UNA STANZA AL BUIO - Roma Teatro Stanze Segrete dal 5 al 17 aprile

05/apr/2005 16.10.18 Gianluca Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

STANZE SEGRETE

Via della Penitenza 3- tel.06/6872690

Dal 5 al 17 aprile

 

Ass. Fra artisti Le  Pleiadi

Presenta

 

UNA STANZA AL BUIO

 

di

Giuseppe  Manfridi

 

con

Gian Matteo Bertozzi
Raffaella Ancora
 
Musiche   Antonio Di Pofi
Scene e costumi Giorgia Bragalone

 

Regia Francesco Branchetti

 

Rappresentata per la prima volta nell’81, Una stanza al buio di Giuseppe Manfridi sceneggiatore, regista, attore e autore di numerose commedie di successo, rappresentate in Italia e all’estero, dal 5 aprile viene proposta per la regia di Francesco Branchetti, con l’interpretazione di Gian Matteo Bertozzi e Raffaella Ancora al teatro Stanze Segrete.

Uno scapolo viene ucciso nel suo appartamento che aveva trasformato in una piccola garconnière. Mentre le indagini proseguono, un uomo e una donna si incontrano sul luogo del delitto. Davanti ai loro occhi si presenta una sagoma di gesso….

Lui, introverso, oppresso dalla rabbia e dall’ansia, scultore e amministratore dello stabile, lei misteriosa, intrigante e piena di sé.

Ma cosa conduce i due protagonisti in quella stanza?

“ E’ una commedia, - commenta il regista - , che vive dei suoi personaggi, dei loro caratteri, che più diversi non potrebbero essere, delle loro manie, tic, ossessioni e del gioco che tra loro si viene a creare. Un meccanismo perverso di seduzione? Plagio? Complicità forse? I colpi di scena sono molti

e i due personaggi ci conducono in un misterioso balletto, in un clima che oscilla tra il comico e il grottesco, il poetico e talvolta l’assurdo; fino a quando sprofondano in un vortice creato da loro stessi e dal mondo di valori e stili di vita che hanno abbracciato, dal quale solo il colpo di scena finale ci farà uscire.

La regia intende restituire al testo di Manfridi la capacità straordinaria di indagare due personaggi complessi e fuori dall’ordinario come quelli di “Una stanza al buio” e di farlo senza dimenticare humour e ironia; scene e musiche daranno un apporto fondamentale a questo viaggio dei due universi, opposti e talvolta complementari di cui sono portavoce i personaggi di questa pièce.”

Note dell’Autore

“Una commedia “gialla” è duro riassumerla schivando tutte le indicazioni, anche le più minime, che potrebbero alludere al “come va a finire”. Mi limiterò, a dire quale l’ambiente, e ciò che lo abita: un appartamentino di natura un po’ retrò, che uno scapolo impenitente, non per nulla malvisto da un condominio incline alla terza età, ha svecchiato trasformandolo in una “garconnière” sul cui pavimento campeggia, ad apertura di sipario, una sinistra sagoma di gesso. I contorni di una salma. Di chi? Per l’appunto, dello scapolo impenitente.

Ebbene, in questo luogo peccaminoso contaminato da un delitto sul quale ancor si sta indagando, si introducono un uomo e una donna. Lui è l’amministratore dello stabile (di professione, scultore), ma da tutti considerato e trattato come il portiere… corruttibile, in po’ tapino ma pure afflitto da rabbie malamente represse; lei ben più misteriosa, è forse un’avventuriera alla ricerca non si sa bene di che. O meglio: non lo si sa all’inizio ma lo si capirà alla fine. Terzo personaggio: una femmina di notevole avvenenza che saprà rendersi protagonista della storia senza nemmeno bisogno di comparire in carne e ossa ma solo attraverso la propria immagine in video.

L’azione si consuma in un arco di tempo reale mentre, dal piano di sopra, discendono il festante ciacolio e le melodie mielose di una festicciola organizzata per brindare alla salute di due fidanzatini plurisessantenni.

Fra l’uomo e la donna s’avvia una schermaglia leggera sul principio, vieppiù maliziosa nel suo procedere, successivamente complice sino quasi alla scabrosità e all’eros, e da ultimo, impietosa. La dinamica che si avvia e si consuma, è quella di un plagio insinuante e progressivo. L’esito, un colpo di scena. Anzi, due. Forse,tre.”

                                                                                    Giuseppe Manfridi

 

In scena al Teatro Stanze Segrete fino al 17 aprile. Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, festivi ore 18. lunedì riposo. Biglietto: intero euro 10, ridotto euro 7 (più tessera).

 

Ufficio Stampa

Valeria Buffoni
tel.06/7883848-347/4871566

valebuf@yahoo.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl