=?UTF-8?B?TGEgVGVuZGEgLSBNb2RlbmEgLSAyICBBcHJpbGUgMjAwOCAtIFN0ZWY=?= =?UTF-8?B?YW5vIFRhc3NpbmFyaSBwcmVzZW50YSBpbCBsaWJybyDigJxJbCB2ZW50byBjb24=?= =?UTF-8?B?dHJv4oCd?=

01/apr/2008 11.00.00 La Tenda - Modena Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Mercoledì 2 Aprile ore 18,30


/La Tenda/



Stefano Tassinari


/presenta:/
“/Il vento contro/”


Marco Tropea Editore

coordina l'incontro Alberto Bertoni scrittore, poeta e ricercatore
dell'Università di Bologna

/Ingresso gratuito/


Continua il mini ciclo intitolato "Book presenta", con il secondo
appuntamento dedicato a Stefano Tassinari e al suo ultimo libro “Il
vento contro”.


Il vento contro

Nell'autunno 1943, in un campo partigiano dell'Alta Loira, quattro
militanti trotskisti vengono trattati come prigionieri da partigiani di
stretta osservanza stalinista. Tra loro c'è anche Pietro Tresso, detto
Blasco, amico di Antonio Gramsci e uno dei fondatori del Partito
Comunista d'Italia. Inizia qui la vicenda narrata da Stefano Tassinari,
attraverso l'uso di fonti storiche e documentali. Senza mai rinunciare
alla dimensione letteraria, l'autore ricostruisce gli ultimi sette
giorni di vita di Blasco e dei suoi tre compagni, sulla cui sorte si
compirà, nel corso dei decenni successivi, una delle peggiori e
colpevoli opere di rimozione mai pianificate dalla componente stalinista
del comunismo. Tra un capitolo e l'altro di quelli dedicati alla vicenda
principale, Tassinari ne inserisce altri, ambientati tredici anni prima,
e incentrati sul lungo e clandestino rapporto di Tresso con la sua
compagna di vita Barbara. Attorno alle loro esistenze ecco comparire
personaggi reali frequentati dalla coppia: il surrealista e
rivoluzionario Pierre Naville, lo scrittore Ignazio Silone, Leone
Trotsky e tanti altri. Tra verità e finzione romanzesca, tra sentimento
e impegno civile, Il vento contro è l'inedito racconto di una pagina
dimenticata della nostra storia recente.


Stefano Tassinari

Stefano Tassinari è nato nel 1955 a Ferrara e vive a Bologna. Ha
pubblicato romanzi e libri di racconti, tra i quali ricordiamo “All'idea
che sopraggiunge” (Corpo 10 1987), “Ai soli distanti” (Mobydick 1994),
“Assalti al cielo” (Calderini 1998, Perdisa 2000), “L'ora del ritorno”
(Marco Tropea Editore 2001), “I segni sulla pelle” (Marco Tropea
Editore, 2003) e “L'amore degli insorti” (Marco Tropea Editore 2005),
nonché il Cd letterario "Lettere dal fronte interno" con musiche di
Roberto Manuzzi e Mauro Pagani (Mobydick 1997). Autore di testi teatrali
e di programmi culturali per Radiorai Tre, scrive di letteratura su
quotidiani e riviste. Suoi testi sono presenti in una decina di volumi
collettivi e sono tradotti e pubblicati in quattro lingue. Il suo ultimo
romanzo, intitolato “Il vento contro” (Marco Tropea Editore) è uscito a
febbraio 2008.

L'iniziativa è promossa dall'associazione L'Asino che Vola

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl