comunicato stampa Arlecchino servitore di due padroni al teatro remondini di bassano

comunicato stampa Arlecchino servitore di due padroni al teatro remondini di bassano.

Persone Laura Serena, Stefano Rota, Michele Mori, Marta Meneghetti, Irene Lamponi, Eleonora Fuser, Francesco Folena Comini, Anna de Franceschi, Donato Sartori, Stefano Nicolao, Antonio Audino, Amleto Sartori, Giorgio Strelher, Marco Zoppello, Giorgio Sangati, Carlo Goldoni
Luoghi Veneto, Bassano del Grappa
Argomenti teatro, spettacolo, arte, letteratura

22/feb/2016 10.53.07 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 comunicato stampa e immagine in allegato



Martedì 23 febbraio  alle ore 21.00 al Teatro Remondini
SOLD OUT PER ARLECCHINO DEL TEATRO STBAILE DEL VENETO IN SCENA A BASSANO
Prima dello spettacolo la compagnia incontra il pubblico al Color Cafè.


(BASSANO DEL GRAPP) Ennesima serata da tutto esaurito per la stagione teatrale della Città di Bassano del Grappa, promossa dall’Assessorato alla promozione del Territorio e della Cultura, in collaborazione col Teatro Stabile del Veneto, al Teatro Remondini. Protagonista -  martedì 23 febbraio alle ore 21.00 proprio una produzione dello Stabiel Veneto, con un classico della commedia dell’arte, Arlecchino, servitore di due padroni di Carlo Goldoni, per la regia di Giorgio Sangati, con il talentuoso Marco Zoppello, già sperimentato la scorsa stagione come interprete di Massa critica. Il totalitarismo all’epoca di Facebook.
E’ scelta da audaci cimentarsi con l’Arlecchino, la maschera simbolo del teatro italiano e “Il servitore di due padroni”, il testo di Goldoni più rappresentato al mondo, grazie alla celebre versione firmata da Giorgio Strelher. E’ il regista Giorgio Sangati ad accettare la sfida di dare nuove suggestioni a questo grande classico. In scena è presente una strana soffitta ingombra di vecchi bauli e una vivace compagnia di attori. Travestimenti e riconoscimenti, servitori e padroni, padri e figli, morti e risorti, duelli e passioni, gioie e pianti: nello spettacolo tutto è doppio, come Arlecchino che, a sua volta, si sdoppia (anzi si triplica) nell’impresa impossibile di servire due padroni e forse anche sé stesso. Una pietra miliare del teatro di tutti i tempi, resa al meglio da un cast davvero irresistibile.
Una versione che regge il confronto con quell’Arlecchino messo in scena da Strehler nel ’47 e giunto fino ad oggi con diverse edizioni e con migliaia di repliche. Versione che ha contribuito a fissare nell’immaginario collettivo una versione di arlecchino immutata, nonostante l’improvvisazione sia alla base della commedia dell’arte, così come l’espressione di quella maschera, studiata dallo scultore Amleto Sartori, abbia fissato l’immagine dell’arlecchino di tutti i tempi. 
In questa nuova trasposizione scenica ricca di audaci artifici,  un gruppo affiatato di artisti, giovani o di più consolidata esperienza, a partire proprio dallo straordinario Arlecchino, Marco Zoppello, ventotto anni, barba e una folta chioma rossa, energico e vitale. “A tutto questo – scrive il critico teatrale Antonio Audino -  l’interprete aggiunge anche una decisa carica erotica, tanto che il batocio, quella specie di paletta che porta al fianco e dalla quale ha tratto persino il suo soprannome, diventa una evidente allusione fallica. Sparite le losanghe nel costume, disegnato da Stefano Nicolao, composto di calzoni e giubba rappezzati e sbiaditi, mentre la maschera, disegnata da Donato Sartori, figlio di Amleto, conserva il colore del cuoio, con un taglio d’occhi che le danno un’espressione più risoluta e convinta, persino con qualcosa di demoniaco, per volontà del suo creatore che intende così collegarla alle leggende sull’origine satanica del personaggio. Sarebbe inutile fare paragoni, la versione di Strehler ha un posto indiscutibile nella storia del teatro italiano, ma questa rilettura si pone come una nuova riuscitissima reinvenzione”.
In scena un cast di altissimo livello che fa incontrare interpreti di comprovata esperienza con giovani talenti insieme a Zoppello anche Anna de Franceschi, Francesco Folena Comini, Eleonora Fuser, Irene Lamponi, Marta Meneghetti, Michele Mori, Stefano Rota, Laura Serena che si alternano nel complesso gioco degli equivoci. 
La perfetta macchina teatrale goldoniana si rimette in moto, la polvere vola via a suon di canti e musica, i personaggi e le maschere riprendono vita e trascinano il pubblico in una girandola di colori, emozioni e divertimento.
Prima dello spettacolo alle 18.45 la compagnia incontra il pubblico e i ragazzi partecipanti al progetto Audience Lab per una chiacchierata di approfondimento al Color Cafè, prima di andare in scena. Ingresso libero.

--
Alessia Zanchetta


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl