Doppiaggio, come iniziare e come continuare

20/gen/2017 14:48:27 Marianna Cino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il nostro periodo storico è senza dubbio uno dei più complessi, vogliamo essere ben informati ma allo stesso tempo vogliamo farlo di fretta. Aspettare i tempi giusti, spesso crediamo significhi rimanere indietro e non riuscire poi ad affermarsi per bene. La cosa sicura è che non bisogna mai andare nel panico, bisogna invece studiare per bene una tattica di attacco ogni volta che si intende partire con un progetto e proseguire poi per gradi.

Il mondo del doppiaggio è uno di quei mondi che un tempo bastava fare un po' di pratica, quasi come l’andare “a bottega” come gli artisti di un tempo. Poi sono nate le scuole di doppiaggio e i corsi di dizione, da qui passavano tutti coloro che volevano recitare o che quanto meno volevano doppiare, in quanto parliamo di due mondi alla fine molto legati.

Eppure buona parte dei grandi doppiatori di oggi, lo sono perché hanno, per così dire, ereditato il talento e la bravura ed altrettanti sono gli speaker che oggi lavorano e che hanno magari iniziato facendo la radio della scuola o qualche altro mini progetto. Insomma oggi bisogna capire che strada prendere e sopratutto ogni passo deve essere ben ponderato.

Prima di tutto bisogna capire quali sono le proprie capacità e se queste portano ad un risultato, anche se piccolo. Insomma non è detto che non si riesca a raggiungere qualche piccolo traguardo semplicemente rimboccandosi le maniche e sfruttando quello che si ha. In questo caso a riuscirci oggi sono pochi, perché sono tanti quelli che provano a passare da canali secondari e a cercare direttamente il trampolino di lancio.

Viceversa, lo stivale è pieno di scuole di cinema, di recitazione e di corsi di dizione, più o meno legati a percorsi universitari. Questi sono molto importanti, considerando che doppiare significa sostanzialmente recitare ma in maniera più difficile. A differenza dell’attore da palcoscenico o da grande schermo, il doppiatore non può usare la mimica ne’ la gestualità, quindi parte svantaggiato.

A questo punto non resta che ricordare che oggi in Italia esiste un passaggio che unisce chi proviene da queste due strade con lo stesso scopo ma dal percorso molto diverso. Ovvero quello che si può fare dopo oppure durante per chi si sente già pronto a provare ad addentrarsi nel mondo del lavoro.

Un mondo che può essere fatto di solo doppiaggio ma anche di speakeraggio, un mondo che possono affrontare i vocalist, chi vuol provare ad abbracciare la conduzione radiofonica. Ma anche se si desidera puntare ad un’emittente televisiva, insomma per tutti coloro che vogliono lavorare nel mondo dello spettacolo.

Un mondo che ha messo a disposizione chi ha studiato e messo in atto il proprio progetto, spronato da amore e da tanta dedizione per questo mondo, riuscendo così a mettere insieme tutti coloro che amano questo settore, indipendentemente che si tratti di professionisti o di persone che si trovano alle prime armi.

Chi vuole iniziare a lavorare, ma non ha la minima intenzione ne’ le possibilità di pagare un agente che faccia da tramite oggi, può farlo grazie alla Community di Voci.fm.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl