Tonino Carotone e gli Arpioni al Thunder!

06/mag/2008 17.10.00 THUNDER ROAD Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

CODEVILLA (PV) - Strada Torrazza Coste 1 - info 0383.373064  338.4959000 - www.thunderroad.it

 

 

 

Giovedì 8 Maggio 2008 Rock School Band

Venerdì 9 maggio 2008 Tonino Carotone e gli Arpioni. Opening: Fetish Calaveras

Sabato 10 maggio 2008 Merqury Band - tributo ai Queen

Domenica 11 maggio 2008 Orquestra4 - terza semifinale special guest: Yumiko

------------------------------

Giovedì 8 Maggio 2008

Rock School Band

Saggio finale / Esibizione delle band della Civica Scuola di Musica di Voghera

suoneranno:

 

ABRAVIA. Sganga Leonardo, Dallera Alessandro, Salvatico Marco, Mesenasco Francesco, Suciu Cezara Ivona, Viscardi Vincenzo
CASH BOX. Cosi Elia, Guagnini Davide, Giampà Pietro, Barbieri Matteo, Brizzi Matteo, Cipullo Raffaele
HOPKINS. Di Gregorio Dario, Callegari Jonathan, Moroni Carlo, Torti Marco, Spianelli Laura
CADGERS. Rattà Alberto, Fiori Tommaso, D'Ettole Stefano, Lo Presti Eliana, De Carli Irma
 

 

Ingresso libero

inizio concerti h.21.00

 

Venerdì 9 maggio 2008

Tonino Carotone e gli Arpioni.

'E' un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto'

Opening: Fetish Calaveras

 

Tonino Carotone e gli Arpioni. Un personaggio già "culto" che non ha bisogno di presentazioni. Il nohttp://www.youtube.com/watch?v=7tkLc2npBZg&feature=relatedme d'arte è un omaggio a Renato Carosone che stima prima di ogni altro. Anche membro dei Radiobemba dell'amico Manu Chao che lo chiama "Maestro".

 

Tonino carotone, pseudonimo di  Antonio de la Cuesta, ha trascorso l'infanzia e gran parte della sua giovinezza a Pamplona. Da sempre innamorato della musica italiana, arriva in Italia la prima volta nel 1995 con altri disertori renitenti alla leva spagnola. Risiede in Spagna, a Barcellona, dove è possibile incontrarlo nei bar bevendo e chiacchierando con la gente.

 

Nel 2000 ha trovato il successo in Italia con il brano Me cago en el amor presente nel disco Mondo difficile. Nel 2003 è tornato a far parlare di se con l'album "Senza Ritorno". Successivamente ha partecipato, comparendo in due canzoni, al disco "Malacabeza", del gruppo bergamasco degli Arpioni (2005). Nel 2006, insieme allo scrittore Federico Traversa, ha scritto il libro "Il Maestro dell'Ora Brava".

 

Antonio de la Cuesta cresce nel quartiere popolare di Rotxapea, a Pamplona, prima di trasferirsi nel vicino distretto di Barañain. Da ragazzo lo chiamano Toñin e da musicista diventa Tonino. Quando ha 7 anni gli regalano una chitarra troppo grande perché lui riesca a suonarla, così continua a fare le cose che fanno tutti i bambini: mangiare biscotti, ascoltare la radio e guardare la tv asssimilando con grande facilità le musiche degli spettacoli televisivi e degli spot pubblicitari di peggior gusto. Nei primi anni ’80, grazie a un gruppo di buontemponi punk della sua città, nasce il gruppo Cagando Duro, di cui Toñin è batterista prima di confluire nei Tijuana In Blue, una band che si crea un nutrito stuolo di fan ma che si scioglie all’improvviso. Dalle sue ceneri, Toñin crea una nuova formazione, Kojòn Prieto y los Huajolotes, che propone rancheras e norteñas messicane e che lo vede impegnato alla voce e all’armonica.
Con questa band Toñin inizia a comporre le prime canzoni e, sebbene gli intenditori di musica messicana inorridiscano, gli spettacoli live del gruppo cominciano a raccogliere consensi che vanno ben oltre la sfera locale. Toñin compone la prima hit, “Insumision” (“Renitenza alla leva”), ispirandosi alla propria esperienza personale; durante l’anno passato in carcere come obiettore totale al servizio militare impara finalmente a suonare la chitarra.
Poi, a Granada, incontra Manu Chao e inizia con lui una collaborazione sempre più stretta. Intanto nel pullmino dei Huajolotes si ascoltano i dischi di Luis Aguile, Trini Lopez, Peret e dei cantanti italiani come Mina, Adriano Celentano, Rita Pavone, Albano & Romina. Toñin diventa Tonino Carotone (in omaggio al nostro Carosone) dopo essere stato per la prima volta in Italia nel 1995 e nel 1998, trasferitosi a Barcellona, riprende a lavorare con Manu Chao. Poi pubblica un singolo fortunatissimo come “Me cago en el amor” e il relativo album MONDO DIFFICILE, conquistando quell’Italia a cui si è sempre ispirato. Il disco nel nostro Paese vende più di 70.000 copie, cosa che gli fa pensare di poter insistere: dopo tre anni, il ragazzo di Pamplona pubblica un album intitolato SENZA RITORNO, lanciato dal singolo “Un ragazzo di strada”, cover version (in italiano) di una bellissima canzone dei Corvi (1966). E c’è anche l’intensa “Storia d’amore”, che fu di Celentano, in versione vagamente spagnoleggiante.

 

Gli Arpioni. Gli Arpioni sono un collettivo musicale composto, tra musicisti e staff, da più di dieci elementi, nato nel 1990 a Bergamo. Quasi subito iniziano la loro attività live, esibendosi nelle situazioni più diverse facendosi apprezzare soprattutto dagli amanti dello ska. Di quel periodo resta la loro partecipazione alla compilation SKANDALO AL SOLE (Vox Pop 1993), la prima compilation di ska italiano.
Nel '95 la formazione cambia e il nuovo nucleo, che vede tra l'altro l'arrivo di KINO alla voce, autoproduce il primo cd “PAPALAGI”. Ben presto comincia il sodalizio con GRIDALO FORTE RECORDS, etichetta romana indipendente che nell'inverno '98 produce “IN MEZZO AI GUAI”, secondo lavoro degli Arpioni e ristampa il cd “PAPALAGI”. Continuano i concerti in giro per l'Italia e per l'Europa, nasce il legame speciale con i Paesi Baschi che li porta ad incidere una versione italiana di “Insumision”, un brano del gruppo basco KOJON PRIETO Y LOS HUAJOLOTES, che porta la firma di tale Antonio De La Cuesta, noto ai più come TONINO CAROTONE.
Nel febbraio del '99 MR. LAUREL AITKEN, infaticabile vocalist conosciuto in tutto il mondo come THE GODFATHER OF SKA, li vuole come band per la sua tournè italiana.
Nell'estate del '99 registrano al Katarain Estudio di Azkarate (Euskadi) il loro terzo disco “UN MONDO IN LEVARE”. Il cd, come già il precedente, è prodotto da KAKI ARKARAZO ex chitarrista dei NEGU GORRIAK, apprezzato produttore ed ingegnere del suono che ha lavorato con MANU CHAO, AMPARANOIA, FERMIN MUGURUZA, solo per citare alcuni nomi. Verranno raggiunti in studio proprio da Tonino Carotone che avendo apprezzato la versione di “Insumision” li vuole conoscere e gli regala la sua partecipazione nel disco con il pezzo  â€œMonkey man in Mexico”.
 

 

Ingresso â‚¬ 12,00

inizio concerti h.23.00

01.30 Fabiano DJ

 

Sabato 3 maggio 2008

Merqury Band

 

Merqury Band Tributo ai Queen con la cover band più fedele in assoluto riguardo a voce, presenza scenica, movenze e costumi. Un cast di 4 musicisti polistrumentisti e cantanti bravissimi, con il frontman Ferdinando, fotocopia di Freddie, che durante lo show indossa vari costumi sfoggiando nel finale il celebre mantello con corona. Una serata indimenticabile attraversando i percorsi musicali dei mitici Queen. Il gruppo nasce grazie all'incontro avvenuto nel 1997 tra Ferdinando Altavilla e il duo musicale formato da Fabrizio Palermo e Danny Conizzoli. Tra loro nasce subito una perfetta intesa supportata da una irrefrenabile passione per una leggenda: la musica dei QUEEN... Le collaborazioni tra questi tre artisti si fanno sempre piu' frequenti fino a creare, grazie all'avvento del chitarrista Cristian Comizzoli ed il batterista Marco Ferranti, la band definitiva 

 

Era il 15 Novembre 2001:Al Propaganda di Milano nasceva ufficialmente la MERQURY Band.

Con l'estate 2005 Fabrizio intraprende la propria strada come musicista fisso di Marco Masini. Questo non ferma la band che, spinta dalla passione che accomuna tutti i fans del quartetto inglese, riesce comunque a proseguire con entusiasmo il proprio percorso.

Ferdinando Altavilla, Danny Conizzoli, Marco Ferranti e Cristian Comizzoli hanno eseguito centinaia di concerti in tutto il territorio italiano, con importanti tappe anche all'estero. Grazie alla polivalenza strumentale ed all'ottimo impatto corale, la Band riesce a riprodurre con grande fedelta' le magiche melodie ed atmosfere che accompagnavano la fantastica voce di Freddie. L'attrazione verso la musica dei Queen li ha inoltre portati a creare anche uno spettacolo teatrale che ripropone fedelmente la storia musicale e le scenografie di questa fantastica Band. In queste occasioni non mancano sul palco insieme a loro grandi amici musicisti che, con grande personalita', aggiungono un tocco di finezza alle esibizioni. 

 www.merquryband.it - www.myspace.com/merquryband 

 

 

Ingresso â‚¬ 7.00

inizio concerto h.23.30

01.30 Fabiano dj

 

 

 

Domenica 11 maggio 2008
Progetto Orquestra - The Factory of Rock Intention

presenta

terza semifinale - Orquestra4

La debole cura - Underwell - The Ritual 

special guest: YUMIKO

 

 

Yumiko. Yumiko è un progetto elettro/pop che nasce a Padova nel febbraio 2001. La formazione embrionale vede Paolo Larese (voce, chitarre) e Gianni Gottardo (drums, synth, programmazione). Le prime produzioni sono direttamente legate alle influenze ed ai background culturali dei due componenti: Depeche Mode, Massive Attack, Cure, Bjork, Archive, Notwist etc. Presto si aggiungono alla formazione Cristian Milani (chitarre, synth, tastiere, cori, programmazione), Filippo Testolina (bassi). Alla formazione ufficiale così composta, si affiancherà Giulio Farigliosi (keyboards, synth, programmazione), musicista di estrazione classica, che contribuisce attivamente sia in fase compositiva sia durante le performance live del gruppo. L’identità della band si definisce sin dai primi passi con la formazione completa: il primo nome del gruppo è "Fujiko", e nelle composizioni si fa strada prepotente l'originalità del suono, con una sapiente fusione di programming e suoni elettronici da un lato, chitarre e climi graffianti tipici di un background più rock dall’altro. La promettente alchimia creativa dei musicisti non tarda a farsi sentire: dopo meno di un anno dall’incontro, la band entra in studio per quello che sarà un lungo periodo di preparazione e di successiva incisione del suo primo demo, sotto l'attenta produzione di Cristian Milani (già direttore artistico dell’etichetta “Cyclope” di Carmen Consoli, Mario Venuti, Moltheni, Flor etc.) e Stefano Pivato (anch’egli produttore, nonché violinista negli estAsia) L’EP d’esordio che ne scaturisce, benché autoprodotto, si dimostra essere un lavoro ricco ed attento. Ora la band si sente pronta a calcare il palco ed intraprende una serie di date, che sanciscono da subito un ottimo riscontro di critica e di pubblico. E’ questo il periodo dei primi promettenti risultati per Fujiko: • Nel Giugno 2002 vince il concorso live regionale Dakota-live; • Nel Febbraio 2004 vince il concorso live indetto dalla rivista RockIT alle cui selezioni partecipano oltre 200 band da tutt’Italia; ciò permette alla band di esibirsi al M.E.I. edizione ’04. • Partecipa a numerosi festival di carattere nazionale (NEL NOME DEL ROCK, Roma - Luglio 2004; SHERWOOD FESTIVAL, Padova - Luglio 2004; ZONA ROCK FESTIVAL, Giugno 2005; etc) • è tra i 10 gruppi scelti dalla rivista MUSICA! di Repubblica tra oltre 550 candidati da tutt’Italia come finalista per Arezzo Wave; • partecipa per altre due volte alle selezioni di Arezzo Wave, e ed entrambe le volte arriva in finale. Nel Gennaio 2006 Fujiko incontra Fabrizio Consoli ed Antonio Tesoro e firma un contratto discografico con l’etichetta indipendente BlackCoffee Records. Di comune accordo con la produzione il nome del gruppo cambia in YUMIKO, e sotto la rinnovata identità nell’estate 2006 la band si trasferisce a Bologna per registrare il primo album sotto la direzione artistica di Roberto Vernetti (Aeroplanitaliani, Elisa, Delta V, La Crus, etc), con il contributo di Mauro Andreolli. Il 18 gennaio 2008 vede l’uscita del singolo d’esordio “Lividi” e del relativo videoclip. Proprio questo brano attira l’attenzione di Ninfa, che decide di farne un remix, che viene pubblicato assieme al singolo. L'album Lividi è uscito il 22 febbraio 2008. 

ingresso libero

apertura porte h. 21.00

inizio concerti h.22.00

 

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI

 

gio 15 maggio Rock School Band

ven 16 maggio Caparezza

sab 17 maggio Divina

Dom 18 maggio Prog Festival: Ritual+Tangent+Beardfish

Ven 23 maggio from Senegal: Coumba Gawlo

Sab 24 maggio Rad1

Dom 25 maggio Orquestra4 special guest FRANCESCO C

Gio 29 maggio Night of the Voices

Ven 30 maggio Gamba de Legn

Sab 31 maggio Rustless - Start from the Past tour 2008 + Dirty Dolls

Dom 1. giugno Fabri Fibra - Bugiardo tour 2008

Sab 7 giugno Festa di fine Stagione 2007 / 2008: tributo a System of a Down + Slipknot

Sab 14 giugno Finalissima Orquestra4

In quei giorni si rafforza un sodalizio che dura tutt'ora.Gli Arpioni saranno il primo gruppo a portare in Italia il brano “Me cago en el amor”, tormentone radiofonico dell'estate 2000 e lo accompagneranno come backing band nella tourné italiana. Da questa amicizia nasce la collaborazione tra Kino e Tonino che li porterà a scrivere a quattro mani “La festa del raccolto”, brano simpaticamente antiproibizionista, presente nel cd  â€œMONDO DIFFICILE”, l'album di Tonino che vende ben 70.000 copie in Italia.
Nel settembre 2001 esce il quarto disco degli Arpioni “BUONA MISTA SOCIAL SKA", raccolta di brani della tradizione musicale italiana, riarrangiati in chiave ska. Il cd celebra i 10 anni di attività del gruppo, un lavoro di transizione che guarda indietro reinterpretando la tradizione in maniera affatto banale, fresca ed accattivante.
Nel maggio 2005 arriva l'attesissimo ultimo disco "MALACABEZA" (Alternative Produzioni / Venus) un cd improntato sulla varietà dei generi proposti, dallo ska ovviamente, passando per i ritmi latino americani per poi tornare alla tradizione musicale nostrana. I testi, come al solito, sono importanti, con un' attenzione particolare al mondo del lavoro e del precariato. Si parla di amore, dell'Italia e degli italiani, di paure e frustrazioni. Oltre quella 'consueta' di Tonino, c'è la partecipazione di numerosi amici, tra i quali Roy Paci, Valerio Mastandrea e Stefano Rosso.  Se girando in Europa vi dovesse capitare di rovistare tra i dischi ska di qualche negozio, facilmente troverete un disco degli Arpioni. Ultimamente poi è nato un 'ponte' di collaborazione con il Giappone e con altri paesi extraeuropei ed ora anche qui è possibile trovare i loro dischi. Non vi resta che venirli a conoscere nella dimensione a loro più congeniale, quella dal vivo.
Fetish Calaveras. Il gruppo musicale "Fetish Calaveras" nasce a Savona nell’aprile del 2002, riunendo quattro musicisti provenienti da altrettante diverse ed opposte esperienze musicali tra cui Michele Olmo - Kike Calavera chitarrista e Gabriele Resmini - Mr. Corto Calavera, voce leader della band; da questo imprevedibile miscuglio è nato quel particolare sound che lo stesso gruppo ha definito “deadabilly rock’n’roll”.
I Fetish Calaveras infatti hanno tratto ispirazione per il loro nome e per la loro storia dalle coloratissime e chiassose feste messicane del 2 novembre, legate profondamente alla cultura del Fandango messicano dove i protagonisti sono le calaveras, pupazzi dalla forma di scheletri vestiti a festa con fiori e coloratissimi abiti folkloristici; infatti, sul palco rappresentano tanti diversi personaggi legati insieme da un allegro e rockeggiante patto musicale con la muerte, contrapponendo temi crudi di vita reale all’allegria di linee melodiche naif.
I loro concerti sono dei veri e propri spettacoli che, richiamando fortemente il rock'a billy anni '60, si contaminano del più attuale psycho billy, divertente motore per far scatenare il pubblico sempre crescente ad ogni show.
Grazie al loro forte impatto sul pubblico ed alla loro curatissima immagine sono stati scelti da Alberto Camerini, il famoso arlecchino del rock’n’roll e dagli Skids’o’Plastix per due loro concerti nell’agosto e nel dicembre 2003.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl