AD ASOLO L'OMBRA DEL SILENZIO PER RICORDARE A SHOAH

AD ASOLO L'OMBRA DEL SILENZIO PER RICORDARE A SHOAH Mercoledì 27 gennaio Gruppo Panta Rei porta in scena al Teatro Duse lo spettacolo che ha girato mezza Italia per ricordare le vittime dell'olocausto.

22/gen/2010 10.51.24 Gruppo Panta Rei Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mercoledì 27 gennaio Gruppo Panta Rei porta in scena al Teatro Duse lo spettacolo che ha girato mezza Italia per ricordare le vittime dell'olocausto.

Il 27 gennaio 1945 l'armata rossa sfondava i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz rivelando al mondo intero l'orrore del genocidio nazista. A sessantacinque anni da quella triste scoperta, l'esigenza sociale di tenere alta la memoria e il ricordo di quei tragici eventi impongono alla cosiddetta società civile di far propri pensieri e riflessioni per far sì che non si ripetano più situazioni del genere. Con questi propositi la compagnia Gruppo Panta Rei, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale di Asolo, ha deciso di proporre mercoledì 27 gennaio alle ore 21.00 lo spettacolo teatrale “Lombra del silenzio” nella suggestiva cornice del teatro E. Duse.

La rappresentazione è un malinconico caleidoscopio di emozioni e pensieri, una miscellanea eterogenea ma compatta di voci, storie, azioni e immagini. “L'ombra del silenzio” nasce da una precisa esigenza: quella di comunicare il diritto-dovere di “pensare”. Attenzione, non solo ricordare, come spesso chi tratta questo argomento ci invita a fare, ma di pensare, metabolizzare, fare proprie le sofferenze, i pensieri e le tragedie che la storia del secolo scorso ci ha lasciato; è questo più che un dovere storico, un'esigenza sociale e civile affinché la storia non si ripeta e le nuove generazioni riflettano e agiscano su ciò che è stato e quindi su ciò che dovrà essere. In scena due attrici, pochi indispensabili elementi per evocare le storie intime dei protagonisti e quella ufficiale della cronaca. I monologhi e le letture non ripercorrono un itinerario cronologicamente razionale, ma sono legati da un percorso emotivo precisamente voluto. Uno spettacolo teatrale sulla shoah ha prima di tutto il dovere di trasmettere emozioni, la forza magica e sublime del teatro, in questo caso, viene prima del contesto storico razionale; ho cercato quindi una drammaturgia “delle suggestioni” che domini su una, seppur presente, drammaturgia “dei fatti”.

Uno spettacolo forte, di impatto crudo e poetico che sicuramente potrà emozionare e coinvolgere tutti gli spettatori.

Ingresso € 8,00

info e prenotazioni: 0423 53544 | 328 3857664 | info@gruppopantarei.it | www.gruppopantarei.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl