Giuliano Palma & the BlueBeaters, poi il rock al Thunder Road

30/ott/2007 18.20.00 THUNDER ROAD Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

CODEVILLA (PV) - Strada Torrazza Coste 1 - info 0383.373064  338.4959000 - www.thunderroad.it

 

 

 

 

  • Venerdì 2 novembre Giuliano Palma & The BlueBeaters:

    Boogaloo tour 2007

     

  • Sabato 3 novembre Rad1 - Opening: AmbraMarie Band 

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

     

     

    venerdì 2 novembre: Giuliano Palma & The BlueBeaters:

    Boogaloo tour 2007

     

    Giuliano Palma & The BlueBeaters. Nel 1993 a Torino Giuliano Palma si esibisce nel brano “Col sangue agli occhi” assieme ai Fratelli di Soledad. Pareva che dovesse andare così: un solo brano e un solo concerto e invece era solo l’inizio.

    L’idea di una live band, di un supergruppo formato da amici appassionati di rocksteady giamaicano e soul americano nasce da qui: “Ci guardiamo in faccia e cominciamo a suonare la colonna sonora di “The Harder They Come”, poi “Redemption Song”, "54-46" di Toots, ma anche "Love is the Law" degli stessi Casino Royale”, raccontava il gruppo qualche anno fa.

    Il nome che si scelgono è un aperto omaggio alla musica giamaicana degli Anni ’60, il “bluebeat”.

    I Bluebeaters non solo suonano classici dello ska ma riarrangiano anche brani commerciali con la stessa disinvoltura: “Do You Believe In Love” di Cher è riuscita talmente bene da aver fatto sorgere il dubbio che si trattasse di un brano originale del gruppo. Sono soprattutto una live band: il tour invernale del 1998 registra 20 mila presenze in 20 date e suggerisce al gruppo l’idea di registrare il primo album. “Gli amici, i parenti, la gente che veniva ai concerti, tutti continuavano a chiederci cassette, cd dei nostri pezzi. Il suono, la pasta, erano pronte. Il groove girava bene. Così abbiamo pensato che era arrivato il momento di fare il disco”, dicevano i Bluebeaters nell’estate del 1999, nei giorni dell’uscita di “The Album”.

    Il 9 settembre 1999 esce il primo disco dei Bluebeaters, una sequenza mozzafiato di cover suonate rigorosamente live in studio in stile ska/rocksteady: “See You Tonite” di Gene Simmons, “Wonderful Life” di Black,  “Believe” di Cher, "I Don't Know Why I Love You (But I Do)" di Clarence "Frogman" Henry, "Stop Making Love" dei Four Tops, "World's Fair" degli Skatalites, "Coming In From The Cold" di Bob Marley, una versione in inglese di "Grande Grande Grande" di Mina, vecchi brani giamaicani Anni 60 come “How many times”, “I don’t want to see you cry”, “There's a reward” o “Tell me now”, hit reggae Anni 70 come “Desperate lover” e “Let him try”.

    I Bluebeaters decidono di rischiare e vendono “The Album” esclusivamente attraverso il loro sito internet www.thebluebeateaters.com, una scelta coraggiosa quella di svincolarsi dalle regole classiche della distribuzione discografica che li premia con ben 12 mila copie vendute.

    Dopo un accordo con l’etichetta discografica V2 il disco viene ristampato. Due brani nuovi, “Domani” e “Che cosa c’è”, due classici di Gino Paoli: “Ho ascoltato parecchio “The Album” e fin da subito mi è piaciuto il loro stile. Mi è piaciuto perché è preciso, perché i Bluebeaters non deformano quello che reinterpretano quando fanno le cover di altri. Non cercano di cambiare gli accordi, ma riescono, nonostante questa fedeltà all’originale, a modellare i brani, facendoli diventare propri, semplicemente seguendo il loro stile. È soprattutto per questo che si è deciso di fare il passo successivo e realizzare questa collaborazione con Giuliano e i Bluebeaters”.

    Risultato: 30 mila copie vendute e un tour sold out in tutte le date che l’anno successivo viene celebrato con un bootleg ufficiale, “Wonderful Live”. Registrato su cassette analogiche per conservare il suono “root” del gruppo l’album raccoglia tutte le canzoni più rappresentative del repertorio dei Bluebeaters ovvero alcune già presenti in “The Album” con l’aggiunta di altre cover version in puro stile Bluebeaters. 

    Il 30 settembre 2005 esce “Long Playing”, 22 cover che raccontano le passioni musicali di Giuliano Palma & The Bluebeaters.

    Giuliano ce lo presenta così: “All’inizio volevamo intitolarlo ‘Rock And Roll’ perché più di una canzone arriva dalla scena rock e questa è una novità rispetto a ‘The Album’ in cui il genere era rappresentato solo dal pezzo di Gene Simmons, ‘See You Tonite’. Qui invece ci sono i Pretenders con ‘Back On The Chain Gang’, Joe Strummer pre Clash con ‘Sweet Revenge’, poi ‘Jump’ dei Van Halen, ‘You're My Best Friend’ dei Queen...

    Poi però il titolo è diventato ‘Long Playing’ perché ci sono ben 22 tracce, anche se lo spirito rock and roll rimane perché in fondo è come siamo noi: soprattutto in tour diventiamo veramente selvaggi, un po’ zingari, la passione rende non essenziale tutto il resto e rimane solo la musica e l’energia galvanizzante che ci trasmette. Credo che tutto questo sia finito nel disco: era importante per me che i brani fossero tanti e fossero quelli che in quel momento mi ispiravano di più. È un disco che arriva dalla voglia di musica, in primo luogo la nostra, quella di tutti i Bluebeaters”.

    Il successo è sancito con l’uscita di “Come le Viole” (7 luglio 2006) terzo  e ultimo singolo. Il brano, che non era contenuto nell’album, verrà messo in vendita come cd singolo e in una nuova versione doppia di “Long Playing” che conterrà sia il cd album che il cd singolo.

    Con questa ulteriore uscita “Long Playing” si conferma un album bello, solare  e ballabile nella migliore tradizione dei Bluebeaters.  Le 22 traccie in esso contenute, tra cui il primo singolo “Messico e Nuvole” e “Keep On Running”, secondo singolo estratto dall’album, sono un vero concentrato di energia e originalità a conferma dello stile unico ed inconfondibile della band.

    E a confermare tutto ciò ci sono le oltre 38.000 copie vendute!

    Da marzo 2006 c’è una novità nella line up, Bunna lascia i Bluebeaters per lavorare su un nuovo disco e tour degli Africa Unite, la sua storica band, e lascia il posto a Sheldon Gregg, bassista giamaicano di New York proveniente, tra le altre band, da New York Ska Jazz Ensemble.

    Nella primavera 2007 Giuliano Palma & The Bluebeaters entrano al Transeuropa di Torino, studio di Carlo Rossi, per la registrazione del loro nuovo, attesissimo album.

    "Boogaloo" è uscito 19 ottobre 2007. Il video di "Tutta Mia La Città " è in alta rotazione su MTV e All Music.

    Un pò di numeri: il nuovo singolo "Tutta Mia La Città", uscito il 7 settembre nelle radio,

    entra nei 30 singoli della settimana; il 24 settembre Giuliano canta per "Deejay Chiama Italia" (la trasmissione di Linus), un brano di Elvis Presley che rimarrà per 4 mesi la nuova sigla del programma alle 11 di mattina; il 6 Ottobre esce il nuovo videoclip.

    Ospiti il 26 Ottobre a Radio 1, in diretta da Via Asiago, Roma, per presentare in concerto il nuovo album.

    Il 30 Ottobre saranno, invece, ospiti  della tappa milanese del Tour Gira L'Italia (Citroen/Radio Dee Jay)

     

     

    DISCOGRAFIA

    “The Album”, 2000

    “Wonderful Live”, 2001

    “Long Playing”, 2005

    “Come le Viole”, 2007

    “Boogaloo”, 2007 

    Ingresso â‚¬ 12,00

    Apertura porte h.21.00 - inizio concerto h.23.00

    01:00 Dj Fabiano - ingresso â‚¬ 3,00

     

     

    Sabato 3 novembre Rad1 - Opening: AmbraMarie Band

     

     Rad1 I Rad1 nascono nel Giugno del 2001 dall'unione di 5 musicisti già attivi da tempo nel panorama della musica dal vivo.
    Cesare "Rad" Zanotti (voce e chitarra), Massimiliano "Max" Zaccaro (basso e cori),  Luca Verde (chitarra e cori), Mario "Il fabbro" Zapparoli (batteria e cori) e dal 2007 Francesco "Nillo" Vernillo (tastiere, chitarra e cori),si "radunano" per creare uno spettacolo di cover assolutamente fuori dai canoni adottati fino a quel tempo.
    La scelta del repertorio è decisamente orientata al rock ed arricchita dalla capacità di rivisitare i pezzi esulando dall'originale e potendo contare sulle ottime qualità di musicisti professionisti di grande esperienza.
    La scaletta comprende pezzi che abbracciano diversi generi musicali strizzando l'occhio a quelli "alternativi" più moderni: dal prog-metal dei Dream Theater ai Queen (Bohemian Rhapsody cantata a 5 voci anche nella parte centrale senza l'aiuto di basi pre-registrate!), dai System of a down ai Metallica fino ad arrivare ai medley folli come l'ormai famoso "Mix Pazzo" (Compreso nel loro lavoro in studio "Chiavichesuonano") che comprende "Pretty Woman" cantata a cappella, una loro versione di "My way" di F.Sinatra, "Tu vuo' fà l'americano" di R.Carosone, "Vengo anch'io" di E.Jannacci ed altro... o come l'ultimo "Mix Tarantelle" che sfoggia una sequenza di pezzi popolari italiani (O' surdato 'nnammurato, Scende la pioggia e, tra le molte altre, addirittura l'inno di Mameli) tutto suonato in chiave rock dall'impatto notevole oltre che estremamente divertente.
    Nel Luglio del 2003 realizzano il primo CD di cover riarrangiate intitolato "Chiavichesuonano" che include la mitica Nessun Dolore di L.Battisti in versione decisamente "raddica" tanto da farla diventare una "hit" usata da moltissimi dei Dj dei locali frequentati dai Rad1 e scaricabile gratuitamente dalla Home Page di questo sito.
    In ormai tanti anni d'intensissima attività live, i Rad1 si sono guadagnati il rispetto dei migliori club d'Italia e, cosa più importante, la stima della gente che ama la musica live e che ha trovato nei Rad1 una qualità musicale e una simpatia tali da portare il numero d'iscrizioni al Rad-sito a più di 1.000 unità e di superare i NOVE MILIONI di accessi in quattro anni!
    UNICA BAND ITALIANA INSIEME AI PERSIANA JONES AD AVERE L'ONORE DI ESSERE SPONSORIZZATA DA DC-SHOES USA e FALLEN Skateborad Wear. Ormai mitica è la
    Rad-squad, lo "zoccolo duro" dei fans dei Rad1, coloro che seguono dappertutto macinando migliaia di km al mese e affrontando neve, pioggia, nebbia o il caldo più torrido pur di essere sempre in prima fila ai "raduni" e coinvolgendo i nuovi "adepti" grazie anche al loro sito Live Style che offre un archivio sconfinato di foto dei Rad1 e di altre live band

     

    AmbraMarie band Dopo 5 anni alla Warner Music dove realizza due singoli e due videoclip (di cui uno a New York) AmbraMarie sta incidendo un nuovo e più maturo album, forte dell'esperienza live che da oltre 3 anni la trascina per l'Italia accompagnata dalla sua band (musicisti che da un decennio suonano,lavorano e producono musica insieme).

    Il repertorio proposto ripercorre tutte le tappe del rock dai Beatles, AC/DC,Queen,Bon Jovy fino ai giorni nostri,il tutto rivisto ed adattato alla spettacolare voce di AmbraMarie che dal vivo non teme confronti con nessuno!!.

     

    www.myspace.com/ambramarieband

     

     

    Ingresso â‚¬ 5.00

    01:00 Dj Fabiano - ingresso â‚¬ 3,00

     

     

     

    PROSSIMI APPUNTAMENTI

     

    Ven 8 novembre Paul Dianno (Iron Maiden) + Children of the Damned

    Sab 10 novembre Divina

    Dom 11 novembre The Watch + guest

    Ven 16 novembre Vanilla Sky + Thee S.T.P. + guest

    Sab 17 novembre The Rox + No Speech

    Sab 18 novembre GOTHunder dark nite: Bloody Mary+Musashiden

    Gio 22 novembre Flower Kings (SWE) featuring on drums Pat Mastelotto (King Crimson)

    Ven 23 novembre Gods of Glam tribute night+ Jack Daniel's Club Party:

    Flesh & Blood Poison tribute/B.M.B. Bon Jovi tribute/Europroject tribute to Europe

    Sab 24 novembre Diumvana

    Ven 30 novembre Muppet Suicide - Guns'n'Roses tribute night

    Sab 1 dicembre Mister no

    Mar 4 dicembre MN e i contenuti speciali - omaggio a Frank Zappa

    Gio 6 dicembre Riverside (POL) unica data italiana!

    Ven 7 dicembre Metal Gang

    Sab 8 dicembre Bandaliga - tributo a Ligabue

    Sab 15 dicembre Merqury band - Freddie Mercury tribute

     

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl