Thunder Road: finisce marzo con rock al femminile, Metal e Gem Boy...

25/mar/2008 21.10.00 THUNDER ROAD Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

CODEVILLA (PV) - Strada Torrazza Coste 1 - info 0383.373064  338.4959000 - www.thunderroad.it

 

 

 

Giovedì 27 marzo 2008

 

Lady Fest Night with...

Cherry Lips + Dissolutio + Dynamis

 

3 band, tutte al femminile nel giovedì del Thunder

Cherry Lips. Giovanissimo gruppo, completamente al femminile, che si presenta con il primo cd omonimo. La band capitanata da Stefania Parks (figlia del celebre scrittore Tim Parks) ha appena dato alle stampe il primo disco intitolato proprio “Cherry Lips”, cantato interamente in inglese.
L’album è composto da dieci canzoni originali che richiamano sonorità dell’hard rock più classico (Ac/Dc, Aerosmith, The Who) con il piglio sensuale ed aggressivo del rock al femminile. La band è attiva dal 2005 ma solo a fine 2007 si assesta sull’attuale formazione: Stefi (voce/chitarra), Karima (bass), Elisa (chitarra), Serena (batteria), tutte tra i diciannove ed i vent’anni di età.

Dissolutio. Le Dissolutio nascono in una fredda serata d'inverno del 2000 nella più classica delle cantine d'Italia, in mezzo a bottiglie di Sangiovese e conserve di pomodoro. Il nome del gruppo è un falso biglietto da visita, dietro ad una pedantesca classicità di facciata si cela una carica femminile che dai banchi del liceo (da qui il perchè dello strano nome) è arrivata fino al palco. Negli anni cambiano voce e chitarra ma non l'anima del gruppo. Ora la band è formata da Maya (voce), Karma (chitarra), Luna (basso), Rosa (batteria). Le quattro ragazze girano per l'Italia portando la loro musica.

Dynamis. Nasciamo col nome di Viledacs nell’estate 2007,da un’idea di Sara ed Eli. Cominciamo il nostro viaggio ai confini del mondo con cover(dalle Hole ai Nirvana a molti altri).Il nostro primo nome,nasce dalla mente malata della batterista,in seguito alla curiosa idea di Eli di utilizzare un mocho Vileda come asta x microfono,della quale eravamo(e siamo tutt’ora)sprovviste! Nel febbraio 2008 l’idea di cominciare a fare pezzi nostri: proviamo e salta fuori un pezzo che ha di tutto...Un minimo strana.Giusto quel tanto da farci cambiare nome e via. Ora siamo le Dynamis!(Si legge DUNAMIS!) Facciamo le cover del caso( da Psycho Killer dei Talking Heads a Retard Girl delle Hole) ma ci dilettiamo a proporvi anche pezzi nostri. Speriamo vi piacciano e speriamo ci verrete a sentire ogni tanto!:) Tanti saluti dalla casalinghe sperimentali.

Apertura porte h.21.00 - inizio concerti h.22.00



Venerdì 28 marzo 2008
 

Monsters of Rock 1992 reminding:

BLACK SABBATH/MEGADETH/TESTAMENT/PANTERA

sul palco Bloody sabbath, Axtra, Disciples(Sadist/Labyrinth), Still Fucking Hostile

 

Monsters of rock 1992 reminding.  Ecco il secondo dei quattro appuntamenti, organizzati dal Thunder Road, in collaborazione con Nadir produzioni, l'Associazione Culturale Magix Promotion e con la direzione Artistica di Trevor, storica voce de Metal Italiano, front-man dei SADIST, per ricordare le edizioni svoltesi in Italia del Monsters of Rock.

 

Era il 1980 quando Ritchie Blackmore, mitico chitarrista dei deep Purple, da lui fondati nel 1968 insieme all'energico tastierista Jon Lord, e successivamente dei Rainbow, decide di organizzare un festival estivo nel circuito motociclistico di Donington Park, meraviglioso anfiteatro naturale nelle Midlands orientali, circa 200 chilometri a nord di Londra. L'evento si svolse il 16 agosto di quello stesso anno e vi assistetterò circa 35.000 persone. Headliner furono gli stessi Rainbow di cui Ritchie era membro.

 

Il concerto fu un enorme successo e diventò ben presto il festival più importante del Regno Unito, arrivando a superare le 100.000 presenze nella drammatica edizione del 1988, dove, durante l'esibizione dei Guns'n'Roses, morirono due persone. Il festival riprese dal 1990 al 1996 e si svolse ancora una volta nel 2006.

 

Particolarità di quel festival, dove ogni anno si esibivano le migliori band rock e metal del momento, era il suo essere "itinerante": dal 1983 infatti in Germania, dal 1984 in Svezia e dal 1988 in Francia, Spagna, Olanda, Stati Uniti e Italia, e negli anni successivi anche in Argentina, Brasile e Bulgaria, le principali band effettuavano una sorta di "tournèe" mondiale per riproporre la "line-up" inglese.

 

Quattro edizioni del Monster of Rock ebbero appunto luogo anche in Italia, dal 1988, al 1992.

 

Noi vogliamo far rivivere, a tutti i nostalgici di quegli anni e, più in generale, a tutti gli amanti della scena rock, le emozioni di quegli anni, riproponendo, per 4 mesi, in occasione dell'ultimo venerdì del mese, una ad una le 4 edizioni nostrane del mitico festival. abbiamo iniziato il 29 febbraio, termineremo il 30 maggio...

 

Nel secondo appuntamento si ricreeranno le atmosfere di quello che fu definito l'edizione più pesante del festival, con 4 dei 5 gruppi headliner (gli Iron Maiden furono presenti sia in questa edizione che in quella del 1988 e l'esibizione della tribute band corrispondente sarà nel mese di aprile). 

 

Sul palco di Reggio Emilia, quel 12 settembre del 1992, si alternò l'heavy metal dei Black Sabbath, con la reunion voluta dallo storico chitarrista Tony Iommi, con Ronnie James Dio alla voce e Vinny Appice alla batteria, formazione che, fra l'altro diede vita nello stesso anno al massiccio album Dehumanizer, il thrash metal dei Megadeth, che pubblicavano quell'anno Countdown to Extinction, che apparvero in quella che venne definita come la forse miglior formazione (Mustaine, Menza, Ellefson, Friedman), l'heavy & thrash dei texani Pantera, dei fratelli Abbott, ai tempi dei mitici album Cowboys from Hell e Vulgar Display of Power, e dal thrash metal dei Testament.

 

A reinterpretare quelle atmosfere quattro fra le migliori tribute band italiane, da Roma i Bloody Sabbath (Black Sabbath), da Torino gli Axtra (megadeth), sempre da Torino gli Still Fucking Hostile (Pantera) e da Genova, a tributare i Testament, un supergruppo targato SADIST e LABYRINTH denominato Disciples (Alessio Spallarossa, batterista dei SADIST, Pier Gonella chitarrista dei LABYRINTH).

 

Come ogni festival che si rispetti, sarà la musica a farla da padrona, con quasi 4 ore di sano r'n'r per soddisfare i palatii più esigenti...

 

ecco il calendario delle prossime edizioni italiane del M.o.R.

 

Ven 25/4 edizione 1988:

IRON MAIDEN+KISS+HELLOWEEN+ANTHRAX

 

Ven 25/4 edizione 1988:

AC/DC+METALLICA+MOTLEY CRUE+QUEENSRYCHE

 

Ingresso â‚¬ 10.00

inizio concerti h.22.30 precise

02:00 Dj Fabiano

  

Sabato 29 marzo 2008

 

GemBoy:

la band che penetra...

 

Gem Boy. Il 14 Marzo Ã¨ uscito "Fisches", il nuovo album.
Da tempo dottori, scienziati e veterinari studiano il fenomeno Gem Boy, il gruppo che ormai e' sulla bocca di tutti come un herpes, venerato come una malattia venerea, idolatrato come una ciocca di Elvis e in vetta alle classifiche come Messner. Per la religione l'esistenza dei Gem Boy e' solo una superstizione, gli astrofisici li considerano una anomalia simile ai buchi neri di cui il gruppo e' ghiotto, i razionalisti non vogliono sentire ragioni, il mostro di Lochness li ha fotografati ma sono venuti un po' mossi, e perfino i militari continuano a negare di averli catturati, nascosti nel deserto del Nevada e costretti a esperimenti scientifici per scoprire il segreto del loro fascino extraterrestre.
Goliardia, demenzialità, neo-trash sono tutte definizioni riduttive per questo disco che sfugge a ogni tentativo di catalogazione.

Leggero nei contenuti ma al tempo stesso coinvolgente e professionale nei suoni.
 
Ci credete al destino? Quante volte vi siete fermati a riflettere sull'ordine degli eventi che vi hanno portato a compiere determinate azioni e a conoscere alcune persone piuttosto che altre?

Se ripercorrete con noi la storia dei Gem Boy scoprirete infatti che è tempestata di una serie di piccole combinazioni che "per un semplice caso" (per alcuni) o "per un gioco magico" (per altri) ha portato la band ad essere la realtà musicale di oggi.

Se volete capire esattamente come sono andate le cose, bisogna fare un bel tuffo nel passato. Era il 1988 quando Carlo, finito l'istituto d'arte in maniera rocambolesca, si mise in cerca di un lavoro. La sua forte passione in quel periodo erano i videogames, passione per la quale riuscì ad essere assunto a Bologna presso la cartoleria "Sterlino". Questo negozio fu cruciale perché gli permise di conoscere il pazzo amico Madda, che a sua volta gli presentò il tastierista Giacomo.
Dal 1990 Carlo cominciò sempre più spesso a frequentare Giacomo e la sua cerchia di amici. Spesso si trovavano a casa di Giacomo, il quale mentre strimpellava sulla tastiera, Carlo cazzeggiava scrivendo canzoni che prendevano per il culo gli amici (Madda ovviamente era la vittima preferita), nacque così la prima schifezza "AMICI FIDATI" (1992). E proprio su quella copertina disegnata con un pennarello che Carlo scrisse per la prima volta il nome "Gem Boy". Una tastiera con delle basi, un registratore portatile e un microfono, questa era la semplice formula del duo, formula che dopo le risate riscontrate nella compagnia, venne riproposta con la seconda cassetta dal titolo "SAPPIAMO NOI" (1993). La tecnologia andava avanti e le tastiere e i suoni MIDI anche, quindi i Gem Boy non stettero con le mani in mano e si attrezzarono. Fu in quel periodo che Carlo, tramite sempre conoscenze nate dal negozio Sterlino, conobbe Davide che allora suonava a tempo perso la batteria in un gruppo. Il fatto che Davide avesse una saletta adibita al "casino" con tanto di batteria portò Carlo a proporgli una sorta di incontro musicale. E così in un caldo pomeriggio in quella che sarebbe diventata la sala prove dei Gem Boy, per la prima volta suonarono assieme Carlo Giacomo e Davide. Da cosa nasce cosa, il nuovo trio era sempre più affiatato e dopo un sacco di serate passate nei Karaoke di Bologna a cantare le canzoni sconce che scriveva Carlo, venne registrata la terza cassettina (chiamarlo demo-tape era ancora un eufemismo) "CAUTELATEVI" (1994). Quello che era nato come gioco si faceva sempre più passione e i Gem Boy cominciarono a mettersi alla prova componendo anche qualche pezzo interamente loro. "La mia donna è un'estetista" fu la prima, poi a seguire molte altre tra cui "Voglio farla finita", pezzo con cui si esibirono per la prima volta al concorso San Romolo e li fece arrivare secondi. Un mix tra brani inediti e cover rifatte venne proposto nella quarta cassettina "SFIGBUSTERS" (1995). Questa serie di conferme diede fiducia alla band e nonostante fosse un trio che si esibiva suonando su delle basi, partecipò con grande successo alla rassegna musicale "Emergenza Rock" che li portò ad essere conosciuti al pubblico bolognese e a trovare le prime date nelle feste di paese di Bologna e dintorni. Più volte capitò di suonare con i "Rinascimento", gruppo di Bologna che proponeva cover e brani loro. Tale band non essendo più tanto affiatata vide la scissione di Alex (batteria) e Siro (basso).
Pensate che decisero di suonare con i Gem Boy perché sostenevano fosse un gruppo serio... ovviamente si riferivano allo spirito con cui si affrontavano le cose. Ora finalmente i Gem Boy erano una vero gruppo. In quello stesso periodo Carlo lavorava presso l'Italgas, società in cui spesso e volentieri, avendo poco da fare su quella scrivania, scriveva canzoni. La sua mente malata concepì miriadi di brani, una su tutte la celeberrima "Orgia Cartoon". Era il 1996 quando venne registrato il demo-tape omonimo "ORGIA CARTOON". La Gem Boy mania cominciò a dilagare, le richieste in tutta Bologna erano sempre di più, sulla scia di questa nuova notorietà ci fu la prima esperienza Discografica "IL TRIANGOLO NEI BERMUDA" dove i Gem Boy per la prima volta si illusero del successo. Il batterista Alex temendo di non riuscire a reggere il ritmo di un gruppo che pareva fosse lanciato chissà dove, diede forfait. E durante la preparazione di questo disco ci fu presentato Max dallo stesso nostro discografico di allora. Quando si presentò questo enorme timidone i GB non seppero che pensare, ma poi la sua bontà e la sua tenerezza li ricompensarono. I GB rimarranno con questa formazione per altri 4 anni. "IL TRIANGOLO NEI BERMUDA" fu un flop, brani brutti musicalmente e poco divertenti rispetto alle cover che la gente continuava a richiedere sempre più spesso. Un po' avviliti da questa esperienza, i GB riprendono la vecchia strada lasciata con i demo tape di cover, proponendo una cassetta che li autocelebrava: "GEM BOY" (1997) in cui era presente quella che doveva essere la Orgia Cartoon 2, che poi Carlo battezzò "Feccia Cartoon". In questo periodo compare anche un personaggio di nome Sdrushi, compagno di università di Davide, che comincia in sordina a collaborare con il gruppo mettendo a disposizione le sua capacità di elaboratore del suono. A seguire arrivò un altro demo-tape: "F.I.G.A." (1998) Cassetta che conteneva numerose hit di cui tutt'ora vengono riproposte come "Non dire mai" "Il babbo permissivo" e il "Grande Prato". Lo Sdrushi in questo caso fa le sue prime prove di mixaggio. Alle sogliole del 2000 per i Gem Boy avvenne una sorta di svolta artistica un po' per il dilagare ormai della tecnologia economica, l'Hard Disk Recording essendo sempre più accessibile e facile da utilizzare permise di ottenere risultati al di sopra di ogni aspettativa, un po' per il bagaglio di esperienza notevole che la band si portava dietro e un bel po' perché Carlo infilò una dopo l'altra le cover che li avrebbero resi celebri. Furono gli anni in cui vennero sfornate due chicchine di demo-tape "THE GEM BOY'S BITCH PROJECT" (2000) e "PLAGEZ" (2001).
Tecnologia voleva dire anche mp3, un formato di musica compressa che diede modo al gruppo bolognese di farsi conoscere, senza che se ne rendessero conto, in tutta Italia.
Era incredibile come senza alcuna pubblicità, senza che nessuno li avesse mai visti in faccia, riscontrassero tanto successo tra i giovani che cantavano già a memoria tutte le canzoni.
Purtroppo non erano tutte rose e fiori, il successo portò il gruppo a dover sostenere dei ritmi che non permettevano altri lavori. Carlo, Siro e Max si licenziarono dai loro rispettivi lavori, mentre Davide studente cominciò sempre più spesso a trascurare gli studi. L'unico che non prese mai una decisione definitiva e non teneva il ritmo del resto del gruppo fu il tastierista Giacomo. Questo portò ad uno sbilanciamento che si risolvette con la sostituzione di Giacomo con Marco. Marco già amico di Carlo, presentatogli dalla sua ex, nonostante fosse diplomato in tromba suonava spesso le tastiere facendo piano bar e la sua simpatia e il suo umorismo in linea con lo spirito dei GB di quel tempo, gli fece arrivare all'orecchio la malsana proposta di fare parte dei Gem Boy, il quale colse la palla al balzo accettando con entusiasmo. I gruppo era di nuovo unito e ripartì pieno di buoni propositi.
Con questa formazione, tentennando non poco, si decise di realizzare l'album "INTERNETTEZZA URBANA" (2002), un omaggio al mondo di internet, che racchiudeva numerosi testi estratti dal popolo anonimo della rete. L'esperimento nonostante non avesse nessuna aspettativa riuscì benissimo e ne furono vendute 15 mila copie. Il gruppo bolognese era sempre più in ascesa, le responsabilità e gli impegni aumentarono, i ragazzi cominciarono a sentire il peso delle varie cose da gestire e ognuno voleva dire la propria senza allo stesso tempo sentirsi comandare. Le differenze di carattere e le divergenze di idee portarono ancora una volta ad una frattura invisibile allo spettatore.
Continuavano a far divertire, ma il loro vecchio rapporto d'amicizia si era tramutato in una semplice routine tra colleghi. E così nel gennaio del 2003 Davide (chitarrista) e Siro (bassista) annunciano la loro separazione dai GB.
Ancora una volta i GB si trovano a dover rivoluzionare la formazione. Ma Max e Carlo coadiuvati dallo Sdrushi non demordono, preparano i pezzi per un nuovo album e, dopo aver provinato alcuni musicisti, si innamorano di due ragazzi di Modigliana (FC) J.J.Muscolo e Denis. Da li a poco nasce il progetto "Gem Boy Light" e in sordina viene fatta qualche serata di rodaggio in piccoli pub con una scaletta tutta nuova (da cui è poi sono stati poi estratti nei live ufficiali brani come "Pedalò" o "I film porno sono tutti uguali") . Il 13 Settembre 2003 Davide e Siro lasciano ufficialmente il gruppo per andare a fare altro e vengono sostituiti da J.J.Muscolo e Denis.
Per alcuni questo cambiamento è la fine dei Gem Boy per altri la rinascita per altri ancora solo un ennesimo cambiamento di formazione. Fatto sta che il nuovo gruppo con il 2004 si autoproduce ancora una volta un album dopo un periodo di gestazione durato più di un anno. "SBOLLATA" il disco che rappresenta una voglia di rivincita, una svolta a livello musicale e una conferma a livello di testi divertenti.
Il resto è storia d'oggi

 

 www.gemboy.it

 

Ingresso â‚¬ 8.00

 

01:00 Dj Fabiano - ingresso â‚¬ 3,00

 

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI

 

Gio 3 aprile Thunder Rock League

Ven 4 aprile Modena City Ramblers

Sab 5 aprile Millennium+AmbraMarie band

Dom 6 aprile Thunder Metal Day: NECROART+Pulvis Et Umbra+Deimos+lack Spiral+Blood Sweat And No Tears+Elven

Mer 9 aprile Arena (GB)

Gio 10 aprile Thunder Rock League

Ven 11 aprile h.14.00: presentazione del libro "Per prendersi una vita" di Max Pezzali - incontro con l'Autore

Ven 11 aprile h.22.00 The Dub Sync (Madaski+Papa Nico+Paolo Baldini from Africa Unite)

Sab 12 aprile Bandaliga - tributo a Ligabue

Dom 13 aprile MondoMarcio

Mer 16 aprile Gabriel Delta & the Hurricanes

ven 18 aprile Giuliano Palma & the BlueBeaters

Sab 19 aprile  Depeche&Cure Party night! Sneakers+Seventeen Seconds

Dom 20 aprile  ELP tribute

Gio 24 aprile Gli Atroci

Ven 25 aprile Monster of Rock 1988 Reminding: IRON MAIDEN, KISS, HELLOWEEN, ANTHRAX tribute

Sab 26 aprile Disco Inferno

Dom 27 aprile Orquestra4 special guest OTTODIX

 Mer 30 aprile Le Vibrazioni

Ven 2 maggio Baustelle

Sab 3 maggio Mister No

Dom 4 maggio Orquestra4 special guest CAMINADA

ven 9 maggio Tonino Carotone & gli Arpioni

Sab 10 maggio Merqury Band

Dom 11 maggio Orquestra4 special guest YUMIKO

ven 16 maggio Caparezza

Dom 18 maggio Prog Festival: Ritual+Tangent+Beardfish

Dom 25 MAGGIO Orquestra4 special guest FRANCESCO C

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl