FESTIVAL DELLE ARTI (21-25 LUGLIO)

12/lug/2008 15.10.00 Elisabetta Castiglioni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

       



II FESTIVAL DELLE ARTI

Rassegna dell’Estate Romana 2008, realizzata con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma

Cinema, Musica, Teatro

dal 21 al 25 luglio 2008

Parco Y. Rabin (Villa Ada) Via Panama, 23 - 00198 Roma

Ingresso libero

All’interno del suggestivo Parco dedicato a Yitzhak Rabin, ponte di collegamento tra via Panama e Villa Ada (zona Parioli-Salario) per la prima volta l’estate romana ospiterà un’iniziativa multiartistica dedicata al quartiere e alla città. Giunta alla sua seconda edizione (l’anno scorso era stato ospitato da Villa Leopardi), il Festival delle Arti, evento organizzato dalla Scuola di Musica Ciac in collaborazione con il Teatro di Ribalta, quest’anno ospiterà cinque giorni di Cinema, Musica e Teatro all’insegna della godibilità e piacevolezza. Davanti ad un palco che ospiterà teatro e concerti di jazz e, la serata dell’inaugurazione, anche la proiezione su schermo della celebre pellicola dedicata a Charlie Parker, “Bird”, saranno allestiti sedie e tavoli e, in collaborazione con il punto di ristoro del parco, sarà possibile accompagnare la propria serata con sfizi e aperitivi.

Dal concerto del quintetto di Enrico Ghelardi “Boptet”, che aprirà la rassegna, alla prima de “Il minotauro”, una rilettura del celebre mito firmata da Andrea Camerini, tra suoni d’orchestra live e monologhi d’autore, il programma prevede anche uno spazio dedicato ai bambini con uno spettacolo sui rifiuti riciclati, un interessante viaggio teatrale tra reale e fantastico nei dintorni di Roma, un momento acustico con elementi popolari ed etnici dai colori Mediterranei, presentato dal noto chitarrista Giovanni Palombo e dal suo “Icarus quartet” ed un gran finale interattivo con il pubblico con una serata musicale che ripercorrerà i maggiori successi dell’epoca dei più grandi interpreti come Donna Summer, Earth, Wind & Fire, Diana Ross, Chic, The Jackson Five, Kool And The Gang, The Village People, Amy Stewart, Blondie, Gloria Gaynor e tanti altri ancora.

Infoline: 06 3225044 – promo@elisabettacastiglioni.com

Ufficio Stampa: Elisabetta Castiglioni
Tel/Fax 06 3225044 - Cell 328 4112014
elisabetta@elisabettacastiglioni.com
www.elisabettacastiglioni.com



IL CALENDARIO

LUNEDI 21 LUGLIO 2008

ORE 20.30
Sezione Cinema & Musica
CONCERTO: ENRICO GHELARDI BOPTET
ENRICO GHELARDI sax baritono
GIAMBATTISTA GIOIA flicorno
GIORGIO CUSCITO pianoforte
STEFANO CANTARANO contrabbasso
MAX DE LUCIA batteria
La musica del gruppo capitanato dal sax baritono di Enrico Ghelardi riprende, sia negli arrangiamenti degli standards che nelle composizioni originali, elementi del cool jazz anni ’50, evitando la semplice riproposizione e l'intento didascalico.
Del gruppo fanno parte, oltre al leader, Giambattista Gioia al flicorno, Giorgio Cuscito al piano, Stefano Cantarano al contrabbasso e Max De Lucia alla batteria.
Il quintetto ha registrato per l’ etichetta ISMA il CD “ The Cool is hot”, e per la BARVIN il recente “ My jazzin’ soul”

ORE 21.30
Sezione Cinema & Musica
FILM: BIRD di Clint Eastwood
Charlie Parker, il più grande sax della storia del jazz, si porta dietro il soprannome di "Bird" dall'infanzia, da quando non aveva i soldi per entrare nel club e sentiva la musica dal cortile. Per questo era "yardbird", ovvero uccello da cortile. In seguito Charlie aveva comprato un sassofono e in poco tempo era diventato famoso. La sua musica faceva sognare ma la sua vita privata era un disastro: droga, alcol, sesso, disperazione. A trentaquattro anni cominciò a suonare, purtroppo solo per la Grande Mietitrice.
Clint Eastwood ci mette l'amore di una vita per il jazz e conquista un Golden Globe come Miglior Regista per questa avvincente biografia di Charlie "Yardbird" Parker, genio e pioniere del jazz. Il passato e il futuro si sovrappongono come un incantevole riff, mentre il film esplora il talento immenso e gli eccessi distruttivi di Bird. Nell'interpretazione, che gli è valsa il riconoscimento come Miglior Attore al Festival di Cannes, il protagonista Forest Whitaker è una candela che brilla alle due estremità. Diane Venora, premiata come Miglior Attrice non Protagonista dai New York Film Critics, condivide quella luce nei panni della devota moglie Chan Parker. Mescolando sapientemente le registrazioni da solista di Parker ai suoni di musicisti moderni, BIRD prende quota con vigore sulla sua colonna sonora, insignita dell'Oscar® per il Suono. Nelle mani di Eastwood, Bird torna davvero, meravigliosamente, a vivere.


MARTEDI 22 LUGLIO 2008

ORE 21.30
Sezione Teatro di STORIA e di STORIE di ROMA
T
eatro di Ribalta
presenta
reading & mise en scène
Viaggio reale e fantastico nei dintorni di Roma
i Borgia, i poeti, il contadino, il frate, l’eremita, il paladino
tratto da: Ariosto ● Bandello ● Belli ● Bembo ● Boccaccio ● Burcardo ● Burchiello ● Castiglione ● Dumas ●Guicciardini ● Machiavelli ● Stendhal ● Tasso
personaggi: Angelo Poliziano ● Savonarola ● Lorenzo De Medici ● Gaenolfo ● Lucrezia Borgia ● Alessandro VI ● Cesare Borgia ● Alfonso d’Este ● il Paladino ● il Frate ● il Contadino ● l’Eremita

con: Gaetano Mosca ▪ Paolo Ricchi ▪ Nicoletta Toschi
musiche da: AA.VV. a cura di Massimo Legnaioli e Roberto Valle
riduzione e mise en scène:Nicoletta Toschi
collaborazione: Gaetano Mosca
“La storia - diceva Dumas - è il chiodo al quale appendo i miei romanzi”. La storia è il chiodo al quale abbiamo appeso il nostro racconto teatrale, la mise en scène è un viaggio letterario, poetico e musicale, fra personaggi di potere, del popolo, dell’arte, nel racconto reale e fantastico nei dintorni e nella suggestione della Roma del ‘500.
Il viaggio: come fonte di piacere, di scoperta e di conoscenza; il viaggio: attraverso i grandi narratori, la parola e la cronaca; il viaggio: per conoscere Roma e i dintorni; il viaggio: con i grandi personaggi; il viaggio: nella storia dei Borgia; il viaggio: nel tempo, nel il Rinascimento.
L’8 aprile 1492, in una stanza di palazzo Careggi, situato ad una lega circa da Firenze, muore Lorenzo il Magnifico. Gli sono accanto Angelo Poliziano, Pico della Mirandola e Domenico Gerolamo Savonarola. Qui inizia il racconto di Alexandre Dumas. Da qui inizia il nostro viaggio, l’ascesa al potere di una delle famiglie più potenti della nostra storia: I Borgia.
Dumas compose i suoi “Delitti celebri” nel 1837. Né un romanzo storico, né una storia romanzata, solo la storia di una famiglia sullo sfondo avventuroso, luminoso e ambiguo del Rinascimento italiano. Dumas scrive in presa diretta, con piglio giornalistico, un giovane reporter che vuol far colpo col sensazionale, attento alle tinte forti della cronaca:
“La sorella era degna compagna del fratello. Libertina per fantasia, empia per temperamento, ambiziosa per calcolo, Lucrezia bramava piaceri, adulazioni, onori, gemme, oro, stoffe fruscianti e palazzi sontuosi. Lucrezia e Cesare figli prediletti di papa Alessandro VI, una trinità diabolica che regnerà per undici anni sul trono pontificio”.

MERCOLEDI 23 LUGLIO 2008
ORE 21.00
Sezione Musica dal Vivo
CONCERTO: GIOVANNI PALOMBO “ICARUS QUARTET”
Giovanni Palombo chitarre
Marcello Sirignano violino
Paolo Senni contrabbasso
Fabrizio La Fauci batteria
Il progetto musicale del quartetto di Giovanni Palombo presenta brani originali ispirati alla lettura. Poesia e frammenti letterari da cui le composizioni prendono le mosse e si snodano in un contesto in cui la musica si svolge trasversalmente: forte senso melodico, improvvisazione e armonia jazz, elementi di musica etnica e popolare toccano temi differenti e vari, come l'oblio e l'abbandono del Mare, la trasgressione e la rivolta della Canzone di Maggio, lo slancio verso il superamento dei limiti di Icaro, il senso del sacro di Corale,lo smarrimento e l'ambiguità di Dedalo, il senso di bellezza e mistero evocata da La Musica. Tutti titoli che, come vasi comunicanti evocano sovrapposizione, molteplicità del sentimento indagato attraverso la Parola e riflesso nella Musica o viceversa, in un infinito gioco di specchi.

GIOVEDI 24 LUGLIO 2008
ORE 21.00
Sezione Musica e Teatro
ANDREA CAMERINI & “CIAC ORCHESTRA”
IN: “MINOR_Taurus IN G” 
IL MINOTAURO ED IL SUO DOPPIO
Attore e Cantante: ANDREA CAMERINI
Testi e adattamenti di ANDREA CAMERINI
Direzione d’Orchestra, Musica originale e Arrangiamento:
STEFANO ROTONDI
Gli antichi miti da sempre vengono riletti ed interpretati attraverso tutte le arti.
Ciò è reso possibile dalla profondità antropologica dei contenuti e dei simboli da essi rappresentati attraverso un gioco di “specchi” e di “labirinti”.
Il mito del Minotauro di Creta non deroga da tutto ciò, ne troviamo testimonianze letterarie infinite (per citarne alcune DE RERUM NATURA di Lucrezio, LE METAMORFOSI di Ovidio, LA DIVINA COMMEDIA di Dante IL MINOTAURO di Durrenmatt) e se vogliamo leggere la metamorfosi ed il labirinto del metamorfizzato come uno stato dell’anima possiamo senz’altro citare Kafka e Dostoevskij.
Prendendo a spunto le varie tematiche, che si sono storicamente dipanate dal tema del Minotauro, le seguiremo come un filo d’Arianna attraverso dei monologhi recitati che ci condurranno alla suspense finale:
“Come è riuscito Teseo ad uccidere il Mostro invincibile?”
Il CIAC è da anni impegnato nella produzione originale di opere di musica moderna e jazz con l’interazione di testi teatrali, storia e letteratura.
Questo spettacolo prosegue, seppure su temi e piani diversi, il lavoro presentato lo scorso anno nella prima edizione del Festival delle Arti, "Pinocchio: Al Gambero Blues", interpretato da Rocco Papaleo.


VENERDÌ 25 LUGLIO 2008
ORE 18.00
Sezione Teatro per i più piccoli
PER UN PUGNO DI STRACCI di Mario Di Vita
Un petroliere senza scrupoli (De Profittis) fa sparire tutti i rifiuti per il riciclaggio. De Profittis puo’ così vendere le sue materie prime. Per comprarele vengono spesi i risparmi realizzati in tanti anni di attento e costante riciclaggio, denaro realizzato alla realizzazione di ospedali, servizi e scuole. Ma il “Cattivo” verrà smascherato…

ORE 21.30
Sezione Musica dal Vivo
MUSIC & DANCE
”TONY MANERO REVIVAL BAND”
30° anno della nascita della Dance Music, che si vuole far coincidere con l’uscita nelle sale del film “Saturday Nighyt Fever” (La Febbre del Sabato Sera), presentato a Roma nel 1978, un genere musicale espressamente dedicato alla danza, vissuta non solo come espressione artistica esclusivamente personale ma come forte momento di aggregazione.
Un concerto per i moltissimi appassionati della Dance anni ’70. Un decennio forse socialmente meno importante degli anni sessanta, ma musicalmente proficuo e importantissimo per la musica dance. E' infatti il decennio nel quale i clubs di colore dove si suonava solo black music e funky, escono dalla ghettizzazione per diventare un colossale fenomeno di massa consacrato proprio da "Saturday Night Fever" e dove la disco music, da genere musical underground, diventa successo da classifica.
A riproporci i brani più famosi del periodo sarà la:” TONY MANERO REVIVAL BAND” una formazione specializzata in questo tipo di repertorio che ripercorrerà i maggiori successi dell’epoca dei più grandi interpreti come Donna Summer, Earth, Wind & Fire, Diana Ross, Chic, The Jackson Five, Kool And The Gang, The Village People, Amy Stewart, Blondie, Gloria Gaynor e tanti altri ancora.


TUTELA DELLA PRIVACY - In conformità al D.Lgs. 196/2003 Testo Unico sulla Privacy per la tutela dei dati personali, L’Agenzia di comunicazione di ELISABETTA CASTIGLIONI garantisce la massima riservatezza dei tuoi dati. Qualora non fossi piu’ interessato a ricevere le Ns comunicazioni promozionali relative ad eventi culturali, ti invitiamo a cancellarti cliccando QUI


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl