Al Teatro Comunale in scena Giovanna D'Arco

03/dic/2009 20.19.39 ARPress Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa del 3 dicembre 2009
 
Theandric Teatro
presenta
 
Giovanna D’Arco
anche lei sceglierebbe la nonviolenza
 come strumento di lotta
San Gavino Monreale, 5 dicembre Teatro Comunale
 
 
Un viaggio tra passato e presente sulle tracce della vita della pulzella d’Orleans alla scoperta dell’inutilità della guerra.  Nella pièce “Giovanna D'Arco, anche lei oggi sceglierebbe la nonviolenza come strumento di lotta” non c’è solo un forte atto d’accusa contro la violenza ed i brutali comportamenti dell’essere umano, è riproposto anche il percorso di una conversione, l’intimo itinerario verso la conoscenza e la consapevolezza di poter contribuire a costruire un mondo di pace.
 
Prosegue con un'altra matinée dedicata agli studenti delle scuole superiori di San Gavino Monreale il tour sardo di “Theandric Teatro in Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza”.
Il nuovo appuntamento con lo spettacolo teatrale ideato dalla compagnia fondata nel 2001 da Maria Virginia Siriu e dall'attore e regista Gary Brackett del Living Theatre, è in programma sabato 5 dicembre, alle ore 11 al Teatro Comunale in via Dante Alighieri.  
 
La pièce scritta, diretta e interpretata da Maria Virginia Siriu su testi di Gandhi, Hannah Arendt, Paul Claudel, Jeanne D’Arc au Bucher, è un’incisiva riflessione su alcune problematiche globali come la guerra e le crisi internazionali, ma soprattutto sul modo di risolvere i contrasti e i conflitti senza dover aderire alla logica del più forte. 
 
Con le azioni sceniche e i testi interpretati da Daniela Collu, Maria Virginia Siriu e Massimo Zordan sul palcoscenico viene rievocata l’odissea umana e spirituale di Giovanna D’Arco: il dialogo con le voci, le battaglie, l’incoronazione, il tradimento di Carlo, il processo, la prigionia e la conversione ad una nuova visione della vita.  
Nello spazio angusto della cella dove è reclusa, sostenuta da una fede incrollabile e nella dimensione mistica della preghiera Giovanna, con un immaginario salto temporale che la trasporta nel mondo contemporaneo, incontra Gandhi e Martin Luther King.  Con queste due figure carismatiche del pacifismo internazionale condivide la stessa esperienza di vita e grazie al loro esempio fiorisce in Giovanna una nuova coscienza che le fa comprendere l’importanza di proseguire le sue battaglie senza cedere all’uso della forza.   
 
Seguendo un filo analogico, lei si trova a vivere controversie che toccano anche il vissuto quotidiano, il mondo della scuola, la famiglia e la società con tutti i suoi modelli votati all’esasperazione della competitività. Giovanna appare come sospesa in una dimensione tra i ricordi del suo passato e l’incombente necessità di affrontare una lotta nel presente.
Di fronte a questa quotidianità che richiede sempre più un senso di responsabilità, comprende non solo l’inutilità dell’uso delle armi, ma quanto può essere molto più efficace e coraggiosa la scelta della persona pacifica e non violenta per dirimere le dispute.
 
Le coreografie sono di Owen Perez Cesar, costumi di Valentina Chirico, allestimenti scenografici di Giorgio Puddu e Antonello Puddu, musiche composte da A.Honneger, Lazaro Ros, Kamkars.
 
 
Per informazioni:
Associazione culturale Theandric
Via Goretti, 2 Cagliari –Pirri
Segreteria: h. 16-19
Lunedì, mercoledì, venerdì
Tel. +39 070 9533059,
cell.+39 3883679790
e mail: organiz.thendric@yahoo.it
web: www.theandric.org 
 
Ufficio stampa:
Antonio Rombi
cell. +39 3924650631
e mail: antorombi@tiscali.it
e mail: antoniorombi@libero.it
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl