13 gennaio poker di attirci a Bassano con 2 Partite Bevilacqua, Guzzanti, Michelini e Minaccioni

13 gennaio poker di attirci a Bassano con 2 Partite Bevilacqua, Guzzanti, Michelini e Minaccioni.

Persone Paola Rota, Cristina Comencini, Paola Minaccioni, Caterina Guzzanti Giulia Michelini, Giulia Bevilacqua
Luoghi Italia, Veneto, Bassano del Grappa
Argomenti teatro, spettacolo, letteratura

11/gen/2016 19.31.39 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



 

conmunicato stampa e immagine in allegato

Mercoledì 13 gennaio alle ore 21.00 al Teatro Remondini
"DUE PARTITE" DELLA COMENCINI, IN SCENA A BASSANO
GIULIA BEVILACQUA, CATERINA GUZZANTI GIULIA MICHELINI E PAOLA MINACCIONI RACCONTANO L’ETERNO SCONTRO GENRAZINALE TRA MADRI E FIGLIE

(BASSANO DEL GRAPPA) Terzo appuntamento per la stagione teatrale della Città di Bassano del Grappa, Il teatro ti rapisce, promossa dall’Assessorato alla promozione del Territorio e della Cultura, in collaborazione col Teatro Stabile del Veneto, con un cartellone con 10 titoli al Teatro Remondini. Protagonista-  mercoledì 13 gennaio alle ore 21.00 un poker di attrici come Bevilacqua, Guzzanti, Michelini e Minaccioni che riporta in teatro DUE PARTITE una storia tutta al femminile ironica e commovente che ha conquistato il pubblico sulla scena come sul grande schermo candidandosi a diventare un vero e proprio classico del teatro anni 2000.
Dopo avere conquistato il pubblico, sia teatrale che cinematografico, questo emozionante testo di Cristina Comencini, torna in palcoscenico a 10 anni di distanza con la regia di Paola Rota e un nuovo grande cast al femminile, che mette insieme alcune tra le protagoniste di numerosi film e fiction di successo. Lo spettacolo è incentrato sulla vita di 4 donne che prima, da bambine, giocano insieme mentre le rispettive mamme si sfidano a carte e poi, una volta cresciute, si ritrovano nella stessa abitazione, ancora unite e “schiave” di un ciclo della vita che procede inarrestabile.
L’Italia degli anni ‘60 e quella di oggi, 4 attrici che diventano 8 donne, nell’eterno scontro generazionale tra madri e figlie. Questi gli ingredienti di una commedia costruita come un meccanismo perfetto, che alterna momenti di comicità ad attimi di autentica commozione. Le protagoniste della storia sono donne che si proiettano madri, madri che immaginano come saranno le loro figlie, figlie che hanno messo in discussione le proprie madri per farsi donne autonome... ma tutte meravigliosamente solidali tra loro.
Nel primo atto quattro donne, molto amiche tra loro, giocano a carte e parlano in un salotto. Si ritrovano lì ogni settimana. Nella stanza accanto le loro figlie giocano alle signore, si ritrovano anche loro ogni volta che si incontrano le loro madri. Nel secondo atto le quattro bambine sono diventate ormai delle donne che si vedono nella stessa casa e continuano quel dialogo, interrotto e infinito, sui temi fondanti dell’identità femminile. Sono le stesse attrici che avevamo visto interpretare il ruolo delle madri. Gli eventi che tengono unite queste donne, sono i più naturali e significativi dell’esistenza: la nascita e la morte. La conversazione procede tra di loro con un ritmo incalzante, tragico e comico al tempo stesso, e in questo flusso di pensieri e parole le loro identità si confondono e si riflettono in quelle delle loro madri, in una continua dinamica di fusione e opposizione, come in un gioco di specchi deformanti. La commedia lavora su diversi livelli, è un meccanismo perfetto che alterna momenti di comicità a momenti di vera e propria commozione.

Inizio spettacolo ore 21. Informazioni e Biglietti tel. 0424524214
--
Alessia Zanchetta






blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl