cs Scarlinie Mesirca a Castelfranco Veneto il 6_8

04/ago/2014 17.11.45 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Luca Scarlini e Alberto Mesirca riscoprono i canti di Rebecca

Mercoledì 6 agosto ore 21.00 la Piazza Duomo di Castelfranco Veneto ospiterà Luca Scarlini e il chitarrista Alberto Mesirca per il secondo appuntamento del progetto “Ekfrasis: storie dell’arte” intitolato “I canti di Rebecca – un viaggio musicale”. La serata evento, presentata in prima nazionale e ideata appositamente per il Comune di Castelfranco Veneto, è inserita nel ricco cartellone di Operaestate 2014, il festival promosso dalla Città di Bassano del Grappa con la Regione del Veneto e le altre città palcoscenico, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e le aziende del Club Amici del Festival.

Venezia e Costantinopoli sono i poli nel viaggio musicale nel mondo ebraico, da cui vengono ritagliati ritratti di donne, avventurose, combattive, sognatrici, poetesse e casalinghe, capaci di cambiare il loro destino. Un viaggio nella Storia, attraversato dalle musiche suonate da Alberto Mesirca che, da diverse tradizioni, narrano di questi personaggi di signore affascinanti e dinamiche: opere rarissime che accompagnano in senso cronologico e filologico il racconto, trascritte appositamente per quest’evento speciale dopo un lavoro di ricerca unico e complesso.

In programma “La Gnora Luna” di Mauro Giuliani dal “Pot pourri” su canzoni popolari, op. 108, “Jewish Wedding Song” di Fernando Sor e per chiudere il rarissimo “Del famoso Oriente” detto “Il lamento della madre ebrea” di Antonio Cesti. Inoltre Alberto Mesirca ha trascritto per chitarra, appositamente per questa eccezionale occasione, il Coro “Dieu, Dieu de nos peres” da “La Juive” di Halevi, l'aria “Da quell’angusta soglia” dall'atto II de “L’ebreo” di Apolloni, l'aria di Rebecca “Oh awful depth” dall'atto II di  “Ivanhoe” di Arthur Sullivan, “A woman of folly” da “The Divan of Moses Ibn Ezra” di Mario Castelnuovo-Tedesco e “Ophelia” da “Royal Winter Music” di Hans Werner Henze.

Sono questa le tracce musicali su cui Luca Scarlini intreccerà la sua drammaturgia originale, sempre coerente a uno stile che sfugge i luoghi comuni per offrire inediti sguardi sull'arte. Saggista, drammaturgo e storyteller Scarlini, dopo aver insegnato all’Accademia di Brera e in altre istituzioni italiane e straniere, insegna attualmente presso lo IED di Milano e scrive per il Teatro Regio di Torino, così come per molte altre istituzioni teatrali e musicali in Italia e in Europa. Ha collaborato con Rai Radio3 e ha scritto, in diversi contesti, sulle relazioni tra musica e società. Tra i suoi libri vanno ricordati: “La musa inquietante” (Cortina), “Equivoci e miraggi” (Rizzoli), “D’Annunzio a Little Italy” (Donzelli), “Lustrini per il regno dei cieli” (Bollati Boringhieri). Recentemente ha scritto per Guanda “Un paese in ginocchio” e “Sacre sfilate” (Guanda).)

Altro protagonista della serata Alberto Mesirca chitarrista dallo straordinario talento già  vincitore di prestigiosi riconoscimenti nazionale ed internazionali. I compositori Leo Brouwer, Dusan Bogdanovic, Angelo Gilardino, Mario Pagotto hanno scritto opere a lui dedicate, ed ha eseguito la prima incisione di opere di Giulio Regondi, Claudio Ambrosini, Ivan Fedele, Carlo Boccadoro, Frantz Casséus. Suona regolarmente con Vladimir Mendelssohn, Domenico Nordio, Martin Rummel, Daniel Rowland.

In caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà presso il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto. Biglietteria del Festival in via Vendramini a Bassano: tel. 0424524214 – 0424519811. www.operaestate.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl