St'Art 07 a Zungoli: un nuovo modello di arte e musica

St'Art 07 a Zungoli: un nuovo modello di arte e musica Il comune nella Valle Ufita si apre all'originale iniziativa di "St'Art 07", due giorni di musica internazionale e arte contemporanea Un nuovo modello di vita a Zungoli tra arte e musica Si è tenuta nei locali di c.b Arti di Avellino, la conferenza stampa di presentazione di St'Art 07 - Lo Stato dell'Arte, l'originale rassegna che avrà luogo il 25 e 26 agosto 2007 nel centro storico di Zungoli, il piccolo comune della Valle dell'Ufita.

23/ago/2007 17.49.00 Synpress 44 - Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Il comune nella Valle Ufita si apre all’originale iniziativa di ‘St’Art 07’, due giorni di musica internazionale e arte contemporanea
Un nuovo modello di vita a Zungoli tra arte e musica
 
 
Si è tenuta nei locali di c.b Arti di Avellino, la conferenza stampa di presentazione di St’Art 07 - Lo Stato dell’Arte, l’originale rassegna che avrà luogo il 25 e 26 agosto 2007 nel centro storico di Zungoli, il piccolo comune della Valle dell’Ufita. Presenti alcuni rappresentanti degli enti organizzatori e patrocinatori dell’evento, tra i quali la Seconda Università di Napoli (SUN) e il Comune di Zungoli, rappresentato dall’Assessore Graziano Tisi, il quale ha rimarcato a più riprese l’importanza dell’evento nella programmazione estiva non solo del suo paese ma dell’intera Campania, visto il respiro internazionale della manifestazione.
 
Una manifestazione importante secondo l’assessore, che rappresenta una via “nuova” e sui generis di iniziativa culturale: una risposta alle sagre imperanti, ai festival folk e alle feste della birra, che utilizza una location affascinante come il centro storico di Zungoli e una felice combinazione di “micro-eventi”, anche come segnale preciso rispetto ad un fenomeno drammatico di spopolamento. Dello stesso parere Sergio Grella, presidente della Pro Loco Valle Ufita, il principale ente organizzatore dell’evento, che ha puntato su Zungoli in quanto fiore all’occhiello della Valle dell’Ufita: rivivere il paese guardandolo con una nuova curiosità, guardandolo rianimato da artisti, mostre, concerti ed esposizioni, questo l’obiettivo della prima edizione della rassegna.
 
Una prima edizione che guarda già al futuro, visto che a più riprese in conferenza stampa i protagonisti hanno espresso la volontà di fare di St’Art 07 una rassegna rinnovabile di anno in anno, con idee nuove e innovative commistioni artistiche. Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova, esperti musicisti irpini, fondatori e principali animatori del gruppo Notturno Concertante, a nome della direzione artistica ha segnalato le molteplici valenze del logo St’Art: come “stato dell’arte”, come possibile via di incontro tra musica e altre forme d’espressione, come “questa arte”, a voler indicare i risultati raggiunti dai migliori artisti locali, come “partenza”, come primo passo per un’iniziativa “altra” rispetto alla ordinaria fruizione musicale estiva. Oltre al quartetto d’archi Spring Quartet (con musicisti irpini e salernitani) e all’arpista celtica Verdiana Leone, il clou musicale della rassegna sarà in chiusura il 26 agosto, quando calcherà il palco un nome leggendario del rock e del jazz anni ’70 e ’80, quel Richard Sinclair amatissimo dai fans del progressive-rock per la sua  presenza in gruppi come Caravan, Hatfield And The North e Camel, formazioni che diedero vita a quel movimento che oggi si chiama “scuola di Canterbury”. Con Sinclair, da poco trasferitosi in Italia, ci sarà un vivace flautista leccese, Gianluca Milanese, abituale collaboratore di grandi come Joe Zawinul, Franco Battiato, Mauro Pagani e molti altri. Con loro il gran finale in compagnia del Notturno Concertante, che animerà Zungoli con un’attesa jam.
 
Oltre alla musica un altro importante coinvolgimento segna la differenza di St’Art 07 dalle altre rassegna, ovvero la presenza della Seconda Università di Napoli, rappresentata in conferenza dal Dott. Michele Lanza, che oltre ad offrire il proprio patrocinio all’iniziativa sarà presente con una esposizione dei progetti di design della ceramica realizzati dai ragazzi del corso di specializzazione della SUN con sede in Grottaminarda. Si tratta di 24 tavole realizzate dai discenti del Corso di specializzazione in Design della Ceramica della SUN con sede a Grottaminarda, diretto dal Prof. Claudio Gambardella. La mostra è stata realizzata in sinergia con l’architetto Francesca Benedettini, collaboratrice del Prof. Gambardella. È la prima volta che una istituzione universitaria offre il proprio patrocinio ad una manifestazione del genere e, soprattutto, ad una manifestazione organizzata da una Associazione di diritto privato, qual’è la Pro Loco Valle Ufita.
 
Foto al seguente link:


L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl