Neilos in Concerto

31/ott/2007 01.49.00 megasoundmedia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
GIOVEDI' 1 NOVEMBRE
alle ore 22

Notte di balli e tamburelli con
l'electro folk dei
NEILOS

ANTONIO BEVACQUA, voice, zampogna, violin, organetto, flutes
PEPPINO FILIPPELLI, bandoneon
ANDREA FENU, voice and tamburello
ALESSANDRO CASTRIOTA, voice
GIUSEPPE FILIPPELLI, tamburello
ROBERTO PAPPARELLA, bandoneon


ingresso a sottoscrizione

 
 

www.neilos.it

www.myspace.com/neilosound

www.megasoundrecords.com

 

 

La transumanza era l’antico movimento dei nostri antenati,

i l   c a m m i n o   s c a n d i t o   d a l   p a s s o  d e l l e   s t a g i o n i :

dal mare alla montagna, dalla montagna al mare, in una danza ritmata da pioggia e sole, nuvole e vento. Transumanza, come cammino lento e silenzioso verso una terra migliore e dunque un altro futuro.

 

Neilos, il nome greco di San Nilo di Rossano, rimanda del resto a un tempo lontano, quando sulle coste ioniche della Calabria approdavano monaci bizantini e gente proveniente dalla Grecia e dai territori dell’Impero romano d’Oriente.

 

Tracce di quell’incontro, tra culture e tradizioni diverse, sono ancora evidenti in tutta la Sila Greca, ancora oggi ricca di musica e strumenti musicali popolari come la chitarra battente e la zampogna surdulina. In Transumanza, nuovo cd del gruppo Neilos con etichetta Megasound e con distribuzione Egea Music, queste tracce vengono amplificate e combinate con l’eco e i segni di altri incontri e soprattutto di altri suoni: i Neilos trasformano il folk in “electro folk” ed ogni concerto in una catarsi collettiva.

 

Transumanza, una danza antica, una danza di vita in un tempo in cui la vita era segnata dalla natura e dai suoi rigidi ritmi. Il disco è quindi il racconto di un viaggio, il viaggio di giovani di una terra del sud che ad un certo punto della loro esistenza hanno sentito l’esigenza di incontrarsi e di confrontarsi con realtà nuove e stimolanti, stimoli ed idee che però i Neilos mettono sempre a disposizione della loro terra.

Il disco spazia tra melodie tradizionali e originali, 13 brani che raccontano la Calabria di oggi e di ieri in modo originale e appassionato.

 

I Neilos nascono nel 2004 grazie all’opera di recupero e sviluppo della tradizione musicale e culturale cosentina del fondatore Antonio Bevacqua, che ha anche pubblicato il libro dal titolo “I Tamburi della Sila” (Edizioni Squilibri). Realizzano 3 cd, Viaggio nella Calabria Settentrionale (2004),  A riva il Polipo (2004) e Transumanza (2007).

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl