Prossimo spettacolo

Allegati

01/apr/2005 17.06.08 Teatro Vascello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Teatro Stabile d'Innovazione

Direzione Artistica: Giancarlo Nanni e Manuela Kustermann

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giardini Pensili
associazione

via S. Aquilina 23, 47900 Rimini, Italy, tel/fax +39 0541 759316

email: info@giardini.sm  www.giardini.sm  P.I. IT 02452280403

 

 

dal 12 aprile al 17 aprile

Progetto Speciale: workshop, performance, eventi, musica, ospiti di Roberto Paci Dalò presentato da Giardini Pensili. Info e prenotazioni 06 5881021 - promozione@teatrovascello.it - amministrazione@teatrovascello.it

 

 

Giardini Pensili

Animalie

uno spettacolo di  Roberto Paci Dalò

dal 5 aprile al 10 aprile

Prezzi 12 euro intero - 8,00 euro ridotto under 26, over 65

Orari dal martedì al sabato ore 21.00 - domenica ore 17.00

Info e prenotazioni 06 5881021

 

un commentario scenico  a "L'aperto" di Giorgio Agamben

regia, musica, video, luci: Roberto Paci Dalò

con: Azzurra Migani
scene: Edoardo Sanchi
live video mixing: Filippo Giunchedi

mixer luci: Lora Casadei
software live video: Tom Demeyer / STEIM Amsterdam
disegni: Oreste Zevola

voce registrata e elaborata: Giorgio Agamben
collaborazione drammaturgica: Nicoletta Fabbri
assistente alla regia e cura: Lora Casadei

 

produzione: Giardini Pensili, 2.Tants Tallinn, Musiques Nouvelles Mons, Ailleurs, Commune d'Ixelles, Transcultures Bruxelles

in collaborazione con: Teatro Petrella Longiano, GMEM Marseille, STEIM Amsterdam, Maison du Spectacle la Bellone Bruxelles, [ dyne.org ] Vienna, Astragali Lecce

con il sostegno di Regione Emilia-Romagna e Provincia di Rimini, Comunità Europea / Cultura 2000

 

ringraziamenti: Anna-Liisa Lepasepp, Tania Arias Winogradow, Michele Chiaruzzi, Alessandra Ripa, Pierpaolo Paolizzi, Sandro Pascucci, Philippe Franck, Jean-Paul Dessy, Jaromil, Priit Raud, Santarcangelo dei Teatri

 

 

"L'animale ha memoria, ma nessun ricordo"
Heymann Steinthal

 

"Dove la scienza classica vedeva un unico mondo che comprendeva dentro a sé tutte le specie viventi gerarchicamente ordinate, dalle forme più elementari fino agli organismi superiori, Uexküll pone invece una infinita varietà di mondi percettivi tutti ugualmente perfetti e collegati fra loro come come in una gigantesca partitura musicale e, tuttavia, incomunicanti e reciprocamente esclusivi. Troppo spesso noi immaginiamo che le relazioni che un determinato soggetto animale intrattiene con le cose del suo ambiente abbiano luogo nello stesso spazio e nello stesso tempo di quelle che ci legano agli oggetti del nostro mondo umano. Questa illusione riposa sulla credenza in un mondo unico in cui si situerebbero tutti gli esseri viventi. Uexküll mostra che un tale mondo unitario non esiste, così come non esistono un tempo e uno spazio uguali per tutti i viventi. L'ape, la libellula o la mosca che osserviamo volare accanto a noi in una giornata di sole, non si muovono nello stesso mondo in cui noi li osserviamo né condividono con noi - o fra di loro - lo stesso tempo e lo stesso spazio".

(Giorgio Agamben)

 

 

ANMALIE lavora su una sensorialità estesa sfruttando tutte le possibilità dell'immagine e del suono per creare un'opera che immerge il pubblico in un inusuale flusso di immagini e pulsazioni elettroniche dove l'idea di teatro si lascia alle spalle la parola per addentrarsi nei territori della trance e delle più avanzate esperienze sceniche e percettive. Un teatro sensoriale che riunisce tutte le arti.

Sono utilizzate innovative tecnologie video e parte delle immagini - inclusi disegni originali di Oreste Zevola -  sono create in diretta utilizzando software che permettono di catturare immagini provenienti dal palcoscenico per modificarle in tempo reale e riproiettarle su grande formato in una particolare scena - disegnata da Edoardo Sanchi - fatta di più superfici di proiezione. Un'unica performer - Azzurra Migani - è qui impegnata in un lavoro di grande fisicità confrontandosi e "dirigendo" questo dispositivo di ampie dimensioni.

ANIMALIE è un commentario scenico al testo "L'aperto, l'uomo e l'animale" del filosofo Giorgio Agamben. La drammaturgia di questo pezzo si riferisce al testo di Agamben come glossa o contrappunto e nello spettacolo si può sentire la sua voce registrata elaborata in modo tale da avvicinarla - nella concretezza del suono stesso alle voci degli animali da lui evocati nel testo.

 

- Roberto Paci Dalò

 
 

Cristina D'Aquanno

 

Come raggiungerci

Il teatro Vascello si trova in Via G. Carini 78 a Monteverde Vecchio (Roma), sopra Trastevere

Con mezzi privati: parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a c.a. 100 metri dal Teatro

Con mezzi pubblici: l'autobus 75 ferma proprio avanti il teatro e si può prendere da Stazione Termini, Colosseo, Circo Massimo e Piramide, oppure il 44, il 710, l'870 e l'871.

Vi aspettiamo

La Fabbrica dell'Attore - Teatro Vascello - via G. Carini 78 - 00152 Roma 065881021 - fax 065816623 - promozione@teatrovascello.it  www.teatrovascello.it

Ai sensi della legge sulla privacy (L. 675/96) tutti i nominativi della nostra mailing list sono in copia nascosta  e non vengono diffusi o resi noti in alcuna forma, neppure agli altri membri. Se non hai interesse per i servizi e le notizie del Teatro Vascello e desideri la cancellazione dalla mailing list è sufficiente inviare una risposta al presente messaggio con la parola "cancella". Se hai amici che possono essere interessati alle notizie e ai servizi del Teatro Vascello inoltra loro questa mail. Nuovi membri: per ricevere le news su spettacoli e labs e avere informazioni su convenzioni per la nuova stagione del Teatro Vascello inviare una mail con nome e cognome a promozione@teatrovascello.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl