per la protagonista femminile. Narrazione sensibile, originale, commovente che narra di una giovane cinese migrante a Chioggia che sperimenta un tentativo sentimentale con un pescatore slavo soprannominato “il Poeta”. Incontro che una fuga poetica dalla solitudine, un dialogo tra culture diverse ma non pi lontane.

Paradiso amaro il secondo appuntamento in programma per luned 2 luglio con un George Clooney intenso, bravo, calato nei panni di un uomo che scopre il tradimento della moglie in coma e si rende conto di aver sbagliato quasi tutto nella vita… Con grande sensibilit e i tratti della commedia, svela gli stati d’animo altalenanti di chi si sta preparando a una perdita e passa dal risentimento alla quasi indifferenza, dall’incredulit alla rassegnazione. Film che ha entusiasmato la critica e vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura.

Marted 3 luglio l’interpretazione formidabile di Sean Penn in This must to be the place di Paolo Sorrentino, film di una bellezza visiva abbagliante. Stravagante, esilarante, commovente, un viaggio mozzafiato della storia di Cheyenne, ex rockstar, ebreo e cinquantenne. Una vita da pensionato ante tempo trafitta dalla noia e da un po’ di depressione che viene scossa dalla notizia della morte del padre che non vedeva da tempo e dalla scoperta della sua ossessione di vendicarsi di una umiliazione subita in campo di concentramento… Inizia cos un viaggio attraverso gli Stati Uniti alla ricerca di se stesso e delle proprie origini.

L’amore che resta di Gus Van Sant, mercoled 4 luglio, che torna ad indagare l’universo adolescenziale nei toni criptici e dark che gli sono pi congeniali. Enoch ha perso i genitori, Annabel ha un cancro e si infilano nei funerali di sconosciuti. Decisi a rendere indimenticabile il tempo che resta da vivere e sperimentare assieme si votano all’amore e si aprono alla vita che chieder inesorabilmente il conto ma che concer la bellezza del ricordo.

Gioved 5 luglio un film visionario che legge la realt nel profondo, dove Lars von Trier non si limita solo a regalare immagini di rara bellezza o momenti si struggente malinconia, ma trascina verso un finale appassionante. Melancholia inizia con Justine e Michael che si stanno per sposare ma nella sposa qualcosa non va, spesso assente, come se pensieri molesti si appropriassero di lei: un pianeta, Melancholia, si sta avvicinando alla Terra e la collisione sar inevitabile. Un film che segna un punto di svolta nel cinema contemporaneo.

Miracolo a Le Havre un film che un vero “miracolo” da non mancare assolutamente venerd 6 luglio. Grande e quanto studiata semplicit dell’ultimo lavoro di Kaurismaki che si esprime con toni favolistici tra brume poetiche e le architetture dmod di Le Havre con un protagonista, Marcel Marx, ex scrittore e noto bohmien che, abbandonata ogni velleit visionaria, fa il lustrascarpe e vive felicemente quando il destino gli mette sulla strada un piccolo profugo arrivato dall’Africa. Armato del suo innato ottimismo lo aiuter nell’intento di passare la Manica e raggiungere la madre in Inghilterra.

Sabato 7 luglio un solido film della tradizione del cinema civile, amaro, stringente e ben interpretato. Le idi di Marzo, magistralmente diretto e interpretato da George Clooney, racconta gli ultimi frenetici giorni della corsa per le primarie in Ohio in cui un giovane addetto alla stampa viene coinvolto in uno scandalo politico che minaccia di compromettere la campagna elettorale. La pellicola descrive con lucido realismo le regole cruciali di una tristemente comune pratica politica.

Si chiude la settimana domenica 9 luglio con il debutto dietro la macchina da presa di Francesco Bruni regista di Scialla! (Stai sereno) rivelatosi un cineasta a tuttotondo. Uno splendido confronto tra due generazioni delineando con rapiti tocchi il mondo degli adolescenti e quello, lontano, dei loro genitori. Bruno ex scrittore che ha tirato i remi in barca e ora sbarca il lunario scrivendo i “libri degli altri” e fa ripetizioni a studenti ignoranti e svogliati come Luca, che si rivela essere suo figlio e di cui ignorava l’esistenza. Cos il ragazzo si trover a confrontarsi con una figura maschile adulta e Bruno non potr fare a meno di prendersi cura di quel figlio segreto destinato a cacciarsi in un brutto guaio.

Tutti i film inizieranno alle ore 21.30. Invariati i prezzi dei biglietti: interi euro 5.00, ridotti euro 4.00 (riduzioni fino ai 14 anni e oltre i 65) in vendita all’ingresso del cinema, da un’ora prima delle proiezioni. Confermata anche la richiestissima formula di abbonamento: per 10 film euro 35,00 acquistabile presso la Biglietteria di Operaestate Festival. Per informazioni e abbonamenti Biglietteria di Operaestate in Via Vendramini 35. Tel. 0424 524214 – 0424 519811. In caso di maltempo, come di consueto i film verranno proiettati alla Sala J. Da Ponte del Centro Giovanile.


--
Alessia Zanchetta
Comunicazione Operaestate Festival Veneto
Tel 0424 519804 – Fax 0424 519820
comunicazionefestival@comune.bassano.vi.it
www.operaestate.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl