PROGRAMMA PER AGENDE

25/ott/2007 02.20.00 Debaser.Ent Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA
CON PREGHIERA DI INSERIMENTO IN AGENDA


PROGRAMMA

ABBONAMENTO FESTIVAL 8 CONCERTI  € 60+d.p.
mini abbonamento TZ teatri (ultimi 4 concerti) € 36+d.p.
Info: timezones@alice.it;  3494096507; 080 5581587

Prev. e Pren.: BARI: box office c/o Feltrinelli (
080 5240464), UFF. Palatour c.so Sonnino 198 (080 5538897), Centro Musica cso V. Emanuele,  New record v.de giosa 0805243946,  Underground 0805282858
MOLFETTA: Cotton club 080 3974306. PUTIGNANO Libreria Spazio 080 4054223, GIOIA Dixieland 0803484674. MONOPOLI Disco Shop 080 9303081
LECCE Clinica dell’Accendino
0832 332624


Venerdì 9 Novembre
Teatro Di Cagno (C.so Alcide De Gasperi)
Robin Guthrie (Cocteau Twins)
+ William Basinski
EURO 10
Gli scozzesi Cocteau Twins,tra i maggiori esponenti della mitica etichetta 4AD,  furono i maestri assoluti di quel dream-pop che ha  aiutato a  sognare la bistrattata generazione anni 80 . Robyn Guthrie ed Elizabeth Fraser rielaborarono le tensioni post-punk e dark di impianto  “new wave” tingendole di un  pop etereo  e visionario, dando vita ad album memorabili come Head Over Heels  e Treasure. Ritenuti a ragione fonte d’ispirazione  di  sonorità nuove come quelle dei  gruppi etichettati negli anni 90 come shoegaze band (vedi Galaxy 500),  hanno lasciato dietro di loro uno stile inconfondibile  intimo e decadente  senza eccessi e svilimenti: la saturazione degli effetti, i loops sospesi , i riverberi insistiti e la splendida voce di Elisabeth hanno fatto dei Cocteau Twins una  band di culto. Guthrie dopo una lunga sosta ha ripreso la sua ricerca sonora  ripartendo dalle immaginarie  soundtracks  che avevano contraddistinto le sue composizioni,il suo spettacolo è infatti una sonorizzazione di un lavoro di animazione di cui lui è stesso autore .
Texano, con alle spalle vent'anni di sperimentazione  in  una zona di confine tra elettronica e jazz. William Basinski è l'uomo che ha elevato il loop ad arte  , diventando un vero punto di riferimento in  di quel variegato ed impalpabile     
Universo che va’ sotto il nome di ambient music . Con i suoi Disintegration Loops,  con ruvida trasparenza ha rappresentato nei suoi live/installation  il disfacimento della New York del dopo'11 settembre : una sequenza di nastri che si accartocciano,  e da cui sgorgano raccapriccianti flussi dronici  fissati nello spazio da un incedere immobile, attonito
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Giovedì 15 Novembre
TEATRO Di Cagno
Jason Molina (Songs:Ohia / Magnolia Electric Co.)
Damon & Naomi (Galaxy 500)
ALESSANDRA CELLETTI
EURO 10
Il cantautore JASON MOLINA ha contribuito come pochi a rivitalizzare ed a  rinnovare la tradizione cantautorale americana,  , ha   scritto canzoni capaci di  confrontarsi con i mostri sacri del passato.  In molteplici   vesti sonore (Songs: Ohia, Jason Molina Magnolia Electric Co.), usando in maniera inconsueta l’inglese,affrontando disparate  collaborazioni ( indimenticabile quella con Aidan Moffatt degli Arab Strap),  ha definito una   forte personalità d’autore,e , caratterizzata da una voce fragile e dura allo stesso tempo ,una originalissima capacità interpretativa,che lo ha segnalato come una delle vere novità del mondo dei song - writer.
Dischi come Lioness e Ghost Tropic sono considerati  infatti dei  capolavori assoluti  , opere per cui si sono tirati in ballo paragoni con  personaggi del calibro di Graham Parson, Neil Young e Bob Dylan o dei  contemporanei Smog e Bonnie, Prince Billy e Sparklehorse.
I Galaxy 500, capostipiti della scena slow core e shoegaze, sono dai più ricordati per aver dato un nuovo volto alla musica   di Nick Drake  accostandola  alle  tragiche tematiche degli anni 80 :la fine dell ‘impegno,la vita di strada, la droga, l'AIDS.    Il senso di perdita della loro musica  e   gli atteggiamenti  catalettici da disfacimento  punk  sono stati per molti la colonna sonora della disillusione.  Malauguratamente spentisi dopo appena soli tre album (di cui  On Fire è da ritenersi un piccolo capolavoro),  due dei componenti del gruppo Damon Krukowski e Naomi Yang,  hanno proseguito  lungo questa strada con disincanto e passione, non tradendo questa vocazione all’etereo  dandogli nuova energia forse anche un po’ di speranza.  
Alessandra Celletti è una pianista compositrice di valore assoluto. I temi affrontati nelle sue composizioni hanno preso a frequentare il sacro come luogo di meditazione e ricerca . Un opera che per questi motivi si è segnalata come una delle vere novità di  questa nuova scena  pianistica italiana  . Per Time Zones un inedito lavoro ispirato alla   “La donna della salvezza” del Cardinale Carlo Maria Martini.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Domenica 18 novembre
Palatour
TUXEDOMOON
EURO 15
Steven Brown, Blaine Reininger, Peter Principle, Luc Van Lieshout, Bruce Gedulding
Questa leggendaria band proveniente da San Francisco  può narrare come un manifesto una parte importante della  trasformazione della musica  degli ultimi 20 anni del 900.  Sono stati tra i primi ad usare in maniera costante le immagini in scena ,adagiate su una miscela di arte,teatro e generi musicali differenti  ,invenzioni   esportate con  successo in Europa dove hanno incontrato il grande successo . All’indomani della dissoluzione del punk  hanno intrapreso un percorso  dove i live son diventati la parte più importante della  loro avventura, veri e propri happening in cui hanno snocciolato e continuano a snocciolare   intuizioni folgoranti.   Ispirati anche a personaggi all’epoca poco compresi ,come Morricone ad esempio, hanno inondato il loro rock di free -jazz , psichedelia  ed elettronica   .In questi 30 anni di storia si contano mille avventure individuali ,tutte originali: i Tuxedo sono stati attori, cineasti ,produttori ,leader di altre band, tanti percorsi dedicati con sagacia ad un idea di musica come motore di trasformazione dell’essere. Oggi in epoca di reunion  il peso ed il valore di ciò che è stato fatto da questa band  resta intatto ed attuale ed i loro concerti sono sempre carichi di un energia  rara e preziosa per chiunque ami la musica.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Giovedì 22 Novembre
BOHEMIEN
Carla Bozulich band
Gowns
Father Murphy
EURO 10
Dopo il successo dell’album “Evangelista”, opera di lancinante bellezza, arriva in Italia Carla Bozulich, personaggio sopra le righe, al di fuori degli schemi,dalla scena più controversa ed oscura   di Los Angeles. Già protagonista con Geraldine Fibbers e Scarnell nonché collaboratrice (ed ex moglie) di Nels Cline (chitarrista di Wilco) e Willie Nelson...  C. Bozulich ha qualcosa della Nico all'apogeo del suo dolore  ,il suo salmodiare sulle trame lente e austere dei Crime And The City Solution,  le atmosfere tipiche del marchio Constellation  e le pennellate astratte alla   Supreme Dicks disegnano un’artista unica. I suoi live sono un'esperienza d'ascolto totalizzante, dove è perfetta l'interazione tra la straniante cifra interpretativa di Carla e la  musica,un emozionante tappeto sonoro dove nessun suono è mai catalogabile o già sentito .   
Gowns è il progetto di Ezra Buchla (ex Mae-Shi e figlio di Don, storico inventore dei primi sintetizzatori) e Erika Anderson (ex Amps for Christ) e suona un drone/folk/postrock lacerato ed ipnotico, fatto di scorie elettroniche e melodie in acido più sussurrate che cantate. Red State, il loro album d'esordio, è da considerare uno dei migliori lavori del 2007.
I Father murphy, autori di lavori stravaganti   a cavallo tra Violent Femmes, Swell, Pavement, Pogues e Deerhoof .Convinti agitatori della scena indie italica sotto il marchio  della benemerita etichetta Madcap , propagano il loro verbo con sacrificio e  passione).
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TZ TEATRI
Venerdì  23 Novembre
Teatro Palazzo
PANATLANTIC band
BOBBY PREVITE
drum- GIANLUCA PETRELLA trombone
EURO 12
Benoit Delbecq: piano- Wolfgang Pushing sax alto- Nils Davidsen basso-
“Una band  acustica di improvvisatori di classe sterminata” Bobby Previte, Gianluca Petrella  , Benoit Dalbecq, Wolfgang Puschnig , Nils Davidsen .Un americano a dirigere un italiano, un francese, un austriaco ed un  danese  . . Bobby Previte è una della figure più originali della scena "downtown" newyorkese , uno dei più apprezzati batteristi al mondo, non solo per il particolare drumming ma anche per la forza dirompente di cui sono pervase  le sue composizioni musicali. Ha collaborato, tra gli altri, con John Zorn, Elliott Sharp, Wayne Horvitz, Tim Berne e tanti altri. La formazione nasce a New York con l’intento di guardare in maniera contemporanea a questo genere ormai assurto alla classicità,e la fitta presenza europea va’ in questa direzione di scompaginamento generale. PETRELLA giovane e geniale interprete delle nuove strade del jazz è parte determinante di questa formazione che per tutti questi motivi è destinata a lasciare un segno profondo.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TZ TEATRI
Sabato 24 novembre
Teatro Royal
JON HASSELL and MAARIFA STREET
EURO 12
Compositore / trombettista  JON HASSELL  è il visionario creatore  di uno stile musicale che ha descritto come QUARTO MONDO : misterioso,un suono ibrido, antico e digitale,composto ed improvvisato ,Orientale ed Occidentale .A lui si deve la formula “Musiche possibili” per definire questi nuovi orizzonti affiorati in musica agli inizi degli anni 80. Uno stile unico “ che  ha consentito a trombettisti come M.Davis ed Hassell di trascendere intimamente i limitiespressivi di questo strumento ,come un grande cantante fa con la sua voce”(NYTimes).     Infinite le collaborazioni : B.Eno,P.Gabriel,Bjork,Ry Cooder,I.Ferrer,Ani DiFranco.  Per Wenders ha scritto con Bono   le musiche di “Million dollar Hotel “e tantissimo ha composto per la danza ed il teatro ovunque in giro per i più importanti teatri del mondo.
Jon Hassell - Trumpet / Keyboard
Peter Freeman - Bass / Laptop
Steve Shehan - Percussion/ Laptop
Jan Bang - Live Sampling / Electronics
Kheir-Eddine M'Kachiche / Violin
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TZ TEATRI
Domenica 25 Novembre
Teatro Royal
DAVID KRAKAUER & KLEZMER MADNESS! esclusiva nazionale
EURO 12
Clarinettista e compositore acclamato a livello internazionale, David Krakauer si è conquistato il privilegio di essere uno dei maggiori interpreti al mondo della musica Klezmer e allo stesso tempo un affermato solista di musica classica e di jazz con presenze in prestigiose orchestre e band. Benché fortemente radicato nella tradizione klezmer, il suo lavoro di arrangiatore e compositore deve molto alle sue frequentazioni jazz, rock e classiche. Anche grazie al rapporto con l’etichetta “TZADIK”ed all’idea nuova di cultura ebraica del suo Stregone JOHN ZORN ha infatti guardato in maniera nuova a questo genere. Fondamentalmente per queste riuscite commistioni la sua discografia rappresenta uno dei punti più avanzati e più importanti dell’Universo klezmer degli ultimi  anni. Il suo ultimo lavoro, “A New Hot One”, per la prestigiosa etichetta jazz francese Label Bleu, ha conquistato il Diapason d’Or, uno dei maggiori riconoscimenti musicali  ed è stato acclamato come un capolavoro dalla stampa mondiale.
Dal vivo questa miscela si precisa e diventa ammaliante. Krakauer gira il mondo col suo ensemble “Klezmer Madness!” con il quale condivide in todo il composito approccio. Ha fatto registrare ovunque il tutto esaurito in una serie di esaltanti ed ipnotizzanti concerti da New York  a Washington da Parigi a Londra .
Il concerto x Time Zones  è una delle  rarissime apparizioni italiane.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TZ TEATRI
Giovedì 29 Novembre
Teatro Royal
MATT ELLIOT Orchestra
CESARE PICCO feat. Taketo Gohara
EURO 12
Partendo dalle sperimentazioni post-jungle sotto il moniker Third Eye Foundation, inevitabilmente influenzato dalle suggestioni elettroniche della sua città natale, la Bristol di Massive Attack e Portishead, la vicenda musicale di Matt Elliott narra di un’ emozionante e profonda trasformazione.  Trasferitosi in Francia, ha  iniziato a scavare nel passato  abbandonando  un uso in massima parte scontato della strumentazione elettronica,  per un uso appena accennato,intimistico  da molti definito” spirituale”. Con The Mess We Made , l’eccezionale Drinking Songs,  e con l’ultimo Failing Songs, il suo sound si è fatto sempre più scarno restando fortemente perturbante a tratti lacerante.  La riscoperta degli strumenti tradizionali e delle atmosfere del passato  hanno segnato definitivamente la  musica che compone oggi Matt Elliot  : quello che ne è venuto fuori è un  originale mix di post-rock, folk mittel-europeo e drones cosmici che fa di questo musicista una delle poche novità in circolazione.
Come spesso accade per i nostri musicisti compatrioti, anche il talentuoso pianista di Vercelli Cesare Picco il successo lo ha incontrato fuori e per la precisione in Giappone  . Di formazione classica ,quella di  Bill Evans è stata la folgorazione sulla via di Damasco che ha fatto esplodere la passione per il piano o meglio per un uso molto libero di questo strumento.  Il suo è un percorso fatto di continue  deviazioni ora  verso il jazz ora verso l’elettronica  con una forte voglia di sfuggire alle etichettature semplicistiche in cui troppo spesso si resta intrappolati.  Tutto ciò è il suo ultimo lavoro Light Line,  lavoro impegnativo fortemente sentito come esercizio di appassionata libertà compositiva.   Il producer Taketo Gohara, che ha collaborato alla realizzazione dell’album accompagna  in questo concerto Cesare Picco.

Ufficio Stampa
Michele Casella <debaser.ent@libero.it> 3284548699

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl